Il cimitero dei relitti spaziali!

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Il cimitero dei relitti spaziali!
Il cimitero dei relitti spaziali!
Condividi l'Articolo

Il polo oceanico dell’inaccessibilità.Nel punto del pianeta più lontano da ogni terra emersa o nucleo abitato. Un cimitero sommerso dove riposano centinaia di oggetti spaziali a fine missione.
A oltre 4.800 km dalla costa est della Nuova Zelanda e 3.200 km dalla Penisola Antartica, nelle profondità del Pacifico, si trova un cimitero molto particolare: riposano qui, a 4 km di profondità, i resti di centinaia di sonde, satelliti, cargo e stazioni spaziali, lasciati precipitare in questo punto, il più lontano da qualunque terra emersa sul pianeta.
FUORI DAL MONDO. È il polo oceanico dell’inaccessibilità o punto nemo (in onore del Capitano dei romanzi di Jules Verne), e rappresenta il luogo più sicuro per il rientro atmosferico dei veicoli spaziali a fine missione. Qui dovrebbe finire, attorno al 2028, anche la ISS, il nostro avamposto nello Spazio.
OSPITI ILLUSTRI. Dal 1971 a oggi, ci sono caduti 263 oggetti spaziali costruiti dall’uomo, compresa la MIR, la stazione spaziale russa da 142 tonnellate, smantellata nel 2001 (sono russi anche altri 190 tra i detriti celesti che riposano nell’area).

La distribuzione dei relitti nel cimitero delle sonde spaziali, divisa per agenzie spaziali. | KATIE PEEK VIA POPULAR SCIENCE

FINALE COL BOTTO. Rispetto al suo illustre predecessore, la ISS pesa quasi 500 tonnellate, è quattro volte più grande e ha la superficie di un campo da calcio. Il suo rientro sarà una manovra complessa da calcolare attentamente, affinché tutti i frammenti sopravvissuti all’atmosfera terrestre finiscano nel Pacifico. L’impatto – dall’esplosione atmosferica allo schianto finale, che ridisegnerà il fondale oceanico – promette di essere piuttosto spettacolare.

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.