La lunga vita delle sonde marziane

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
La lunga vita delle sonde marziane
La lunga vita delle sonde marziane
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

Opportunity è su Marte da 5 mila giorni marziani: doveva resistere per soli 90 giorni. Possiamo dire che Opportunity ce l’ha fatta a compiere la sua missione marziana. Doveva resistere nell’ambiente “ostile” per circa 90 giorni marziani, ma è sopravvissuto per molto più tempo del previsto.

La NASA ha celebrato un importante anniversario e un grande traguardo per quanto riguarda le missioni sulla superficie di Marte: il rover Opportunity ha resistito sul Pianeta Rosso per ben 5 mila giorni marziani. Si tratta di un successo incredibilmente significativo per il piccolo robot, visto che le stime dell’agenzie spaziale lo volevano funzionante per soli 90 giorni marziani. Ed è anche in ottima compagnia, visto che oggi si trova a pattugliare Marte insieme a Curiosity.

Opportunity è stato lanciato il 7 luglio 2003 insieme al rover gemello Spirit. Entrambi sono atterrati sul pianeta a gennaio 2004, procedendo lungo percorsi opposti. Il giorno dell’arrivo su Marte è stato considerato Sol 1, con il termine Sol che è quello utilizzato per descrivere il giorno marziano, ovvero il tempo necessario pianeta perché il pianeta compia una rotazione lungo il proprio asse. È simile a quello terrestre, e dura circa 24 ore e 40 minuti.

Le missioni di entrambi i rover avevano una durata pattuita di circa 90 sol, una stima che si è rivelata piuttosto pessimistica. I tecnici dell’agenzia spaziale credevano infatti che i veicoli non avrebbero superato il primo inverno marziano, stagione che ha una durata del doppio rispetto a quella terrestre. Opportunity e Spirit sono arrivati nell’emisfero sud di Marte, che non riceve molta luce solare durante l’inverno e limita le potenzialità dei due veicoli.

L’agenzia ha comunque trovato un modo per orientare i pannelli solari installati sui veicoli in modo da ottimizzare la loro esposizione verso il Sole, estendendo così le tempistiche delle missione. Nel 2009 Spirit è stato perso perché bloccato su una superficie sabbiosa che ha impedito di orientare i pannelli verso il sole, mentre Opportunity macina ancora oggi chilometri sulla superificie marziana. Quanti? Ad oggi ne ha percorsi circa 45.

Il rover è responsabile di diverse scoperte per quanto riguarda il Pianeta Rosso, come alcune prove sull’eventuale presenza di acqua sulla superficie in tempi antichi. Al momento si trova nella cosiddetta Perseverance Valley per offrire spunti sui processi geologici che hanno formato l’area.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.