La materia oscura composta da hexaquark

Amicizia ed Incontri in Web Cam

La materia oscura composta da hexaquark
La materia oscura composta da hexaquark
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Origine della materia oscura: spunta un nuovo candidato. La materia oscura è una componente misteriosa che costituisce l’85% della materia nell’Universo. Nonostante decenni di studi, la sua origine fisica è rimasta un enigma. Sebbene non possa essere osservata direttamente – poiché non assorbe né emette o riflette alcun tipo di radiazione elettromagnetica -, è stata rilevata attraverso i suoi effetti gravitazionali con la materia visibile, come stelle e pianeti.

Un team di ricercatori dell’Università di York ha proposto un nuovo candidato che potrebbe spiegare la sua origine e quindi aggiungere un tassello fondamentale alla nostra comprensione di come si è formato l’Universo. Il candidato in questione è una particella subatomica chiamata d-star hexaquark.

Origine della materia oscura: spunta un nuovo candidato I quark, ad oggi considerati particelle elementari, cioé indivisibili, sono uno dei mattoni fondamentali delle particelle sub-atomiche, di cui è composta la materia.  Solitamente, si combinano in gruppi di tre – prendendo il nome di barioni – per formare protoni e neutroni e la maggior parte della materia visibile nell’Universo è costituita da questa combinazione. La nuova particella subatomica è composta da sei quark – e in questo caso, l’unione crea un tipo di particella chiamata hexaquark.

È importante sottolineare che sei quark in una d-star producono un bosone, il che significa che quando sono presenti molte d-star, queste possono combinarsi insieme in modi molto diversi rispetto ai protoni e ai neutroni.

Il nuovo studio suggerisce che poco dopo il Big Bang molte particelle d-star hexaquark si sarebbero raggruppate mentre l’Universo si raffreddava e si espandeva per formare il quinto stato della materia: il condensato di Bose-Einstein.

«L’origine della materia oscura nell’Universo è uno dei maggiori quesiti della scienza che fino ad ora è rimasto senza risposta. I nostri primi calcoli indicano che i condensati delle d-star sono un nuovo candidato possibile per la materia oscura. Questo nuovo risultato è particolarmente eccitante poiché non richiede concetti nuovi per la fisica», ha spiegato Daniel Watts, co-autore dello studio.

«Il prossimo passo per stabilire se questo nuovo candidato per la materia oscura è attendibile sarà quello di ottenere una migliore comprensione di come interagiscono le stelle D, quando si attraggono e quando si respingono. Stiamo conducendo nuove misurazioni per creare stelle a D all’interno di un nucleo atomico e vedere se le loro proprietà sono diverse rispetto a quando sono nello spazio libero».

Lo studio è stato pubblicato su the Journal of Physics G Letters.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.