I Protoni sono più leggeri di quanto si teorizzava finora

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
I Protoni sono più leggeri di quanto si teorizzava finora
I Protoni sono più leggeri di quanto si teorizzava finora
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

Ricalcolata la massa del protone: è inferiore al previsto. Nuove misure per la particella che contribuisce in modo importante alla massa dell’atomo. Protoni e neutroni formano il nucleo dell’atomo.

Uno studio coordinato da Fabian Heisse (del Max Planck Institut, Germania) è giunto a una più precisa misurazione della massa dell’atomo, in particolare dei protoni, e, sì, sono decisamente più leggeri di quanto si pensava finora!

Forse atomi e protoni vi sembrano piccole cose. Giusto, ma secondo le stime un corpo umano adulto è fatto da almeno 7 x 1027 atomi (7 seguito da 27 zeri, un numero impronunciabile), ognuno dei quali ha una massa inferiore a ciò che la fisica ha fino a oggi stimato.

Il lavoro per giungere alla nuova misura è stato notevole (vi hanno preso parte diversi istituti tedeschi e il centro di ricerca giapponese RIKEN): per cominciare, utilizzando intensi campi magnetici i ricercatori sono riusciti a “bloccare” un protone all’interno di una camera a vuoto mantenuta a una temperatura vicina allo zero assoluto.

fisica, fisica della materia, atomo, protoni, massa dell'atomo
Schema di un atomo di carbonio-12.

I fisici hanno quindi iniziato a rilevare il comportamento del protone in tale situazione, e hanno calcolato la velocità con la quale la particella si muoveva all’interno di un nucleo di carbonio-12 (12C, uno dei due isotopi stabili del carbonio) e da questa hanno infine calcolato la massa della particella.

OK, MA DI QUANTO? La rettifica è espressa da un altro numero impronunciabile: 30 miliardesimi dell’uno per cento inferiore a quanto previsto. Se volete i numeri, la massa del protone è 1,007276466583 unità atomiche (una unità atomica è la dodicesima parte della massa di un atomo di carbonio-12) e non 1,007276466879, come precedentemente sancito dal CODATA, il comitato internazionale per i dati di scienza e tecnologia.

Non è poca cosa: il protone contribuisce in modo importante alla massa dell’atomo, che è una unità fondamentale della fisica – come la costante di Planck (anch’essa recentemente corretta) e la velocità della luce. La massa del protone è di poco inferiore a quella del neutrone (dello 0,14%, probabilmente ora da verificare) mentre è ben 1836 volte superiore a quella dell’elettrone (anche questo dato andrà rettificato).

fisica, fisica della materia, atomo, protoni, massa dell'atomo

Con il Big Bang si formarono atomi e antiatomi, che sono uguali ai primi ma con carica opposta: a contatto, i due annichiliscono trasformandosi in energia.

Una misura dell’importanza della scoperta la danno le nostre interpretazioni dei primi istanti dell’Universo, appena dopo il Big Bang: calcoli teorici hanno stimato che se la differenza di massa tra protone e neutrone fosse stata dello 0,19% anziché dello 0,14% si sarebbe formato più elio e meno idrogeno, e le stelle non si sarebbero accese come hanno fatto.

LEGGERI E SNELLI. Certo alcuni calcoli andranno rivisti e le stime messe alla prova, ma un nuovo valore per l’unità di massa atomica potrebbe spiegare uno dei grandi problemi non risolti della fisica: perché nell’Universo c’è più materia che antimateria?

In base alle nostre teorie, materia e antimateria si formarono istantaneamente nella medesima quantità, alla nascita dell’Universo, ma poi la materia prese il sopravvento e il suo surplus ora forma l’Universo che conosciamo. Nelle nuove misure forse i fisici troveranno la risposta al perché si verificò questa situazione e non, per esempio, il suo opposto.

Non è tutto: la nuova misura della massa potrebbe anche spiegare perché in molti esperimenti il raggio del protone sembra essere del 4 per cento più piccolo di quel che la teoria predice. Se tutto va bene, oltre che più leggeri adesso siete anche più snelli.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.