Entanglement quantistico riuscito nello spazio su un cubesat

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Entanglement quantistico riuscito nello spazio su un cubesat
Entanglement quantistico riuscito nello spazio su un cubesat
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Entanglement quantistico realizzato a bordo di un nanosatellite cubesat. Un altro passo importante nel contesto di una rete globale quantistica per la comunicazione è stato realizzato da un team di ricercatori dell’Università Nazionale di Singapore.

Il dispositivo quantistico realizzato dagli scienziati (credito: <a href="https://www.osapublishing.org/optica/abstract.cfm?uri=optica-7-7-734" rel="nofollow" data-aalisten="1"> doi: 10.1364/OPTICA.387306 – OSA</a>)
Il dispositivo quantistico realizzato dagli scienziati (credito: doi: 10.1364/OPTICA.387306 – OSA)

Guidati da Aitor Villar del Center for Quantum Technologies, i ricercatori sono riusciti a generare nonché a rilevare il fenomeno dell’entanglement quantistico a bordo di un nanosatellite, un cubesat denominato SpooQy-1 dal peso di 2,6 kg che naturalmente orbita intorno al nostro pianeta. Il nanosatellite è stato equipaggiato con uno speciale dispositivo miniaturizzato che è riuscito a generare con successo coppie di fotoni aggrovigliati ad una temperatura compresa tra 16 e 21,5° centigradi.

Secondo quanto spiega lo stesso Villar, questo risultato è promettente nel senso che infonde speranza nella possibile creazione di una rete quantistica globale che possa trasmettere dati e informazioni tramite segnali quantici da veicoli spaziali verso la Terra e viceversa.
I segnali potrebbero poi essere usati per alimentare praticamente qualsiasi applicazione di comunicazione quantistica. Si potrebbe, per esempio, distribuire chiavi quantistiche per trasmettere dati sicurezza e si potrebbero trasferire le informazioni replicandole tramite il fenomeno del teletrasporto quantistico.

Questa versione miniaturizza di entanglement quantistico ha dimostrato di poter operare anche a bordo di un cubesat, dunque un satellite tra i più economici e a basso costo, grande quanto un una scatola delle scarpe, anzi anche meno.
“Speriamo che il nostro lavoro ispiri la prossima ondata di missioni di tecnologia quantistica basata sullo spazio e che nuove applicazioni e tecnologie possano beneficiare dei nostri risultati sperimentali”, spiega ancora lo stesso Villar.

Lo studio è stato pubblicato su OSA | Entanglement demonstration on board a nano-satellite (IA) (DOI: 10.1364/OPTICA.387306) (PDFPDF su IA)

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.