Il grande business delle bufale online

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Il grande business delle bufale online
Il grande business delle bufale online
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Fake news preoccupano 8 utenti su 10. Sondaggio Bbc, ma maggioranza contraria ad interventi governo. Cresce nel mondo la preoccupazione per le ‘fake news’, la bufale online su cui si sono accesi i riflettori in particolare durante la campagna per le elezioni presidenziali statunitensi. È quel che emerge da un sondaggio condotto per conto della Bbc in 18 Paesi (tra i quali non c’è l’Italia), secondo il quale quasi 8 utenti su 10 si dicono preoccupati per quello che può essere vero o falso online, ma la maggior parte è riluttante all’idea di una regolamentazione di internet da parte dei governi.

Condotto su un campione di 16 mila adulti tra gennaio e aprile dalla società Globescan, il sondaggio indica che solo in due Paesi, Cina e Gran Bretagna, la maggior parte degli intervistati – rispettivamente il 67% e il 53% – propende per una maggiore regolamentazione governativa di internet. I più contrari sono risultati greci (84%) e nigeriani (82%). I più preoccupati per le fake news sono invece i brasiliani (92%).

Solo la Germania, che ha lanciato una lotta intensa alle bufale online anche in vista delle elezioni che si terranno domenica prossima, una maggioranza ristretta delle persone (il 51%) ha detto di non essere preoccupata del tema.

Cresce globalmente anche un certo disagio nell’esprimere pubblicamente le proprie opinioni online: nei 15 Paesi oggetto della stessa indagine anche nel 2010, il 53% non lo considera sicuro, percentuale in crescita rispetto al 49% rilevato 7 anni fa. In Europa e Nord America il disagio sentito è maggiore.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.