Una tuta in nanotubi ottima per tutte le stagioni

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Una tuta in nanotubi ottima per tutte le stagioni
Una tuta in nanotubi ottima per tutte le stagioni
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Un tessuto intelligente che trattiene o disperde il calore del corpo a seconda del clima. Dai laboratori dell’Università del Maryland arriva un tessuto in grado di mantenere la temperatura corporea sempre ai livelli ottimali.

Un tessuto intelligente che ci riscalda quando fa freddo e ci rinfresca nelle giornate più torride. È il risultato del lavoro di un team di scienziati dell’Università del Maryland.

Il tessuto intelligente dell'Università del Maryland: rinfresca quando fa caldo, scalda quando fa freddo.|Faye Levine, University of Maryland
Il tessuto intelligente dell’Università del Maryland: rinfresca quando fa caldo, scalda quando fa freddo.|Faye Levine, University of Maryland

Climatizzatore da indossare. Il responsabile del gruppo, YuHuang Wang, e i suoi colleghi hanno realizzato questo rivoluzionario materiale con uno speciale filato sensibile alla temperatura: quando fa freddo il tessuto si contrae, la trama si infittisce e mantiene il calore prodotto naturalmente dal corpo umano; quando la temperatura è alta, invece, il tessuto intelligente si “ammorbidisce”, le fibre fanno aumentare la porosità del materiale che riesce così a disperdere il calore verso l’esterno.

Il tessuto funziona insomma come un “climatizzatore indossabile” che mantiene sempre il corpo alla giusta temperatura. A differenza dei tessuti tecnici sviluppati fino ad oggi che, possono o soltanto trattenere il calore o  favorirne la dispersione, questo nuovo tessuto può fare entrambe le cose a seconda delle necessità. Il nuovo materiale è inoltre sensibile anche all’umidità: quando si inizia a sudare, la trama si allarga e favorisce la circolazione dell’aria, aumentando il livello di comfort di chi lo indossa.

Filati e nano-antenne. Il segreto di questo super tessuto è racchiuso nei due materiali sintetici utilizzati per il filato: il primo assorbe l’umidità, per esempio quella prodotta da un corpo che suda, il secondo la respinge.

Il risultato è che prima ancora che l’utilizzatore si accorga di avere caldo, il materiale cambia forma aprendo i pori e favorendo così la fuoriuscita del calore. Il filato è inoltre ricoperto di nanotubi in carbonio che interagiscono come vere e proprie antenne con il calore emesso dal corpo sotto forma di onda elettromagnetica.

Investitori cercasi. Quando la trama del tessuto si dilata, i nanotubi si dispongono in modo da spingere il calore verso l’esterno, aumentando lo scambio del 35% rispetto a un tessuto tecnico convenzionale.

In caso di freddo, il sistema funziona in modo inverso: le fibre si avvicinano e le nano-antenne del tessuto favoriscono il mantenimento del calore vicino al corpo. Il tessuto intelligente può essere tagliato, cucito, lavato e asciugato come un tessuto tradizionale. I ricercatori stanno ora cercando un partner industriale con il quale avviare la produzione dei primi capi di abbigliamento climatizzati.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.