La nuova tavola periodica degli elementi

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
La versione finalmente aggiornata della tavola degli elementi.|IUPAC
La versione finalmente aggiornata della tavola degli elementi.|IUPAC
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

Se ne avete una appesa sopra alla scrivania, è arrivato il momento di cambiarla: le quattro recenti aggiunte alla settima riga hanno ora anche un nome ufficiale. Anno nuovo, nuova tavola periodica: i quattro nuovi elementi chimiciv annunciati lo scorso dicembre, che da gennaio occupano le caselle 113, 115, 117 e 118 della settima riga dello schema, hanno ora finalmente un nome.

Si chiamano rispettivamente nihonium (Nh), moscovium (Mv), tennessine (Ts) e oganesson (Og) – nelle versioni italianizzate nihonio, moscovio, tennessinio e oganesson – e sono i termini ufficialmente proposti dai ricercatori, ora approvati dallo IUPAC (International Union of Pure and Applied Chemistry), dopo cinque mesi di consultazioni.

UNA LUNGA GESTAZIONE. Lo scorso gennaio, quando è stata ufficializzata la scoperta dei quattro elementi, ai nuovi arrivati erano stati assegnati soltanto nomi identificativi provvisori, derivanti dal numero delle loro caselle: ununtrium (Uut, elemento 113), ununpentium (Uup, elemento 115), ununseptium (Uus, elemento 117) e ununoctium (Uuo, elemento 118).

L’ultimo elemento della settima riga della Tavola periodica, il 118, dopo l’annuncio della verifica della sua esistenza, quando il nome provvisorio era ununoctium, ossia uno-uno-otto (clicca sull’immagine per ingrandirla). | CARLOS CLARIVAN/SCIENCE PHOTO LIBRARY

A giugno, i ricercatori russi, americani e giapponesi autori delle scoperte avevano proposto un nome per ogni elemento, seguendo la tradizione di battezzare le loro “creature” con un nome ispirato a un luogo geografico o a uno scienziato.

LE ORIGINI DEI NOMI. Ora le loro proposte sono state accettate e i nuovi elementi – con tanto di nome ufficiale – hanno trovato definitivamente posto nella nuova tavola (scaricabile qui). Il 113 e il 115 onorano rispettivamente il Giappone (nihon, in giapponese) e Mosca, patrie dei rispettivi scopritori.

Il 117, tennessine, prende il nome dallo stato americano del Tennessee, noto per le pionieristiche ricerche in ambito chimico. Si tratta del secondo stato americano a finire sulla tavola, dopo la California (l’elemento 98 è il californium). L’oganessium onora invece lo scienziato russo 83enne Yuri Oganessian, autore della scoperta di alcuni degli elementi più pesanti della tavola periodica.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.