Il cambiamento climatico del riscaldamento mondiale in uno studio Finlandese

Il cambiamento climatico del riscaldamento mondiale in uno studio Finlandese
Il cambiamento climatico del riscaldamento mondiale in uno studio Finlandese
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/il-cambiamento-climatico-del-riscaldamento-mondiale-in-uno-studio-finlandese/

118 anni di anomalie climatiche in 35 secondi. Fa sempre più caldo: lo dimostra in modo inequivocabile la sintesi delle anomalie climatiche dell’ultimo secolo realizzata da uno scienziato finlandese.

 Il mese di luglio appena trascorso, insieme a quello del 2016, è stato il luglio più caldo della storia. Lo ha affermato la NASA in un tweet di qualche giorno fa che lascia poco spazio ai dubbi e agli scettici del riscaldamento globale.
View image on TwitterView image on Twitter

Quanto più caldo rispetto al passato?

CALDO PULSANTE. Per rispondere a questa domanda Anti Lipponen, un climatologo del Finnish Meteorological Institute, ha riassunto in un grafico animato le anomalie climatiche degli ultimi 118 anni.

Per ogni paese e per ogni anno il grafico mostra con una linea che va dal blu al rosso le anomalie climatiche comprese tra -2 °C e + 2 °C.

L’animazione mostra chiaramente come a partire dal 1990 l’entità delle anomalie si sia intensificata: i picchi rossi del grafico formano infatti un cerchio che pulsa con regolarità.

L’ultimo fotogramma, riferito allo scorso luglio, evidenzia come le temperature siano state di 2 °C o più sopra la norma in quasi tutto il mondo.

2017 DA RECORD. In una seconda illustrazione Lipponen confronta le temperature del luglio 2017 con quelle del passato e mostra come il mese scorso sia stato il più caldo di sempre in diverse regioni del mondo, soprattutto nell’Africa orientale, in Asia e in Australia.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/il-cambiamento-climatico-del-riscaldamento-mondiale-in-uno-studio-finlandese/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*