I cervelli organoidi possono arrivare a pensare ?

Amicizia ed Incontri in Web Cam

I cervelli organoidi possono arrivare a pensare ?
I cervelli organoidi possono arrivare a pensare ?
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Gli scienziati temono che i cervelli cresciuti in laboratorio inizino a pensare. Una serie di studi solleva il dibattito sul lavoro sulle cellule cerebrali sviluppate in laboratorio ma la strada è per ora scivolosa, perché nessuno sa definire la coscienza.

E se le cellule cerebrali sviluppate e coltivate in laboratorio diventassero senzienti? Non è una domanda dal sapore cinematografico ma una questione sollevata da un affascinante articolo di Nature. Il quesito, che incrocia etica, scienza e tecnologia, parte da una serie di esperimenti e solleva interrogativi sul fatto che ammassi di cellule cerebrali possano in qualche modo produrre un qualche tipo di “coscienza” e su come gli scienziati che ci lavorano per i fini più disparati possano effettivamente accorgersene. Cosa dovrebbero valutare e come potrebbero farlo? Che cos’è la coscienza?

Una cellula di un organoide cerebrale
Una cellula di un organoide cerebrale

Di più: un organoide, cioè un ammasso cellulare con funzionalità specifiche ma di fatto non un organo vero e proprio, piuttosto una sua versione semplificata e miniaturizzata prodotta in vitro, sfoggerebbe a quel punto qualche diritto in termini giuridici? Esperimenti di questo genere vengono condotti in tutto il mondo: Nature racconta per esempio quello nel laboratorio diretto dal neuroscienziato brasiliano Alysson Muotri dell’università della California-San Diego, dove “centinaia di cervelli in miniatura, della grandezza dei semi di sesamo, galleggiano nelle piastre di Petri, dimostrando attività attraverso le reazioni elettriche”. Sono appunto organoidi coltivati a partire dalle cellule staminali e Muotri, in particolare, li sta utilizzando per esempio connettendoli a robot in grado di camminare, spedendoli sulla Stazione spaziale internazionale per osservarne la crescita e modificandone il dna con geni provenienti dal passato remoto della specie umana. Oltre che come prototipi per dare una mano al perfezionamento delle intelligenze artificiali. Dottor Frankenstein? In realtà è tutto molto più complicato.

Un esperimento reso noto lo scorso anno, infatti, aveva sollevato il dibattito più acceso. In un paper dell’agosto 2019 su Cell Stem Cell Muotri e i suoi collaboratori avevano dato conto della creazione di un organoide di cervello umano in grado di produrre onde elettriche coordinate, somiglianti a loro avviso a quelle documentabili nei bambini nati prematuri. Onde continuate per mesi prima della conclusione dell’esperimento. Quel genere di pattern elettrici apparirebbe fra le proprietà di un cervello senziente. E proprio da quel controverso esperimento esperti di etica e scienziati hanno iniziato a porsi una quantità di domande sugli organoidi, su come e quanto consentirne lo sviluppo e se debbano essere considerati in modo differente in termini giuridici, specialmente quanto si tratta di cellule cerebrali. La coscienza puo’ nascere da zero, si sono chiesti alcuni?

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.