Software @ Management - Assistenza Tecnica e Corsi
Informatica ed Internet. Grafica per la stampa ed il web.
Creazione ed Aggiornamento siti web. Campagne MMM SEM SEO!

Lo smartphone si ricarica con l’urina: l’elettricità arriva dai batteri

Lo smartphone si ricarica con l'urina: l'elettricità arriva dai batteri
Lo smartphone si ricarica con l'urina: l'elettricità arriva dai batteri
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/lo-smartphone-si-ricarica-con-lurina-lelettricita-arriva-dai-batteri/

E’ il carburante della cella combustibile sviluppata presso l’Università di Bath. Un dispositivo semplice ed economico, con il potenziale per cambiare la vita a milioni di persone nelle aree più povere del mondo. La scienza ha anche un lato creativo: l’approvvigionamento energetico è un problema sempre più pressante, e il bisogno di fonti rinnovabili ed ecocompatibili è sotto gli occhi di tutti. Ma se in alcune parti del mondo stiamo cominciando (timidamente) a considerare energia solare, eolica e altre, ci sono aree del mondo dove la questione è molto più urgente perché entra in gioco anche il costo dell’energia – dove ci sono molte persone che non se la possono permettere.

Per questo si parla di “trilemma energetico”, vale dire la necessità di trovare soluzioni per produrre energia che sia sicura, ecocompatibile e dal prezzo accessibile”. Alcuni scienziati hanno trovato una soluzione tanto brillante quanto inattesa. Presso l’Università di Bath (nei pressi di Bristol, GB) è stata infatti realizzata una cella combustibile che usa urina. Grande pochi centimetri, una di queste celle può produrre elettricità grazie all’azione di speciali microbi, che appunto trasformano la materia organica in energia elettrica. Questa poi si può usare immediatamente oppure stoccare in una batteria.La reazione chimica sfrutta una catalizzatore al carbonio derivato da glucosio e ovalbumina, una proteina idrosolubile che si trova nell’albume delle uova. Come l’urina, quindi, anche questo elemento è facile da rinnovare, e soprattutto economico perché ottenuto direttamente dalle biomasse. È possibile usare più di queste celle, ognuna delle quali può produrre 2 watt al metro cubo, che non è molto ma è sufficiente per far funzionare un telefono cellulare – un oggetto che a sua volta può fare la differenza in alcuni contesti. Altre tecnologie possono fare molto meglio, ma questa ha il grande vantaggio di usare un combustibile che non costa nulla e si trova ovunque, l’urina.

I ricercatori sono attualmente al lavoro, inoltre, per migliorare ulteriormente l’efficienza e ottenere più energia. “Se riusciamo a sfruttare il potenziale energetico dei rifiuti umani, potremmo rivoluzionare la produzione di elettricità”, ha commentato con entusiasmo la dot.ssa Mirella Di Lorenzo dell’Università di Bath. A proposito del trilemma energetico, Di Lorenzo afferma che “non esiste una soluzione universale che non sia sfruttare al massimo le risorse disponibili localmente, compresa l’urina”. Le fa eco Jon Chouler, tra gli autori che hanno firmato la ricerca: “le celle a combustibile microbiche potrebbero essere una grande fonte di energia nei paesi in via di sviluppo, in particolare nelle aree impoverite e rurali”. “L’aver creato una tecnologia che può potenzialmente trasformare la vita di persone povere che non hanno accesso, o non si possono permettere l’elettricità, è una prospettiva eccitante. Spero che la nostra ricerca permetta a chi ne ha bisogno di raggiungere una qualità di vita migliore”, afferma Chouler.

 

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/lo-smartphone-si-ricarica-con-lurina-lelettricita-arriva-dai-batteri/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Shop @ Magiko - Vendita online di Articoli Esoterici e Magici. Ritualistica e Festival Anno Magico!