Gli USA aggiornano l’HW dei centri di controllo delle testate nucleari

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Gli USA aggiornano l'HW dei centri di controllo delle testate nucleari
Gli USA aggiornano l'HW dei centri di controllo delle testate nucleari
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Vecchi floppy disk per le testate nucleari USA: ora si cambia. Niente più floppy disk per le testate nucleari USA. Gli USA ancora oggi impiegano vecchi floppy disk da otto pollici per la gestione delle testate nucleari: finalmente è giunto il tempo di cambiare.

Cosa ne facciamo oggigiorno dei floppy disk? Qualcuno li tiene sulla scrivania in ufficio come cimelio da mostrare ai più giovani, in qualità di testimonianza dei bei tempi andati, quando il cloud nemmeno era un’utopia e l’unità di misura standard per lo storage erano i MB. Altri li conservano chiusi nei cassetti, dimenticati assieme ai documenti che ancora stoicamente contengono. Ah, quasi ce ne stavamo dimenticando: c’è chi li impiega per le testate nucleari.Una Esplosione Nucleare

SSD al posto dei floppy per le testate nucleari USA

Ebbene sì, la superpotenza a stelle e strisce ha fino ad oggi delegato ai vecchi dischi da otto pollici, quelli in circolazione fin dagli anni ’60 e ’70, le operazioni legate alle armi più potenti e distruttive al mondo. A loro è stata fin qui affidata l’esecuzione dell’ordine che il Presidente può impartire dalla valigetta nera (nuclear football) che lo accompagna in ogni spostamento.

In caso di emergenza, per l’esecuzione effettiva del lancio, è previsto l’inserimento dei floppy in un computer IBM Serie 1 con installato il software SACCS (Strategic Automated Command and Control System). Una macchina con alle spalle ormai diversi decenni di onorata attività (o meglio, inattività). Ne è stato parlato anche su queste pagine.

Le cose stanno per cambiare. L’esercito USA lo ha reso noto attraverso una dichiarazione del tenente colonnello Jason Rossi. Le unità saranno sostituite da una “soluzione di storage digitale a stato solido dalla sicurezza elevata”. Una SSD, insomma, presumibilmente (si spera) più affidabile rispetto alle unità ormai onnipresenti nel mercato consumer.

Paradossalmente, ciò che fino ad oggi ha reso SACCS inviolabile, è proprio il suo essere in qualche modo obsoleto: non è connesso alla Rete, non dispone di un indirizzo IP, non permette alcun tipo di accesso da remoto. La sua sostituzione è stata pianificata già nel 2016 con l’intento dichiarato di portarla a completamento l’anno successivo, ma ad oggi non sono disponibili aggiornamenti ufficiali sullo stato dei lavori.

Fonte: C4ISRNET
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.