Volontari per la sperimentazione del vaccino allo Spallanzani

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Volontari per la sperimentazione del vaccino allo Spallanzani
Volontari per la sperimentazione del vaccino allo Spallanzani
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Coronavirus, maschi fra 31 e 46 anni: ecco chi sono i primi volontari del vaccino. Sono maschi e hanno tra i 31 e i 46 anni, alcuni sono professionisti. Sono i primi 5 volontari che allo Spallanzani si faranno somministrare il test del vaccino tutto made in Italy. I cinque uomini hanno superato le visite preliminari iniziate due giorni fa e sono risultati idonei a testare il vaccino nato grazie a un protocollo siglato a marzo tra il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, il ministro della Salute, Roberto Speranza, il ministro dell’Università e ricerca Gaetano Manfredi, il Consiglio Nazionale delle Ricerche e lo Spallanzani e messo a punto dall’azienda ReiThera di Castelromano.

Coronavirus, maschi fra 31 e 46 anni: ecco chi sono i primi volontari del vaccinoDopo il gruppo di uomini, sui quali i test inizieranno a fine agosto, il 13 agosto saranno selezionate le prime 4 donne. «Sono oltre 5mila finora le persone che si sono candidate come volontari – ha detto Francesco Vaia, direttore sanitario dello Spallanzani – un numero enorme che dimostra il grande cuore degli italiani». Una «risposta straordinaria che riempie di orgoglio», ha detto l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato. Fra i volontari anche diversi medici si sono resi disponibili a testarlo in prima persona.

Il primo gruppo di 5 volontari selezionati verrà vaccinato tra il 24 e il 26 agosto. Poi, se non si osserveranno eventi avversi significativi, si passerà ai successivi, che riceveranno una dose più alta, tra il 7 e il 9 settembre. In tutto i volontari che testeranno saranno 90. Due giorni fa nell’istituto per le malattie infettive della Capitale, eccellenza nella lotta al Covid-19, sono partite le visite mediche a cura di equipe cliniche appositamente formate per selezionare gli idonei. I test di screening – hanno spiegato dallo Spallanzani – saranno effettuati per tutto il corso dello studio e serviranno a selezionare le persone idonee per testare la sicurezza del vaccino in questa fase precoce di sperimentazione (Fase I).

I volontari sono suddivisi in due gruppi per età: dai 18 e i 55 anni, e dai 65 agli 85 anni. Ciascun gruppo sarà suddiviso in tre sottogruppi a cui verrà somministrato un diverso dosaggio di vaccino.

Per la realizzazione di questo obiettivo sono stanziati 8 milioni di euro, 5 milioni a carico della Regione Lazio, trasferiti allo Spallanzani, e 3 milioni a carico del ministero dell’Università e della ricerca.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.