Drogaggio nei circuiti integrati

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
drogaggio nei chip elettronici
Metodi di diffusione, per i circuiti integrati, come in questo caso parlando di drogaggio
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook

In un circuito integrato ci deve essere la diffusione nel silicio di atomi nel suo reticolo cristallizzato; ma questa tecnica ha vari procedimenti.


Le modalità comunemente utilizzate allo scopo di introdurre impurità nel reticolo cristallizzato del silicio sono due: la diffusione e l’impiantazione ionica. Il procedimento di diffusione consiste nel movimento di un materiale attraverso un altro. Affinché questo procedimento possa verificarsi, è sufficiente che siano soddisfatte due condizioni:

 – che la concentrazione del materiale si diffonde sia maggiore rispetto all’altro;

che il sistema disponga di energia sufficiente allo svolgimento del processo.

Se sopra a uno strato di silicio si deposita un materiale con un alta concentrazione di impurità ( e cioè boro, arsenico o fosforo) e si sottopone il tutto ad un temperatura sufficiente, le impurità si diffondono all’interno del silicio, dando luogo a zone tipo-p (boro), oppure di tipo-n (arsenico o fosforo). Nel processo di impiantazione ionica, anche se il metodo di realizzazione è radicalmente diverso, lo scopo è esattamente lo stesso: portare all’interno del materiale elementi che consentono di definire zone n o p all’interno del silicio. In questo caso gli atomi delle impurità vengono previamente ionizzati. Lo ione dell’impurità viene accelerato in un campo elettromagnetico e lanciato contro la superficie del silicio. Cosi lo ione penetra nel reticolo cristallino del silicio, e agisce come elemento di drogaggio.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.