Il principio di indeterminazione

Il principio di indeterminazione i
Il principio di indeterminazione i
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/il-principio-di-indeterminazione/

Il principio di indeterminazione implica che l’universo primordiale non possa essere stato completamente uniforme, dovendo essere presenti in esso incertezze o fluttuazioni nelle posisioni e velocita’ delle particelle.
Usando la condizione dell’assenza di confini, noi troviamo che l’universo dev’essere cominciato esattamente col minimo di disuniformita’ possibile consentito dal principio di indeterminazione. L’universo dovrebbe essere poi passato per un periodo di rapida espansione, come nei modelli inflazionari. Durante questo periodo, le disuniformita’ iniziali dovrebbero essersi amplificate sino a diventare abbastanza grandi per spiegare l’origine delle strutture che osserviamo attorno a noi. In un universo in espansione in cui la densita’ della materia presentasse lievi variazioni da un luogo all’altro, le regioni piu’ dense, in conseguenza della gravita’, avrebbero rallentato la loro espansione e avrebbero cominciato a contrarsi. Questa contrazione avrebbe infine condotto alla formazione di galassie, di stelle e infine persino di creature insignificanti come noi stessi. Cosi’ tutte le strutture dell’universo potrebbero essere spiegate dalla condizione di assenza di confini nell’universo congiuntamente con il principio di indeterminazione della meccanica quantistica.’ da S. Hawking…aggiungiamo che, secondo i miti, all’inizio vi era solo caos e poi tutto si differenzio’…il caos non era assenza di materia…era materia non differenziata in cui le le leggi di indterminazione erano forse gia’ operanti….

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/il-principio-di-indeterminazione/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*