Inventata una cromoterapia efficace contro il dolore

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Inventata una cromoterapia efficace contro il dolore
Inventata una cromoterapia efficace contro il dolore
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
La luce che spegne il dolore: la terapia scoperta in Italia. Agisce sulle cellule nervose della pelle sensibili alle carezze, che si attivano in chi soffre di dolore cronico. L’effetto benefico del trattamento testato sui topi dura tre settimanePER la prima volta è stata messa a punto in Italia una tecnica che spegne il dolore con la luce. Agisce sulle cellule nervose della pelle sensibili alle carezze, le stesse che si attivano in chi soffre di dolore cronico. Una volta trattate queste cellule con una specifica sostanza chimica, è sufficiente esporle a una fonte luminosa per spegnere il dolore. La ricerca, pubblicata su Nature Communications, è stata condotta in Italia, nel Laboratorio europeo di biologia molecolare (Embl) a Roma.

Coordinati da Paul Heppenstall, i ricercatori dell’Embl (European Molecular Biology Laboratory) di Monterotondo (Roma), del cui gruppo fanno parte anche alcuni studiosi italiani, hanno sintetizzato un complesso chimico sensibile alla luce infrarossa. Basta illuminare la pelle di alcuni topi trattati con questa sostanza, per avere un effetto benefico sull’animale che dura per tre settimane. “Le fibre sensoriali del dolore cronico – hanno spiegato gli autori – si trovano sulla pelle. Se esposte alla luce, si ritraggono dalla superficie, portando un sollievo duraturo all’animale”.

Per la tecnica messa a punto nel Laboratorio europeo di Monterotondo, alle porte di Roma, è adesso in corso la richiesta di brevetto. “In condizioni patologiche – ha spiegato Linda Nocchi, una delle ricercatrici coinvolte nello studio – lo stimolo che normalmente è percepito come una carezza può provocare dolore. Anche indossare una maglietta per chi soffre di dolore cronico può rappresentare un problema. Il nostro studio – ha aggiunto – ha dimostrato per la prima volta che le fibre nervose coinvolte nei due processi sono le stesse. Grazie a questa tecnica abbiamo, però, osservato che è possibile ‘tagliare i rami’ a queste fibre nervose, che dopo l’esposizione alla luce ritirano le proprie antenne. In questo modo – ha detto Nocchi – lo stimolo doloroso superficiale non viene percepito per un periodo di tre settimane”.

Secondo i ricercatori dell’Embl, in Europa sono poco meno del 10% le persone colpite da dolore cronico. La tecnica è stata al momento sperimentata con efficacia solo sui topi, il passo successivo sarà fare dei test sull’uomo. “Contro il dolore cronico infatti – ha concluso Nocchi – non esiste al momento una terapia efficace che sia priva di effetti collaterali”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.