Big Hear e comunicazioni UFO, l’enigna del segnale WOW!

Big Hear e comunicazioni UFO, l'enigna del segnale WOW
Big Hear e comunicazioni UFO, l'enigna del segnale WOW
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/big-hear-e-comunicazioni-ufo-lenigna-del-segnale-wow/

Wow! 40 anni, e quel 6EQUJ5 è ancora un enigma. Compie quarant’anni il “Segnale Wow!”, il più famoso segnale radio di origine sconosciuta mai ricevuto. Fu ET che provò a chiamarci, o semplicemente una trasmissione di origine naturale? Ripercorriamo insieme gli eventi dell’estate del 1977.

Il 18 agosto 1977, Columbus (Ohio): una tranquilla mattina estiva. L’astronomo Jerry Ehman è a casa, e sta facendo, come quasi tutti i giorni, un controllo di routine delle stampe di dati provenienti dal Big Ear Radio Observatory della Wesleyan University, dove è ricercatore volontario. Il suo tavolo è ricoperto da un enorme faldone di fogli stampati dall’Ibm 1130, il computer usato per l’acquisizione e l’analisi dei segnali radio ricevuti dal cielo.

Le stampe, come di consueto, sono ricoperte da un fitto tessuto di numeri e lettere: per lo più 1 e 2. Queste cifre corrispondono all’intensità dei segnali radio ricevuti dall’enorme antenna dell’osservatorio: da 1 a 9 per le intensità minori, seguiti dalle lettere dell’alfabeto con l’aumentare dell’intensità. L’astronomo 37enne passa ad osservare le stampe relative a qualche giorno prima, il 15 agosto. All’improvviso, una breve ma sorprendente stringa di 6 caratteri cattura il suo sguardo, risvegliandolo dal suo torpore: circondata dall’usuale rumore di fondo di vari 1 e 2, la sequenza 6EQUJ5 è un fulmine a ciel sereno. Preso da un’incontenibile eccitazione, Ehman afferra una penna rossa appoggiata vicino al foglio e, di getto, traccia una linea attorno alla stringa e scrive a margine una singola parola “Wow!”.

Il celebre commento ’Wow!’ scritto da Ehman a margine dei dati. Crediti: Big Ear Radio Observatory e North American AstroPhysical Observatory (Naapo)
Il celebre commento ’Wow!’ scritto da Ehman a margine dei dati. Crediti: Big Ear Radio Observatory e North American AstroPhysical Observatory (Naapo)

Ehman non poteva prevedere che proprio questo “Wow!”, esclamazione che racchiude tutta la sua sorpresa, diverrà il nome del segnale da lui appena scoperto: a distanza di quattro decenni il “Segnale Wow!” rimane il più celebre segnale di provenienza extraterrestre che può, forse, indicare una forma di vita intelligente nella galassia. Il “Segnale Wow!” – la sequenza alfanumerica 6EQUJ5 – corrisponde a un segnale della durata di circa 72 secondi proveniente dalla regione prossima alle tre stelle conosciute come Chi Sagittarii, e il cui picco di intensità è rappresentato dalla lettera U, nella frequenza 1420 MHz. Gli astronomi del Big Ear Radio Observatory scelsero proprio questa banda perché questa è la frequenza in cui emette l’idrogeno “freddo” che permea l’universo: il programma Seti (Search for Extra-Terrestrial Intelligence) ha da sempre tarato i propri ricevitori radio proprio su questa frequenza, seguendo il ragionamento che un’ipotetica civiltà extraterrestre sceglierebbe proprio questo “canale universale” per trasmettere i propri messaggi.

Jerry Ehman (al centro) insieme ai suoi colleghi del Big Ear Radio Observatory esaminano i dati. Crediti: www.bigear.org
Jerry Ehman (al centro) insieme ai suoi colleghi del Big Ear Radio Observatory esaminano i dati. Crediti: www.bigear.org

Nel giro di pochissimo tempo, il “Segnale Wow!” ricevette l’attenzione dell’intera comunità di scienziati del Seti, ma malgrado numerosi tentativi, ad oggi nessuno è mai riuscito ad osservare lo stesso tipo di trasmissione radio, né tramite il “Big Ear” né utilizzando nessun altro radiotelescopio del pianeta. Che sia stato veramente un segnale extraterrestre? Ehman e i suoi colleghi si misero immediatamente al lavoro per considerare spiegazioni alternative, e più plausibili. La maggior parte delle cause più probabili venne scartata: corpi celesti nel sistema solare, satelliti, aerei, altri trasmettitori radio… nulla sembrava essere in grado di spiegare quell’insolito segnale.

L’ipotesi più recente è stata proposta dall’astronomo Antonio Paris, del St. Petersburg College, in Florida. Secondo Paris il “Segnale Wow!” potrebbe essere stato prodotto da due comete di recente scoperta – la 266P/Christensen e la 335P/Gibbs – che nel 1977 si trovavano, nel cielo, in prossimità della fonte del segnale, che potrebbe essere stato prodotto dalla nube di idrogeno che le accompagna. Il segnale non si sarebbe dunque ripetuto nella stessa posizione perché le due comete avrebbero modificato leggermente la loro orbita. Questa ipotesi, però, rimane controversa e non tutti la considerano una spiegazione plausibile.

Dunque, la questione rimane aperta: che cosa ha “sentito” il Big Ear quella mattina del 15 agosto 1977? Perché non è mai più stato possibile ricevere lo stesso segnale? Ciò che rimane certo è la meraviglia e l’emozione contenute in quella singola parola annotata a margine, capace di trasmettere l’entusiasmo più genuino di quegli uomini e donne che spendono anni con il naso all’insù, alla ricerca di una qualche prova dell’esistenza di intelligenze extra-terrestri. Ed è proprio questo entusiasmo e questo senso dello stupore che gli organizzatori della tre giorni di eventi ludici GiocAosta (18-20 agosto) cercheranno di risvegliare nei bambini, includendo pillole di divertimento scientifico sviluppate in collaborazione con l’Osservatorio astronomico della Regione autonoma Val D’Aosta. Tutto nella speranza che – da grandi – potranno essere proprio questi bambini a scoprire qualcuno, là fuori nell’immensità della galassia, che vuole provare a comunicare con noi.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
https://scienzamagia.eu/big-hear-e-comunicazioni-ufo-lenigna-del-segnale-wow/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*