La spiritualità globale del new age

Amicizia ed Incontri in Web Cam

La spiritualità globale del new age
La spiritualità globale del new age
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Il concetto di spiritualità globale è uno degli elementi più importanti della nebulosa ACQUARIANA . Il punto di partenza di tale spiritualità è costituito da un rifiuto che non potrebbe essere più esplicito della religione e della filosofia occidentale che hanno da sempre separato Dio e il mondo , l’ uomo e la natura, il creatore dalla creazione . Secondo i sostenitori  della spiritualità globale gli uomini devono intraprendere un triplice viaggio “ a spirale” verso l’ interno , verso l’esterno e in avanti che permetterebbero agli uomini di liberarsi dal difetto fatale che gli impedirebbe di comprendere se stessi e l’ universo . In sintesi tale difetto fatale consiste nel rifiuto di accettare la divinità della natura e nel pensare che esiste un abisso incolmabile tra Creatore e Creato .

Detto ciò torniamo ad occuparci del triplice viaggio alla base della spiritualità globale .

Il fine del viaggio all’ interno è quello di fare in modo che gli uomini comprendano che tutta l’umanità costituisce una unità (visione olistica del mondo ) . L’ uomo che porta a compimento tale viaggio comprende che non esistono responsabilità individuali o meriti individuali che non si ripercuotono positivamente o negativamente su tutta l’ umanità . Per quanto riguarda il viaggio esterno esso consiste nel riconoscersi parte della Terra alla quale viene attribuita una natura divina . Alla fine di tale viaggio l’uomo dovrebbe comprendere che esiste una comunione cosmica che va dagli elettroni alle galassie cosicché l’ Universo sarebbe un immenso organismo  nel quale tutto è collegato da fili invisibili . Infine il viaggio in avanti consiste nel rifiuto dell’idea di matrice occidentale dell’ordine come essere e nella sua sostituzione con una visione del cosmo come divenire continuo .

In questa visione del mondo l’ordine non emerge dal caos ma caos e ordine sono realtà che coesistono e non si escludono vicendevolmente . Per gli Acquariani senza il caos non ci può essere creazione continua ne evoluzione . Tale concezione dell’ Universo basata sulla convinzione che non si può parlare di dominio del Cosmos sul caos ma si deve parlare di una certa collaborazione tra ordine e caos risulta incompatibile sia con la visione cristiana sia con le concezioni scientifiche e filosofiche occidentali che partono dal presupposto che ordine e caos sono due realtà opposte e che la nascita del Cosmos mette fine al caos .

I sostenitori della spiritualità globale affermano anche che non si deve più parlare dell’esistenza di una divisione fra soggetto e oggetto : non esiste a loro dire un soggetto che osserva in maniera distaccata un oggetto ma soggetto ed oggetto sono due realtà interdipendenti che si condizionano reciprocamente e costituiscono due poli della stessa realtà .

Un altro elemento caratterizzante della spiritualità globale è la metamatematica che parte dal presupposto che bisogna evitare di dare delle risposte alle domande che riguardano la natura del cosmo e della terra . La metamatematica sostiene che è necessario porsi domande sulla Terra ( intesa come divinità) e sull’ Universo ma è altrettanto necessario vivere con queste domande rinunciando alla tentazione di dare una risposta ad esse .

L’ uomo dovrebbe dunque limitarsi a cercare nuovi modi di formulare tali domande dal momento che non avrebbe senso cercare di trovare delle risposte . Come si vede siamo lontani anni luce dalla forma mentis occidentale e anche dal modo di intendere la scienza e la matematica nel mondo occidentale .

Prenderemo ora in considerazione altri due elementi essenziali della spiritualità globale ovvero la fine delle religioni tradizionali a cominciare da quella cristiana e il modo di intendere le esperienze mistiche . Per quanto riguarda il primo di tale elementi ( la fine delle religioni tradizionali ) gli Acquariani affermano che il Cristianesimo e le altre due religioni monoteiste non sono adatte agli uomini della nuova era , in quanto adatte agli uomini del passato meno evoluti dal punto di vista spirituale . Secondo gli Acquariani la nuova era sarà caratterizzata dalla presenza di una religione personale basata sull’esperienza diretta che ogni individuo avrà della dimensione religiosa . La Ferguson afferma che la grande rinascita spirituale della nuova era sarà segnata dal passaggio da una religione dominata dal principio di autorità ad una religione fondata sull’esperienza diretta della sfera spirituale , sulla conoscenza e non sulla fede .

Appare evidente che la religione del New Age non è compatibile con quella cristiana : la religione Acquariana è chiaramente di ispirazione gnostica in quanto essa toglie quasi ogni tipo di autorità ai dogmi intesi in maniera tradizionale ed inoltre essa presenta un forte carattere esperenziale in quanto la conoscenza prende il posto della fede rifiutando l’autorità biblica .

Gli Acquariani concepiscono anche l’esperienza mistica in maniera molto diversa da come la concepisce la religione cristiana . Essi affermano che le esperienze mistiche sono rese possibili dalla trasformazione del cervello e dall’uso delle droghe .

Per quanto riguarda il primo modo di accedere alla dimensione mistica gli Acquariani sostengono che è possibile entrare in tale dimensione semplicemente modificando la biochimica degli emisferi centrali . Secondo i seguaci del New Age le discipline meditative e spirituali sono in sostanza delle tecniche per cambiare le funzioni del cervello . I newagers affermano che la spasticità del cervello è sorprendente ma noi possiamo conoscerla solo utilizzandola . Per accedere alla dimensione mistica bisognerebbe utilizzare delle tecniche in grado di armonizzare l’emisfero destro del cervello con quello sinistro nonché di ricostituire i ponti tra le due parti del cervello in modo da arricchirli reciprocamente attraverso questi scambi .

In sintesi la meditazione le formule magiche e i mantras favorirebbero la sincronizzazione dei due emisferi generando un notevole aumento della popolazione delle cellule nervose adibite a svolgere questa funzione . Appare dunque evidente che per gli Acquariani l’esperienze mistiche sono spiegabili in maniera scientifica poiché sarebbero dovute alle modifiche della struttura del cervello e alla possibilità di utilizzare parti del cervello che nella maggior parte degli uomini restano inutilizzate .

Per quanto riguarda l’uso delle droghe per ottenere esperienze mistiche gli Acquariani ritengono che si possono raggiungere risultati più rapidi e spettacolari ricorrendo alle droghe ( gli adepti del New Age considerano le droghe “ vie permanenti di illuminazione “) . Gli Acquariani pensano che sotto l’azione delle droghe l’ universo venga visto come un gioco divino .

Concludiamo il discorso sul misticismo Acquariano mettendo in evidenza che esso prescinde dall’ idea dell’esistenza di un Dio personale con il quale il mistico entra in comunione . Ricordiamo che per la religione Cristiana il misticismo è l’atteggiamento di chi si pone in rapporto diretto con il Dio Persona escludendo qualsiasi processo razionale per il Cristianesimo il fondamento dell’esperienza mistica sta nel congiungimento dell’ IO individuale con la superiore Persona divina congiungimento al quale si giunge attraverso i vari stadi della vita contemplativa .

Prof. Giovanni Pellegrino
Prof. Ermelinda Calabria

 

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.