“Hackerville”, la città rumena dei pirati informatici

“Hackerville”, la città rumena dei pirati informatici
“Hackerville”, la città rumena dei pirati informatici
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/hackerville-la-citta-rumena-dei-pirati-informatici/

Ramnicu Valcea è la Silicon Valley degli hacker che svuotano i conti di utenti di tutto il mondo. In Transilvania c’è un luogo più pericoloso del castello di Dracula. Ramnicu Valcea, in Romania, 110 mila abitanti, non è una città qualunque. L’80% delle frodi informatiche colpiscono i cittadini statunitensi, per cui i media americani hanno ribattezzato la cittadina rumena “la Silicon Valley del furto su Internet”. Una task force è stata formata dall’Fbi e più di 600 poliziotti rumeni sono stati addestrati alle tecniche più utili per scovare gli hacker.

“La Romania sta lavorando con l’Europol e la Commissione europea contro i cyber-crimini” – afferma Virgilio Spiridon, capo unità il furto di Internet. Si stanno compiendo sempre più arresti. Nel 2011, il gruppo romeno ha presentato circa un migliaio di casi, ha arrestato 500 persone e trasmesso 150 casi ai magistrati inquirenti.

SirVicalias Victor Faur è il capo di una delle reti principali di pirateria informatica della Romania. Ma, per quanto abile, SirVic è stato catturato e condannato a sei mesi di carcere con sospensione della pena e una multa di 240 mila dollari.

Aveva violato i server della Nasa per mostrare agli americani come erano deboli i loro sistemi di sicurezza. “Li ho avvertiti di risolvere il problema, ma ho fatto l’errore di vantarmi su un sito web che stavano controllando.”

Secondo Ice Man, il 26enne “principe nero” degli hacker rumeni – noto anche come Robert Butyka – rubare in rete è molto semplice. Egli aggiunge, però, un po’ seccato, che hacking e furto non sono la stessa cosa. Gli piacciono solo le vere sfide di Internet. “Sì, rubare su Internet è facile,” dice, “ci sono centinaia di siti web dove si può imparare come diventare un hacker”. Quindi aggiunge “Ho trovato le carte di credito in vendita con i codici a esse associate per l’Italia, la Francia, gli Stati Uniti, Regno Unito e Spagna.” Il suo sito pubblica annunci dove tutto è in vendita: le carte di credito e i loro codici, carte bianche, liste di conti da grandi aziende e-mail e molti programmi per server di accesso.

Ramnicu Valcea è il centro nevralgico di cyber-criminalità e la sua portata si estende a diversi continenti. Il fenomeno è iniziato nel 1996 e ha avuto un effetto valanga sulla città. Tuttavia, la Romania ha aspettato fino al 2003 – pressata dagli Stati Uniti – per approvare una legge contro i crimini informatici. Dal suo balcone con vista sulla baia dei pirati di Ramnicu Valcea, l’hacker da Ostroveni ha pochi dubbi. “I grandi boss sono fantasmi molto ricchi e furtivi. Non si faranno mai prendere.  Acquirenti di Internet di tutto il mondo sono caduti nella rete dell’hacking rumeno: francesi, inglesi, tedeschi, italiani e per lo più americani”. Secondo la polizia rumena, circa l’80% delle loro vittime risiedono negli Stati Uniti. “L’anno scorso, un miliardo di dollari è stato rubato negli Usa da parte di hacker rumeni”, dice l’ambasciatore americano a Bucarest, Mark Gitenstein. A “Hackerville” tutti sanno cosa sta succedendo, ma l’omertà – il codice del silenzio – è la norma. Un hacker – ovviamente anonimo – dice: “Rubare agli americani è più facile perché sono abituati a fare tutti gli acquisti su Internet.” E aggiunge: “Truffare quattro o cinque utenti a settimana mi frutta migliaia di dollari.  È pieno di idioti pronti ad acquistare qualcosa su Internet”, dice. “Vendiamo prodotti fittizi, cloniamo siti web e carte di credito in Europa, al fine di ottenere il denaro”.

Le cosiddette “Frecce” (detti anche muletti del denaro) sono coloro il cui unico compito è quello di ritirare il denaro inviato in precedenza su un conto. Loro mantengono il 30% del bottino e poi inviano il resto tramite Western Union “. Sono molti i Western Union fioriti nel centro di Ramnicu Valcea, e gli affari vanno a gonfie vele. Gli hacker rumeni hanno capito che per loro è meglio lavorare in rete. Questa è la loro forza, rispetto ad altri hacker. Le frecce” sono più esposte – questo è il motivo per cui spesso hanno documenti falsi. Loro sanno tutto quello che c’è da sapere sul complesso mondo di Internet. “Abbiamo passato nottate davanti ai nostri monitor”, ricorda l’hacker da Ostroveni. “Abbiamo usato un 14enne per aiutarci. Abbiamo anche istruito i bambini dell’orfanotrofio e insegnato loro come lavorare per noi.”

Cosa possiamo dire a questi nuovi vampiri rumeni? “Felicitări! Dar, într-un loc de muncă cinstit!” Che in rumeno significa “Congratulazioni! Ma trovatevi un lavoro onesto!”

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/hackerville-la-citta-rumena-dei-pirati-informatici/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*