Reperto della civiltà Maya scoperto intatto grazie agli alberi

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Reperto della civiltà Maya scoperto intatto grazie agli alberi
Reperto della civiltà Maya scoperto intatto grazie agli alberi
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Messico: scoperto un antichissimo palazzo Maya. Un team di archeologi ha scoperto un palazzo risalente all’antica civiltà Maya, immerso nella fitta vegetazione di Kulubá, a poco più di due ore di macchina da Cancún.

Il Messico ha concluso il 2019 con una scoperta di notevole importanza: un palazzo dell’epoca Maya, risalente a oltre mille anni fa e scoperto nel sito archeologico di Kulubá, ad appena 150 km a ovest dalla turistica Cancún. L’edificio, che misura 55 metri in lunghezza, 15 in larghezza e 6 in altezza, venne costruito e abitato durante due epoche della civiltà Maya: il periodo tardo classico (dal 600 al 900 d.C. circa) e il periodo classico terminale (dall’850 al 1050 d.C.).

Una sezione del palazzo scoperto in Messico, nel sito archeologico di Kulubá. | MAURICIO MARAT | INAH
Una sezione del palazzo scoperto in Messico, nel sito archeologico di Kulubá. | MAURICIO MARAT | INAH

OBIETTIVO: SAPERNE DI PIÚ. Il palazzo è composto da sei stanze, come spiegano gli esperti dell’Istituto Nazionale di Antropologia e Storia (INAH) del Messico, e fa parte di un complesso più grande che include due locali residenziali, un altare, e una costruzione di forma circolare che si ritiene fosse un forno. Gli esperti hanno anche ritrovato dei resti umani, e sperano che le analisi forensi possano fornire ulteriori indizi sugli abitanti di Kulubá.

«Non conosciamo bene le caratteristiche architettoniche di questa regione a nord-est dello Yucatan», spiega Alfredo Barrera Rubio, uno degli archeologi che ha seguito gli scavi. «Per questo uno dei nostri principali obiettivi è studiare l’architettura di Kulubá.»

ALBERI PROTETTORI. Tizimín, il comune al quale appartiene il sito di Kulubá, ha ceduto ormai gran parte del proprio territorio selvaggio alle coltivazioni e all’allevamento; Kulubá rimane uno dei pochi luoghi ancora ricchi di flora selvatica (in parte rimossa per permettere gli scavi). Ed è lo stesso territorio dove sorge l’antico edificio che potrebbe aiutarne la conservazione: «La riforestazione è un’opzione offerta dall’ambiente», commenta Natalia H. Tangarife, una delle restauratrici dell’INAH. «Una soluzione contro il danno provocato dagli agenti atmosferici è piantare alberi in luoghi specifici, affinché proteggano le strutture dall’azione del vento, della luce diretta e di altri elementi».

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.