Virus cinese: ultime notizie sulla diffusione dell’infezione

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Virus cinese: ultime notizie sulla diffusione dell'infezione
Virus cinese: ultime notizie sulla diffusione dell'infezione
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

I pangolini hanno diffuso il coronavirus cinese alle persone? Le sequenze genetiche di virus isolate dagli animali squamosi sono simili al 99% a quelle del virus circolante, ma il lavoro non è ancora stato ufficialmente pubblicato. I ricercatori di Guangzhou, in Cina, hanno suggerito che i pangolini – mammiferi a muso lungo, mangiatori di formiche spesso usati nella medicina tradizionale cinese – sono la probabile fonte animale dell’epidemia di coronavirus che ha infettato più di 30.000 persone e sta causando il caos in tutto il mondo.

Gli scienziati affermano che il suggerimento, basato su un’analisi genetica, sembra plausibile, ma attenzione che il lavoro dei ricercatori deve ancora essere pubblicato per intero. “Questa è un’osservazione estremamente interessante. Anche se abbiamo bisogno di vedere più dettagli, ha senso dato che ora ci sono alcuni altri dati che emergono che i pangolini trasportano virus che sono strettamente correlati a 2019-nCoV ”, afferma Edward Holmes, un virologo evoluzionista dell’Università di Sydney, in Australia.

I pangolini sono creature squamose spesso utilizzate nella medicina tradizionale cinese. Credito: Frans Lanting / National Geographic
I pangolini sono creature squamose spesso utilizzate nella medicina tradizionale cinese. Credito: Frans Lanting / National Geographic

L’identità della fonte animale del coronavirus, Pangolino dalla coda lunga, Manis tetradactyla, D.R. Congo. denominata nCoV-2019, è stata una delle domande chiave a cui i ricercatori hanno tentato per rispondere. È noto che i coronavirus circolano nei mammiferi e negli uccelli e gli scienziati hanno già suggerito che nCoV-2019 originariamente proveniva da pipistrelli, una proposta basata sulla somiglianza della sua sequenza genetica con quella di altri coronavirus noti. Ma il virus è stato probabilmente trasmesso all’uomo da un altro animale. Il coronavirus che ha causato la sindrome respiratoria acuta grave, o SARS, si è diffuso dai pipistrelli ai gatti civet all’uomo.

Ora, la South China Agricultural University di Guangzhou afferma che due dei suoi ricercatori, Shen Yongyi e Xiao Lihua, hanno identificato la pangolina come la potenziale fonte di nCoV-2019 sulla base di un confronto genetico di coronavirus prelevati dagli animali e dall’uomo infetto nello scoppio e altri risultati. Le sequenze sono simili al 99%, i ricercatori hanno riferito alla conferenza stampa del 7 febbraio.
Un buon candidato

In precedenza, i ricercatori hanno notato che i coronavirus sono una possibile causa di morte nei pangolini1 e che nCoV-2019 e i coronavirus dei pangolini usano recettori con strutture molecolari simili per infettare le cellule.

Cosa devi sapere sul nuovo coronavirus

Ancor prima dell’annuncio di oggi, i pangolini erano un buon candidato per essere una specie intermedia per il virus, quindi è molto interessante che i ricercatori abbiano trovato una sequenza così stretta, afferma David Robertson, un virologo computazionale dell’Università di Glasgow, nel Regno Unito.

I pangolini sono animali protetti, ma il traffico illegale è molto diffuso e alcune specie sono in grave pericolo. Sono venduti, in modo controverso, per la loro carne e squame e per l’uso nella medicina tradizionale cinese, in cui parti dell’animale vengono utilizzate per trattare disturbi come malattie della pelle, disturbi mestruali e artrite. La legge cinese stabilisce che le persone che vendono pangolini possono essere punite con una pena detentiva di almeno 10 anni.

Il coronavirus è emerso nella città cinese di Wuhan a dicembre e si pensa che sia balzato agli umani in un mercato di frutti di mare e di animali selvatici, dove hanno lavorato molte delle prime persone infette. I pangolini non erano elencati in un inventario di articoli venduti al mercato, sebbene l’illegalità della commercializzazione dei pangolini potesse spiegare questa omissione.

Il mese scorso, gli scienziati di Pechino hanno affermato che i serpenti erano la fonte di nCoV-2019, ma che la teoria è stata respinta da altri ricercatori.

Shen e Xiao non hanno immediatamente risposto alle richieste di commenti di Nature, ma Liu Yahong, presidente della South China Agricultural University, ha dichiarato alla conferenza stampa che i risultati sarebbero stati presto pubblicati per aiutare gli sforzi per controllare il coronavirus.

Gli scienziati sperano che il documento offrirà dettagli, incluso dove il team ha trovato i pangolini con il virus simile. Arinjay Banerjee, un ricercatore di coronavirus presso la McMaster University di Hamilton, in Canada, afferma che un altro dettaglio cruciale è dove i pangolini hanno trovato il virus, ad esempio se è stato isolato da campioni di sangue o tamponi rettali. Ciò contribuirà a determinare come potrebbe essere stato trasmesso agli umani e in che modo tale trasmissione potrebbe essere prevenuta in futuro.

“Sicuramente posso credere che possa essere vero”, afferma Kristian Andersen, immunologa e biologa computazionale della Scripps Research di La Jolla, California. Andersen afferma di aver confrontato le sequenze pubblicamente disponibili di virus pangolin e ha scoperto che sono simili a quelle di nCoV-2019. “Attendo con ansia il rapporto e i dati pubblicati.”

Riferimenti: Liu, P., Chen, W. & Chen, J.-P. Viruses 11, 979 (2019).

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.