I satelliti la confermano gli effetti del riscaldamento globale sugli oceani

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
I satelliti la confermano gli effetti del riscaldamento globale sugli oceani
I satelliti la confermano gli effetti del riscaldamento globale sugli oceani
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

I satelliti misurano l’aumento nella crescita del livello dei mari. Il livello dei mari cresce, con un’accelerazione dell’innalzamento, ma non dappertutto nello stesso modo – e questo gli scienziati ancora non lo sanno spiegare. Un gruppo internazionale di scienziati riuniti in questi giorni al Radar Altimetry Symposium, un incontro a livello mondiale per condividere le ricerche sulle variazioni del livello dei mari, afferma che l’innalzamento è costante e che negli ultimi cinque anni il fenomeno ha accelerato.

Vista satellitare delle Maldive, nell'Oceano Indiano, uno dei luoghi più esposti all'aumento del livello dei mari.|Esa
Vista satellitare delle Maldive, nell’Oceano Indiano, uno dei luoghi più esposti all’aumento del livello dei mari.|Esa

Le misure. C’è un solo strumento per misurare con precisione la quota dei mari e la loro variazione nel tempo: l’altimetro radar dei satelliti lanciati anche per questo. I satelliti registrano la topografia della superficie marina inviando onde radio che, riflesse dall’acqua, tornano al satellite in tempi differenti a seconda della distanza tra la superficie e il satellite stesso. Per raccogliere le serie di registrazioni si usano missioni satellitari a lungo termine, come i Jason (Cnes-Nasa) e i Sentinel (Esa). La precisione dei rilevamenti è millimetrica.

Illustrazione: il Sentinel-6, dell'Esa, sarà lanciato per ottenere dati ancora più precisi della superficie dei mari. | Esa
Illustrazione: il Sentinel-6, dell’Esa, sarà lanciato per ottenere dati ancora più precisi della superficie dei mari. | Esa

Le registrazioni permettono di affermare che in 25 anni, tra il 1993 e il 2018, la superficie degli oceani si è innalzata, mediamente, di 3,2 millimetri l’anno, con una crescita record di 4,8 millimetri l’anno negli ultimi cinque anni. Siamo dunque di fronte a un forte incremento in atto del fenomeno.

«I dati mostrano insomma che il livello del mare è aumentato di oltre 3 millimetri l’anno dal 1993 a oggi, ma si tratta di una media: l’innalzamento sta accelerando, a causa del riscaldamento globale», afferma Anny Cazenave (dip. di geofisica, università di Tolosa).

Una mappa globale dei trend di innalzamento del livello dei mari. | Esa
Una mappa globale dei trend di innalzamento del livello dei mari. | Esa

Jérôme Benveniste (Esa) sottolinea che «con milioni di persone che vivono nelle comunità costiere di tutto il mondo, l’innalzamento del livello del mare è una delle maggiori preoccupazioni. Le informazioni che otteniamo dagli altimetri satellitari sono essenziali per capire quanto velocemente proceda il fenomeno, in modo che i responsabili politici siano in grado di avviare le appropriate misure per attenuare il problema».

Riscaldamento globale e livello dei mari: quale futuro per l'Italia?
Riscaldamento globale e livello dei mari: quale futuro per l’Italia?

Medie generali e locali. Lo studio si prefigge non solo di ottenere tendenze medie, ma di interpretare le differenze regionali, perché in alcuni luoghi l’altezza del mare sta aumentando – mentre in altri sta calando. Il perché di queste differenze non è del tutto chiaro.

Quando l’acqua di mare accumula calore e si scalda, si espande, e sebbene l’espansione termica sia la causa principale dell’aumento del livello del mare, le differenze tra luogo e luogo sono notevoli. In parte questo può essere dovuto a eventi come El Niño, oppure allo scioglimento di ghiacciai continentali e calotte polari (si stima che questi due fattori incidano attualmente per il 45% sull’aumento del livello del mare) e un’altra causa ancora può essere lo scarico delle falde acquifere che arrivano dalla terraferma. Ma quanto tutto ciò contribuisca al fenomeno e alle differenze geografiche riscontrate, è ancora molto incerto.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.