Rio delle Amazzoni a secco causa siccità

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Rio delle Amazzoni a secco causa siccità
Rio delle Amazzoni a secco causa siccità
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

L’attuale siccità record nell’Amazzonia potrebbe essere il segno di un “punto di non ritorno” nell’area. La siccità è comune in Amazzonia durante El Niño, un fenomeno meteorologico naturale che riscalda l’Oceano Pacifico centro-orientale vicino all’equatore, ma quest’anno è stato straordinario e gli scienziati stanno cercando di analizzarne le cause profonde.

La grave siccità in Amazzonia sta privando le comunità rurali e fluviali delle forniture alimentari, dei mercati per i raccolti e dei servizi sanitari, sta causando blackout elettrici dovuti a interruzioni dell’energia idroelettrica e forza il razionamento dell’acqua in alcune aree urbane.

Siccità in Amazzonia ed El Niño: il caso del 2023

La siccità è comune in Amazzonia durante gli eventi di El Niño, un andamento climatico naturale che riscalda l’Oceano Pacifico centro-orientale vicino all’equatore. Insieme al riscaldamento degli oceani arrivano anche i cambiamenti nelle parti dei tropici che ricevono più precipitazioni. I dettagli variano da un El Niño all’altro, ma l’Amazzonia è generalmente una di quelle aree che perdono precipitazioni e l’attuale El Niño è uno dei più forti.

Immagine satellitare composita dell'America settentrionale del Sud con delineato il bacino del Rio delle Amazzoni.Immagine tratta da NOAA Climate.gov, basata sulla collezione Blue Marble della NASA.
Immagine satellitare composita dell’America settentrionale del Sud con delineato il bacino del Rio delle Amazzoni.Immagine tratta da NOAA Climate.gov, basata sulla collezione Blue Marble della NASA.

A cavallo dell’equatore, il bacino del Rio delle Amazzoni occupa più di un terzo del Sud America. Le precipitazioni sono stagionali e si spostano a nord dell’equatore durante l’estate nell’emisfero settentrionale e a sud dell’equatore nell’inverno nell’emisfero settentrionale.

Nel 2023, tuttavia, le scarse precipitazioni si sono aggiunte anche al caldo estremo, che intensifica l’evaporazione e l’essiccamento del suolo. Secondo Climate.gov della NOAA, sulla base di analisi preliminari di osservazioni e simulazioni di modelli computerizzati, un team di esperti del progetto World Weather Attribution ha concluso che Il riscaldamento globale causato dall’uomo ha svolto un ruolo significativamente più importante di El Niño nell’intensificare la siccità in Amazzonia del 2023.

Rispetto a un mondo in cui il riscaldamento globale non si è verificato, i modelli stimano che il mondo più caldo di oggi abbia raddoppiato il deficit di precipitazioni (“siccità meteorologica”) che ci si poteva aspettare se si fosse verificato solo El Niño, ma anche quell’impatto è stato piccolo rispetto al modo in cui si è verificato il riscaldamento globale. L’aumento delle temperature è stato amplificato dallo stress idrico (“siccità agricola”).

La siccità sarebbe stata “grave” senza il riscaldamento globale, ma l’aumento a lungo termine delle temperature l’ha intensificata di due categorie, rendendo la siccità del 2023 una siccità “eccezionale” che è diventata la peggiore mai registrata.

Mappa dell'America settentrionale settentrionale che mostra lo stato di siccità per giugno-novembre 2023. Stato di siccità nel bacino del Rio delle Amazzoni per giugno-novembre 2023 basato sul sistema di classificazione US Drought Monitor. Gran parte della metà orientale del bacino e aree della metà occidentale hanno sofferto una siccità estrema o eccezionale. Immagine da NOAA Climate.gov, basata sull'analisi World Weather Attribution fornita da Ben Clarke.
Mappa dell’America settentrionale settentrionale che mostra lo stato di siccità per giugno-novembre 2023. Stato di siccità nel bacino del Rio delle Amazzoni per giugno-novembre 2023 basato sul sistema di classificazione US Drought Monitor. Gran parte della metà orientale del bacino e aree della metà occidentale hanno sofferto una siccità estrema o eccezionale. Immagine da NOAA Climate.gov, basata sull’analisi World Weather Attribution fornita da Ben Clarke.

La ricerca non è stata ancora sottoposta a revisione paritaria (il processo mediante il quale più esperti criticano i metodi, i risultati e le conclusioni di uno studio prima che un articolo venga pubblicato su una rivista scientifica).

Tuttavia, il team ha utilizzato metodi che in precedenza avevano superato la peer review: utilizzando osservazioni per descrivere la variabilità della siccità nel tempo e rilevare le tendenze, identificando modelli di sistema clima/Terra che simulano realisticamente le precipitazioni e la siccità in Amazzonia, e quindi confrontando la frequenza e l’intensità di siccità come quello attuale in due mondi simulati: uno con e uno senza riscaldamento globale.

Molte analisi di “risposta rapida” che utilizzano questi metodi sono pubblicate in riviste sottoposte a revisione paritaria, come la analisi dell’ondata di caldo del 2021 nel Pacifico nordoccidentale e la loro analisi delle inondazioni record in Louisiana nell’agosto 2016.)

La siccità dell’Amazzonia in un mondo senza riscaldamento globale

Le osservazioni indicano che le sole scarse precipitazioni (siccità meteorologica) hanno reso una siccità come quella del 2023 un evento che si verifica una volta ogni 100 anni, così raro che ha solo l’1% di probabilità che si verifichi ogni anno.

Nelle simulazioni del mondo senza riscaldamento globale, siccità gravi come quella del 2023 erano in media 10 volte meno frequenti. Quando gli scienziati hanno preso in considerazione l’impatto combinato delle scarse precipitazioni e dell’evaporazione dell’umidità del suolo provocata dal calore (“siccità agricola”), hanno concluso che l’intervallo di ritorno della siccità del 2023 nel clima attuale era in media più di 1 su 50 eventi annuali. (ovvero una probabilità del 2% che si verifichi ogni anno). Tale siccità era 30 volte meno frequente nelle simulazioni del mondo senza riscaldamento globale.

Siccità e futuro punto di svolta in Amazzonia

Gli aumenti nella frequenza e nell’intensità della siccità riportati dal team World Weather Attribution si basano sul riscaldamento globale osservato fino ad oggi, circa 1,2 ˚Celsius (2,2 ˚Fahrenheit) sopra la media preindustriale. Guardando avanti a un futuro in cui le emissioni di gas serra continueranno ad aumentare a un ritmo elevato e il riscaldamento globale raggiungerà i 2 ˚C (3,6 ˚F) sopra il livello preindustriale, i modelli prevedono che siccità agricole così intense come quella dell’evento del 2023 aumenteranno in frequenza di un ulteriore fattore pari a 4, dando loro un intervallo di ritorno medio compreso tra 10 e 15 anni.

Un aumento così drammatico dell’intervallo di ritorno di siccità eccezionali porterebbe la foresta amazzonica ancora più vicino a quello che alcuni ecologisti ritengono possa essere un “punto di svolta” amazzonico, oltre il quale l’Amazzonia diventerà una savana.

Almeno la metà della pioggia che cade sul bacino amazzonico è umidità riciclata che gli alberi stessi aspirano dal suolo e restituiscono all’atmosfera. Poiché la deforestazione e gli incendi degradano la foresta lungo i bordi e le strade, la capacità dell’Amazzonia di produrre pioggia si indebolisce. Le stagioni secche sono prolungate e le acque superficiali stanno diminuendo.

Gli alberi maturi soccombono alla siccità e quelli nuovi non riescono a sostituirli. Questi cambiamenti si stanno già verificando su scala locale nelle parti meridionali e orientali del bacino del Rio delle Amazzoni. Oltre un certo punto, i modelli prevedono che ampi tratti di foresta pluviale diventeranno rapidamente un paesaggio simile alla savana.

I modelli prevedono che ampi tratti di foresta pluviale diventeranno rapidamente un paesaggio simile alla savana.

Dov’è questo punto di svolta?

In un saggio del 2018 su Science Advances, due esperti di Amazzonia hanno osservato che molti modelli prevedono che senza deforestazione e incendi, un punto critico in Amazzonia non verrebbe raggiunto fino ad un riscaldamento globale oltre i 4° Celsius sopra il livello preindustriale. Senza il cambiamento climatico, i modelli stimano che sarebbero necessari tassi di deforestazione pari a circa il 40% per spingere l’Amazzonia oltre il suo punto di svolta.

Individualmente, tali soglie potrebbero essere molto lontane. Ma è molto probabile che le “sinergie negative” combinate di molteplici impatti umani (incendi, deforestazione e cambiamento climatico) abbassino la soglia. In breve, sostengono gli autori in un saggio successivo del 2019, il punto di svolta potrebbe essere molto più vicino di quanto pensiamo.

Mentre il mondo lavora per ridurre le emissioni di gas serra e prevenire un ulteriore riscaldamento, la cosa sicura da fare, dicono gli esperti, non è solo rallentare la deforestazione, ma anche rimboschire le aree disboscate e degradate nelle parti meridionali e orientali dell’Amazzonia.

La riforestazione contribuirebbe a ripristinare la capacità di riciclaggio dell’umidità della regione e fungerebbe da cuscinetto contro il riscaldamento globale fino a quando il mondo non raggiungerà lo zero netto di emissioni di gas serra.

Per approfondire

Per maggiori dettagli sull’analisi della siccità amazzonica del 2023, comprese maggiori informazioni sugli impatti sulle popolazioni vulnerabili, leggi il rapporto completo (pdf).

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Inviami gli Articoli in Email:

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.