Gli effetti dell’ipnosi si vedono nel cervello

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Gli effetti dell'ipnosi si vedono nel cervello
Gli effetti dell'ipnosi si vedono nel cervello
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

E sono reali: secondo uno studio, c’è un reale cambiamento nell’attviità cerebrale di chi è in trance.
Nonostante non goda di buona fama, per i suoi trascorsi talvolta legati alla ciarlataneria, l’ipnosi è utilizzata in medicina, dove ha dimostrato di funzionare nel controllo e nel trattamento del dolore. Ma anche tra i medici c’è diffidenza, probabilmente per il fatto che non si è ancora ben compreso che cosa sia esattamente: è uno stato fisiologico a sé? Una particolare modalità di funzionamento del cervello? Solo un’illusione generata dalle aspettative?

Uno studio porta ora nuovi dati a sostegno dell’ipotesi che il cervello ipnotizzato abbia davvero un’attività distinta e caratteristica rispetto a quella del normale stato di veglia.

Attenzione, concentrazione. Le ricerche hanno già dimostrato che l’ipnosi non ha niente a che vedere con il sonno o con il sonnambulismo. Non è uno stato alterato della coscienza e le persone sotto ipnosi sono perfettamente in grado di intendere e volere, hanno semplicemente l’attenzione molto focalizzata su qualcosa, uno stato simile a quello di quando ci si trova così assorbiti in un’attività da dimenticare quasi il mondo esterno.

Ipnotizzabili e non. Per l’esperimento, un gruppo di ricercatori dell’Università di Stanford, ha sottoposto 500 persone a test per misurare il loro grado di ipnotizzabilità, che è molto variabile da un individuo all’altro: il 10-15 per cento ottiene punteggi alti che lo fanno definire “altamente ipnotizzabile”, un altro 10-15 per cento “scarsamente o per niente” ipnotizzabile e il resto lo è in misura intermedia.

Tra queste persone ne sono state selezionate 36 altamente ipnotizzabili e 21 che non lo erano per niente. Tutti sono stati sottoposti alle classiche procedure di induzione dell’ipnosi – di solito si tratta della lettura di un testo in cui si danno istruzioni precise su che cosa immaginare – mentre il loro cervello veniva analizzato con la risonanza magnetica funzionale. Tra il gruppo degli ipnotizzabili e quello dei non ipnotizzabili sono poi state osservate le differenze nell’attività del cervello.

Gli autori dello studio hanno individuato alcuni cambiamenti specifici nei soggetti ipnotizzabili rispetto a quelli non ipnotizzabili nelle aree dedicate all’attenzione, al controllo del movimento e alla coscienza dell’ambiente.

Differenze nel cervello. Secondo loro, la diversa attività in queste aree spiegherebbe proprio le caratteristiche dello stato di ipnosi, in particolare l’intensa concentrazione, la mancanza di autocoscienza e la suggestionabilità. Si tratterebbe insomma non di una sorta di illusione indotta dall’aspettativa, ma di sensazioni indotte da un cambiamento vero e proprio nella fisiologia del cervello.  In altre parole ancora, gli effetti dell’ipnosi non sarebbero immaginati ma reali.
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.