L’orologio dell’apocalisse segna due minuti alla mezzanotte

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
L'orologio dell'apocalisse segna due minuti alla mezzanotte
L'orologio dell'apocalisse segna due minuti alla mezzanotte
Condividi l'Articolo

Doomsday Clock: 2019, due minuti all’Apocalisse. Nel 2019 l’Orologio dell’Apocalisse rimane a due minuti dalla mezzanotte: a preoccupare gli scienziati che regolano il Doomsday Clock ci sono il nuovo clima da Guerra Fredda, il riarmo atomico e i cambiamenti climatici.

L’Orologio dell’Apocalisse, il Doomsday Clock, rimane a due minuti dalla fatidica “ora X”, ossia il punto di svolta oltre il quale l’umanità non riuscirà a evitare una catastrofe: per quanto si tratti di una scadenza del tutto simbolica, il fatto che l’orologio sia fermo alla stessa ora dal 2018 è il segno più che tangibile della sfiducia degli scienziati (della stragrande maggioranza degli scienziati) sulla possibilità di trovare, a livello politico, risposte condivise e coerenti ad alcuni gravi problemi che affliggono l’umanità e il Pianeta.

La valutazione sullo stato delle cose e la decisione di regolare di conseguenza l’indicatore chiamato Doomsday Clock è presa, ogni anno, dal Bulletin of the Atomic Scientists, un ente che comprende 14 premi Nobel e che dal 1945 si batte per il disarmo nucleare. Inoltre, oltre alla questione degli armamenti, negli ultimi anni il consorzio di scienziati ha voluto tenere conto di un altro cavaliere dell’apocalisse: il cambiamento climatico.

 2 minuti alla mezzanotte erano scoccati anche nel 1953, a pochi mesi dalla detonazione (in foto) della prima bomba all'idrogeno ("Ivy Mike"), con la potenza di 10,4 Megatoni, quasi mille volte più potente di quella sganciata su Hiroshima.

2 minuti alla mezzanotte erano scoccati anche nel 1953, a pochi mesi dalla detonazione (in foto) della prima bomba all’idrogeno (“Ivy Mike”), con la potenza di 10,4 Megatoni, quasi mille volte più potente di quella sganciata su Hiroshima.

Fermo. L’orologio punta le 11:58 dall’anno scorso. Dopo essersi avvicinato alla mezzanotte di 30 secondi all’anno nel 2017 e nel 2018, l’orologio si è fermato. Come abbiamo detto, non è una buona notizia. Lo sottolinea con forza Rachel Bronson (video), presidente del Bulletin: «questo non deve essere inteso come un segno di stabilità, ma come un forte avvertimento ai leader e ai cittadini di tutto il mondo». Del resto, in poche altre occasioni – dal 1947 a oggi – l’orologio è stato altrettanto vicino alla mezzanotte: , infatti, non è mai stato più vicino di così all’ora X.

I minuti alla mezzanotte dal 1947 al 2018 (clicca sull'immagine per ingrandirla). | WikiMedia
I minuti alla mezzanotte dal 1947 al 2018 (clicca sull’immagine per ingrandirla). | WikiMedia

Campo minato. «È una situazione che ci riporta a un altro periodo altrettanto preoccupante, la Guerra Fredda», continua Bronson guardando alla serie storica dell’indicatore: «una situazione caratterizzata da un imprevedibile e mutevole scenario di dispute pronte ad esplodere, che moltiplicano le possibilità di scaturire in un conflitto maggiore.»

Rimedi per l’apocalisse. Il Bulletin non si limita a evidenziare la gravità della situazione attuale: ricorda anche qual è la strada per riportare indietro le lancette – una strada tracciata da tempo e sempre meno seguita.

Gerald Ford (presidente Usa) e Leonid Brezhnev (Segretario generale del Partito comunista dell'Unione Sovietica) firmano il SALT 1, primo trattato di non proliferazione nucleare. All'inizio degli anni '70, in un clima di generale ottimismo, il Doomsday Clock fece un balzo all'indietro, allontanando le lancette dalla mezzanotte.
Gerald Ford (presidente Usa) e Leonid Brezhnev (Segretario generale del Partito comunista dell’Unione Sovietica) firmano il SALT 1, primo trattato di non proliferazione nucleare. All’inizio degli anni ’70, in un clima di generale ottimismo, il Doomsday Clock fece un balzo all’indietro, allontanando le lancette dalla mezzanotte.

Bronson spera che Russia e Stati Uniti riescano a ritrovare la via del disarmo e a trovare nuovi accordi per smantellare gli arsenali nucleari. Ma la vera novità è che il Bulletin si appella alla popolazione americana affinché faccia sentire la sua voce contro le posizioni ascientifiche dell’amministrazione Trump. Come uscire dagli accordi di Parigi e tagliare i fondi a chi studia il clima.

Restano due minuti alla mezzanotte

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.