In caduta libera anche sull’Italia la stazione spaziale cinese

In caduta libera anche sull'Italia la stazione spaziale cinese
In caduta libera anche sull'Italia la stazione spaziale cinese
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/in-caduta-libera-anche-sullitalia-la-stazione-spaziale-cinese/

A marzo la Tiangong-1 cade sulla Terra. La stazione spaziale cinese precipiterà a marzo del 2018, in una zona che comprende una porzione di Italia: c’è pericolo?

Da molto si sa che la Tiangong-1 (in cinese, palazzo celeste) è fuori controllo e che il suo destino è di schiantarsi a terra. Ora sappiamo che il rientro in atmosfera avverrà verso metà marzo 2018 e che i pochi pezzi che sopravviveranno al calore del rientro in atmosfera impatteranno in una zona compresa fra il 43° parallelo nord e il 43° parallelo sud. Una fascia molto ampia che comprende anche parte dell’Italia, da Firenze in giù.

Un modellino della stazione orbitante Tiangong-1 completo di navicella attraccata e di tre astronauti. | JASON LEE
Un modellino della stazione orbitante Tiangong-1 completo di navicella attraccata e di tre astronauti. | JASON LEE

NIENTE PANICO. Le possibilità di essere colpiti da un detrito spaziale, in particolare da un frammento della Tiangong-1, sono assurdamente basse.

Il modulo cinese pesa “solo” 8.500 kg e, come succede alle stelle cadenti, per la maggior parte si disintegrerà per via dell’attrito con l’atmosfera. Inoltre, l’area geografica interessata è ricoperta soprattutto da oceani e deserti, anche se oltre all’Italia centro-meridionale, in questa stessa area ci sono buona parte degli Stati Uniti, il Brasile, l’India e la stessa Cina.

IMPREVEDIBILE. Gli ultimi dati disponibili suggeriscono che l’orbita della stazione spaziale si è abbassata di circa 100 km da settembre del 2016: ora l’altezza media della Tiangong-1 dal suolo è di 287 km. Più si avvicinerà agli strati superiori dell’atmosfera e più verrà rallentata dall’attrito con l’aria. Per un oggetto in orbita, diminuire la velocità vuol dire anche abbassarsi di quota, cosa che esporrà il satellite ad ancora maggiori attriti.

Come non si può indovinare su quale numero finirà la biglia della roulette prima che questa cominci a cadere, allo stesso modo è ancora impossibile prevedere esattamente dove e quando cadrà la stazione. Ma, monitorandola, sarà possibile conoscere la sua traiettoria con più di 6 ore di anticipo sull’impatto al suolo.

Lottie Williams e l'oggetto metallico.
Lottie Williams e l’oggetto metallico a prima vista scambiato per tessuto a causa della sua strana forma. | TULSA WORLD
DETRITO DELICATO. Ad oggi, nella storia dei rientri fuori controllo, solo una persona è stata colpita da un detrito spaziale: Lottie Williams, mentre passeggiava per un parco di Tulsa, in Oklahoma, è stata colpita sulla spalla da un pezzo di metallo lungo 15 cm. L’impatto è stato come quello di una lattina vuota, racconta la donna – illesa ed emozionata dopo avere raccolto quello che secondo lei era un pezzo della stella cadente che aveva appena notato nel cielo.

La Nasa ha poi identificato “la stella cadente” col secondo stadio di un razzo Delta II caduto in Texas: il leggero frammento metallico che ha colpito la ragazza sarebbe una parte dello stesso.

CASUALE. Stazioni spaziali molto più grandi della Tiangong-1 sono già cadute sulla Terra senza colpire nessuno, ma si trattava sempre di rientri controllati in cui i detriti venivano fatti cadere nell’oceano. Questa volta invece deciderà il caso.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/in-caduta-libera-anche-sullitalia-la-stazione-spaziale-cinese/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*