Prove della presenza europea nelle Americhe nel 1021 d.C.

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Prove della presenza europea nelle Americhe nel 1021 d.C.
Prove della presenza europea nelle Americhe nel 1021 d.C.
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

L’esplorazione transatlantica ebbe luogo secoli prima della traversata di Colombo. Le prove fisiche della prima presenza europea nelle Americhe possono essere trovate a Terranova, Canada 1 , 2 . Tuttavia, finora non è stato possibile determinare quando questa attività si è svolta 3 , 4 , 5 . Qui forniamo la prova che i Vichinghi erano presenti a Terranova nel annuncio  1021. Superiamo l’imprecisione delle stime età precedenti facendo uso della recrudescenza di raggi cosmici indotta nelle concentrazioni atmosferiche radiocarbonio in pubblicità  993 (rif.  6). La nostra nuova data stabilisce un indicatore per la conoscenza europea delle Americhe e rappresenta il primo punto noto in cui gli umani hanno circondato il globo. Fornisce inoltre un punto di collegamento definitivo per la ricerca futura sulle conseguenze iniziali dell’attività transatlantica, come il trasferimento di conoscenze e il potenziale scambio di informazioni genetiche, biota e patologie 7 , 8 .

Principale

I vichinghi (o norvegesi) furono i primi europei ad attraversare l’Atlantico 9 . Tuttavia, l’unico sito norvegese confermato nelle Americhe è L’Anse aux Meadows, Terranova 9 , 10 , 11 , 12 (dati estesi figg. 1 e 2 ). Ampie campagne sul campo sono state condotte in questo sito del patrimonio mondiale dell’UNESCO (Organizzazione delle Nazioni Unite per l’educazione, la scienza e la cultura) e sono state acquisite molte conoscenze sull’insediamento e sul suo ambiente contemporaneo 2 , 13 , 14 , 15 (Nota supplementare  1). Le prove hanno anche rivelato che L’Anse aux Meadows era un campo base da cui sono state esplorate altre località, comprese le regioni più a sud 15 .

Il paradigma accettato è che l’insediamento nordico risalga alla fine del primo millennio 9 ; tuttavia, l’età precisa del sito non è mai stata stabilita scientificamente. La maggior parte delle stime precedenti si basava sull’analisi stilistica dei resti architettonici e di una manciata di manufatti, nonché sulle interpretazioni delle saghe islandesi, storie orali che furono trascritte solo secoli dopo 2 , 16 (Nota supplementare  2 ). L’ analisi al radiocarbonio ( 14 C) è stata tentata nel sito, ma non si è rivelata particolarmente informativa 3 , 17 , 18 . Più di 150 14Sono state ottenute date C, di cui 55 relative all’occupazione norrena 19 . Tuttavia, la fascia di età calibrate fornite da questi campioni si estendono attraverso ed oltre l’intera vichinga ( annunci  793-1066) (Fig. 1 e Fig Estesa dati. 3 ). Ciò è in contrasto con le prove archeologiche e le interpretazioni delle saghe. Questi ultimi offrono scenari diversi per la frequenza e la durata dell’attività norrena nelle Americhe, ma sia i documenti archeologici che quelli scritti sono coerenti con un’occupazione molto breve (Nota supplementare  3 e Dati estesi Fig. 4 ). La diffusione sfavorevole nel 14Le date C sono dovute ai limiti di questa tecnica cronometrica negli anni ’60 e ’70, quando sono state ottenute la maggior parte di queste date. Tali impedimenti includevano un’incertezza di misura molto maggiore e requisiti restrittivi sulla dimensione del campione. Inoltre, molti di questi campioni erano soggetti a una quantità sconosciuta di età innata. Il termine età incorporata si riferisce alla differenza di tempo tra l’età contestuale del campione e il momento in cui l’organismo è morto (restituito dall’analisi 14 C), che può potenzialmente raggiungere centinaia di anni. Questa compensazione è stata talvolta incorporata in modo inappropriato nelle stime sintetiche 3 .

Fig. 1: Intervalli di date ottenuti dalle nostre corrispondenze di oscillazione rispetto ai dati precedenti di 14 C.
Figura 1

a , b , Funzioni di densità di probabilità media per diversi tipi di campioni (Dati estesi Fig. 3 , Nota supplementare  5 e Dati supplementari 1). a , Campioni suscettibili all’età innata. Azzurro, osso di balena ( n  = 1, non corretto per effetto serbatoio marino); rosso, legno ( n  = 17); marrone, legno bruciato ( n  = 7); nero, antracite ( n  = 22). b , Campioni di breve durata. Verde chiaro, torba o zolla degli edifici norreni ( n  = 4); olivo, anelli più esterni e ramoscelli di legno modificato dal norreno ( n  = 4). C, Funzioni di densità di probabilità abbinate a Wiggle per l’ultimo anello di crescita di ogni elemento in legno. Verde scuro, 4A 59 E3-1; blu marino, 4A 68 J4-6; arancione, 4A 68 E2-2.

Dati di origine
Immagine a grandezza naturale

Eventi di radiazione cosmica come marcatori temporali assoluti

Nel nostro studio, utilizziamo un approccio cronometrico avanzato per ancorare l’attività dei norvegesi nelle Americhe a un punto preciso nel tempo. Risultati esatti di 14 C possono essere ottenuti mediante spettrometria di massa con acceleratore ad alta precisione (AMS) in combinazione con caratteristiche distinte nel record atmosferico di 14 C 20 , 21 , 22 . Le misurazioni sugli anelli degli alberi di età nota (dendrocronologica) mostrano che la produzione di 14 C oscilla solitamente di meno di 2‰ all’anno 23 . Tuttavia, tali serie temporali hanno anche rivelato che la produzione dell’isotopo è aumentata rapidamente negli anni ad ; 775 e ad  993 di circa 12‰ (che si manifesta come una diminuzione di circa 100 14 C anno) 24 e circa 9‰ (circa 70  14 C anno) 6 , rispettivamente. Questi aumenti improvvisi sono stati causati da eventi di radiazione cosmica e appaiono in modo sincrono nelle registrazioni dendrocronologiche di tutto il mondo 25 , 26 , 27 , 28 , 29 . Scoprendo queste caratteristiche in campioni di anelli degli alberi di età sconosciuta, è possibile effettuare un pattern matching preciso tra tali campioni e le serie di riferimento. Così facendo, se è presente anche il bordo corteccia (o più precisamente il bordo traverso), diventa possibile determinare l’anno esatto di abbattimento dell’albero 20 . Inoltre, non è necessario avere 14C data per gli anelli di crescita più esterni, perché una volta individuato l’anello che contiene l’  anomalia ad 993, si tratta semplicemente di contare il numero di anelli fino al limite del declino. Sulla base dello stato di sviluppo delle celle di legno precoce e tardivo nel bordo waney, si può anche determinare l’esatta stagione di abbattimento.

Datazione precisa dell’attività dei norvegesi nelle Americhe

Qui presentiamo 127 misurazioni di 14 C, di cui 115 sono state eseguite presso il Center for Isotope Research (CIO; Groningen) e 12 presso il Curt-Engelhorn-Center Archaeometry (CEZA; Mannheim). I campioni erano costituiti da 83 singoli anelli degli alberi da un totale di 4 articoli in legno con numeri di ricerca 4A 59 E3-1, 4A 68 E2-2, 4A 68 J4-6 e 4A 70 B5-14 (dati estesi Fig. 5 , nota supplementare  4 e Dati Integrativi 2). Sfortunatamente, l’ultimo elemento è escluso dal resto della nostra analisi perché copre solo nove anni e non include l’  anomalia ad 993 e quindi non può essere datato con precisione (Dati supplementari  2). Le caratteristiche anatomiche come il diverso numero di anelli di accrescimento, le diverse larghezze degli anelli di accrescimento e la presenza-assenza di elementi come gli anelli mancanti mostrano che gli articoli in legno 4A 59 E3-1, 4A 68 E2-2 e 4A 68 J4-6 provengono da diversi alberi. Inoltre, comprendono almeno due specie diverse, in particolare l’abete, eventualmente l’abete balsamico ( Abies cfr. balsamea ), e il ginepro/tuia ( tipo Juniperus / Thuja ; Dati estesi Fig. 6 ). Inoltre, il bordo waney potrebbe essere identificato in tutti i casi.

Gli elementi sono stati trovati nelle posizioni mostrate sulla mappa del sito in Dati estesi Fig. 2 . L’associazione di questi pezzi con il norvegese si basa su una ricerca dettagliata precedentemente condotta da Parks Canada. I fattori determinanti erano la loro posizione all’interno del giacimento norreno e il fatto che fossero stati tutti modificati da strumenti di metallo, evidente dai loro tagli tipicamente puliti e a basso angolo di inclinazione 30 . Tali strumenti non erano fabbricati dagli abitanti indigeni della zona all’epoca 30 (Nota Supplementare  4 ).

I nostri risultati individuali a 14 C sono costantemente migliori di ± 2,5 (1 σ ), con alcuni risultati medi migliori di ± 1,5 (circa 12  14 C all’anno). Il nostro corpus di misurazioni replicate è coerente con le aspettative statistiche e non era evidente alcun offset statisticamente significativo (5,1 ± 7,9  14 C anno, 1 σ ) tra le due strutture a 14 C coinvolte (Dati supplementari  2 ).

Vengono utilizzati due passaggi per determinare l’anno esatto di taglio di ogni pezzo di legno. In primo luogo, l’intervallo di possibili date per i bordi di waney è ottenuto mediante corrispondenza di oscillazioni standard di 14 C contro la curva di calibrazione dell’emisfero settentrionale, IntCal20 (rif.  23 ). Qui usiamo la funzione D_Sequence nel software OxCal (rif.  31 ) per abbinare le serie temporali complete di 14 C per ogni elemento. I risultanti intervalli di probabilità del 95% (2 σ ) per i bordi waney si trovano tutti tra ad  1019 e ad  1024 (Fig. 1c ). Questo indica che l’ annuncio 993 anomalie dovrebbero essere presenti in ciascuno dei pezzi di legno da 26 a 31 anni prima che fossero tagliati. Nel nostro sistema di numerazione, questo corrisponde agli anelli da -31 a -26, dove il bordo di Waney è assegnato a 0, il penultimo anello è assegnato a -1 e così via.

Un secondo passaggio viene quindi utilizzato per determinare l’anno esatto di taglio di ciascun articolo. Questo processo è imperniato sull’identificazione dell’anello preciso in cui si trova l’  anomalia del 993 dC , e quindi la data precisa del bordo calante. A questo scopo, si usa il classico χ 2 approccio 20 , 32 per abbinare i 14 dati C provenienti dai sei anelli (-31 a -26) più facilmente contenere l’ annuncio  993 anomalia contro un secondo riferimento nell’emisfero Nord (d’ora in poi B2018) 28 . Questo set di dati è preferito perché l’  anomalia ad 993 è meno distinta nella curva IntCal20 levigata (Fig. 2 ). I sottoinsiemi a sei anelli vengono confrontati con B2018 in modo tale cheχ 2 diventa minimo per la data di taglio di ogni articolo. Le corrispondenze sono condotte su un intervallo per ciascun bordo waney di ad  1016-1026 (Fig. 2a ).

Fig. 2: Corrispondenze di data esatta ottenute dai test χ 2 .
figura 2

Gli elementi in legno sono identificati come segue: 4A 59 E3-1 (verde scuro); 4A 68 J4-6 (marina); 4A 68 E2-2 (arancione). a , Risultati del test χ 2 rispetto a B2018 (rif.  28 ; df = 5, valore critico = 11.07, probabilità 95%), dove la croce d’oro segna l’anno di migliore adattamento per il waney edge. b , Tutti i dati 14 C da 4A 59 E3-1 ( n  = 12, 1 σ ), 4A 68 J4-6 ( n  = 35, 1 σ ) e 4A 68 E2-2 ( n  = 29, 1 σ ) sovrapposto a IntCal20 (azzurro, 1 σ ). Riquadro: dettaglio del 14Risultati C (barre di errore omesse per leggibilità) per gli anelli di crescita da −31 a −26 rispetto a B2018 (grigio, 1 σ ) 28 e IntCal20 (azzurro).

Dati di origine
Immagine a grandezza naturale

L’ottimale × 2 valore bontà di adattamento per il bordo waney in tutti e tre i casi è annuncio  1021 (Fig. 2a ). Mentre altre soluzioni superano il test χ 2 al 95% di probabilità ( ad  1022 per 4A 59 E3-1; ad  1022 per 4A 68 E2-2; ad  1019, ad  1020 e ad  1022 per 4A 68 J4-6), il posizionamento ideale per la caduta precipitosa in 14 anni C in ogni caso è quando anello -29 corrisponde annuncio  992 (inserto di fig. 2b). Inoltre, la formazione di una piccola banda di cellule di legno precoce in 4A 68 J4-6 indica una stagione di abbattimento in primavera (Dati estesi Fig. 7a ). La stagione di abbattimento di 4A 68 E2-2 è estate/autunno (Dati estesi Fig. 7b ). Il consolidamento del glicole polietilenico passato ( Metodi ) ostacola la determinazione della stagione di abbattimento di 4A 59 E3-1.

Il nostro risultato del  1021 dC per l’anno di taglio costituisce l’unica data di calendario sicura per la presenza degli europei attraverso l’Atlantico prima dei viaggi di Colombo. Inoltre, il fatto che i nostri risultati, su tre alberi diversi, convergano sullo stesso anno è notevole e inaspettato. Questa coincidenza suggerisce fortemente l’attività dei norvegesi a L’Anse aux Meadows nel  1021 dC. Ulteriori prove rafforzano questa conclusione. In primo luogo, è estremamente improbabile che le modifiche abbiano avuto luogo prima di quest’anno, perché l’improvvisa diminuzione osservata a livello globale del 14I valori di C sono evidenti nell’anello -29. In secondo luogo, anche la probabilità che gli elementi sarebbero stati modificati in una fase successiva è trascurabile. Ciò è in gran parte dovuto al fatto che tutti avevano i loro bordi sbiaditi preservati. Questo strato sarebbe stato quasi certamente rimosso durante il trasporto su acqua, quindi la possibilità di legni alla deriva è effettivamente scontata 33 . Inoltre, i norvegesi non avrebbero avuto bisogno di bonificare il legno morto perché il legno fresco era abbondante nella regione all’epoca 13 . Infine, se si trattasse di materiale recuperato, la probabilità che tutti e tre gli oggetti presentino esattamente la stessa quantità di età incorporata sarebbe estremamente ridotta.

Le saghe islandesi suggeriscono che i norvegesi si impegnassero in scambi culturali con i gruppi indigeni del Nord America 34 . Se questi incontri si sono effettivamente verificati, potrebbero aver avuto esiti involontari, come la trasmissione di agenti patogeni 7 , l’introduzione di specie di flora e fauna estranee o persino lo scambio di informazioni genetiche umane. Dati recenti sulla popolazione norvegese della Groenlandia, tuttavia, non mostrano alcuna prova dell’ultimo di questi 8 . È una questione di ricerca futura come l’anno  1021 dC si collega all’attività transatlantica complessiva dei norvegesi. Tuttavia, i nostri risultati forniscono un’ancora cronologica per ulteriori indagini sulle conseguenze della loro espansione più occidentale.

Conclusioni

Forniamo la prova che i norvegesi erano attivi nel continente nordamericano nell’anno  1021 dC. Questa data offre una congiuntura sicura per la cronologia tardo vichinga. Ancora più importante, funge da nuovo punto di riferimento per la conoscenza europea delle Americhe e il primo anno conosciuto in cui la migrazione umana aveva circondato il pianeta. Inoltre, la nostra ricerca dimostra il potenziale  dell’anomalia ad 993 nelle concentrazioni atmosferiche di 14 C per individuare le età delle migrazioni passate e delle interazioni culturali. Insieme ad altri eventi di raggi cosmici, questo tratto distintivo consentirà l’esatta datazione di molti altri contesti archeologici e ambientali.

Metodi Campionamento

Dopo un attento esame delle sezioni trasversali e radiali del legno e il conteggio degli anelli, i singoli campioni sono stati raccolti al microscopio per la misurazione dell’anello annuale utilizzando una lama d’acciaio, seguendo la procedura standard per la spaccatura degli anelli degli alberi. L’estrazione del campione è iniziata al limite del waney. Per ogni elemento in legno, al campione del bordo waney è stato assegnato il numero 0, al penultimo anello è stato assegnato il numero -1 e così via.

Preparazione e misurazione del campione

I campioni di anelli degli alberi sono stati nuovamente tagliati in piccoli frammenti utilizzando una lama d’acciaio. Tutti i campioni di legno sono stati pretrattati chimicamente e analizzati presso il CIO, Groningen. Per il controllo indipendente, anche 12 dei campioni sono stati pretrattati chimicamente e analizzati presso il CEZA, Mannheim. CEZA e CIO hanno recentemente preso parte a un esercizio di intercomparazione multi-laboratorio per garantire l’efficacia dei loro protocolli di pretrattamento in cui campioni di anelli di alberi di età sconosciuta sono stati pretrattati con α-cellulosa e quindi analizzati per la concentrazione di 14 C mediante AMS 35 .

Procedure presso CIO, Università di Groningen

La prima fase prevede il pretrattamento dei campioni in α-cellulosa, la frazione più rigida e immobile del legno 36 . Il metodo è stato precedentemente descritto per intero 37 . In breve, la chimica umida prevede una serie di soluzioni forti di acido-base-acido e un ossidante, con risciacqui a neutralità utilizzando acqua deionizzata e ultrapura dopo ogni passaggio. I campioni vengono quindi liofilizzati o essiccati all’aria a temperatura ambiente per 72 ore. Per eliminare l’additivo polietilenglicole (PEG), che era presente in tutti gli articoli in legno eccetto 4A 68 E2-2, il pretrattamento acquoso è preceduto dal posizionamento dei campioni in acqua ultrapura a 80 ° C per 36 h. Quest’ultimo passaggio si basa su studi precedenti di questo contaminante 38 , 39 , 40. Nei casi in cui il peso iniziale fosse <20 mg e il legno non fosse trattato con PEG, il protocollo di olocellulosa utilizzato al CIO è stato ritenuto sufficiente 37 .

Aliquote (circa 5 mg, ove possibile) del prodotto (alfa)cellulosico vengono pesate in capsule di stagno per la combustione in un analizzatore elementare (IsotopeCube, Elementar). Una piccola quantità di CO 2 (g) rilasciata viene diretta in uno spettrometro di massa a rapporto isotopico (Isoprime 100) per la determinazione dei rapporti isotopici stabili di C e N, ma la maggior parte è intrappolata criogenicamente in piattaforme Pyrex e ridotta a grafite sotto un eccesso stechiometrico di H 2(g) su un catalizzatore Fe(s). La grafite (circa 2 mg) viene successivamente pressata nei catodi di Al(s) per la misurazione mediante AMS (MICADAS, Ionplus). I dati sono stati perfezionati utilizzando BATS 4.0 e archiviati in FileMaker Pro 14.6.0. Ai fini del controllo della qualità, sono state condotte simultaneamente misurazioni complete di pretrattamento e radioisotopi su standard di età nota (ad esempio, materiale per anelli di alberi dell’anno  1503, Regno Unito) e legno di fondo (deposito pleistocenico Kitzbühel, Austria). La spettrometria di massa del rapporto isotopico a livello comunitario e gli standard AMS (ad esempio, l’acido ossalico II del National Institute of Standards and Technology, la caffeina Merck e l’Agenzia internazionale per l’energia atomica C7 e C8) sono stati utilizzati per convalidare le misurazioni degli isotopi.

Procedure al CEZA, Mannheim

I campioni MAMS-45877-45879 e MAMS-47884-47886 sono pretrattati come olocellulosa e sono pretrattati utilizzando il metodo acido-base-acido (acido/base/acido, HCl/NaOH/HCl) seguito da sbiancamento con NaClO 2 per estrarre la cellulosa 41 . Il secondo lotto di campioni (MAMS-50444-50449) viene pretrattato come alfa-cellulosa seguendo il protocollo utilizzato dal CIO sopra descritto. La contaminazione da PEG viene rimossa allo stesso modo del CIO mediante lavaggio in acqua calda ultrapura. La cellulosa viene bruciata a CO 2 in un analizzatore elementare. La CO 2 viene quindi convertita cataliticamente in grafite. Il 14 C viene analizzato internamente utilizzando uno strumento AMS del tipo MICADAS. I rapporti isotopici ( 14 C/ 12C di campioni, standard di calibrazione acido ossalico II), i bianchi e gli standard di controllo vengono misurati contemporaneamente nell’AMS. Le età di 14 C sono normalizzate a δ 13 C = −25‰ (rif.  42 ), dove δ 13 C = ((( 13 C/ 12 C) campione /( 13 C/ 12 C) standard ) − 1) × 1.000.

Modelli nel programma OxCal

Tutti i modelli utilizzano OxCal 4.4 e utilizzano l’algoritmo Monte Carlo standard della catena Metropolis-Hastings Markov e i priori predefiniti 31 . Il codice per questi modelli è fornito nella Nota Supplementare 5 e nel repository https://github.com/mwdee/LAM1021 .

media

Le medie vengono prodotte per ogni tipo di campione utilizzando la funzione Sum in OxCal 4.4. In ogni caso, tutte le date 14 C rilevanti sono incluse in fasi limitate. La principale informazione a priori utilizzata da questo modello è che si presume che ogni data faccia parte di un gruppo definito 31 .

Wiggle corrispondenza

I dati 14 C per ogni raggio vengono confrontati con la curva di calibrazione IntCal20 in OxCal 4.4 utilizzando la sua funzione D_Sequence 31 . Tutti i modelli mostrano un’elevata convergenza e vengono eseguiti fino al completamento.

Pattern matching usando l’ χ 2 prova

Le concentrazioni misurate di 14 C dei campioni di anelli degli alberi sono abbinate a una curva di riferimento tramite il metodo statistico classico del test χ 2 20 , 22 , utilizzando la seguente funzione χ 2 :

X2(x)=i=1n(RiC(xri))2δR2i+δC(xri)2

Qui R i ± δ R i sono le date 14 C misurate del campione; C (  −  r i ) ± δ C (  −  r i ) sono le concentrazioni di 14 C della curva di riferimento per l’anno (  −  r i ), dove r i sono i numeri degli anelli degli alberi dei campioni analizzati; e è un’età di prova per il waney edge. Le date misurate sono abbinate ai dati di riferimento (cioè superiori o inferiori) in modo tale che il χ 2X

XXXdiventa minimo per un certo valore di , che è la migliore stima per la data di abbattimento dell’albero 20 . Per abbinare accuratamente l’evento, è necessario un set di dati di riferimento con risoluzione di un anno. Usiamo B2018 come riferimento, che combina molti risultati annuali di 14 C per gli anni rilevanti per questo studio 28 . Le analisi di corrispondenza dei modelli vengono eseguite principalmente utilizzando Python 3 in Jupyter Notebook 6.3.0. I risultati su ciascuno degli elementi in legno studiati sono mostrati in Fig. 2 .X

Tassonomia del legno

Dai tre frammenti principali di legno (4A 59 E3-1, 4A 68 E2-2 e 4A 68 J4-6), vengono preparate sezioni sottili sotto uno stereomicroscopio con ingrandimenti fino a 50×. Sono tagliati in tre direzioni (trasversale, radiale e tangenziale). Poiché il legno era asciutto, le sezioni dovevano essere immerse in acqua saponata per eliminare le bolle d’aria e poter vedere le caratteristiche anatomiche diagnostiche. I vetrini vengono esaminati al microscopio a luce trasmessa con ingrandimenti fino a ×400 e identificati con l’ausilio della letteratura pertinente 43 , 44 , 45. I tre campioni non hanno vasi e quindi devono essere legno tenero di specie di conifere. Le caratteristiche più importanti per l’identificazione sono l’assenza di canali resinosi, l’altezza dei raggi (mediamente molto inferiore in 4A 68 J4-6 rispetto agli altri due campioni) e il tipo, numero e distribuzione delle fosse di crossfield. Inoltre, vengono presi in considerazione la presenza/assenza di parenchima assiale, la forma delle cellule del raggio nei campi incrociati, la vaiolatura nelle pareti laterali e nelle pareti terminali delle cellule del raggio e la provenienza geografica. Poiché il campione di legno 4A 68 J4-6 è legno di compressione (legno di reazione sul lato inferiore dei rami e degli steli inclinati), non è possibile distinguere tra fosse cupressoide e tassoidoide. L’identificazione di questo campione è quindi incerta con ginepro e tuia come possibili candidati ( Juniperus/ tipo Thuja ). Gli altri due campioni sono identificati con sicurezza come abete ( Abies ). All’interno di questo genere è impossibile un’ulteriore identificazione, ma l’abete balsamico ( A. balsamea ), una specie nordamericana molto comune, sarebbe una buona corrispondenza.

Riepilogo dei rapporti

Ulteriori informazioni sul disegno della ricerca sono disponibili nel Riepilogo dei rapporti sulla ricerca sulla  natura collegato a questo documento.

Disponibilità dei dati

Tutti i dati che supportano i risultati di questo studio sono disponibili nel testo principale o nelle informazioni supplementariI dati di origine sono forniti con questo documento.

Disponibilità del codice

I codici dei modelli OxCal sono forniti nelle  Informazioni Supplementari e nel repository https://github.com/mwdee/LAM1021 .

Riferimenti

  1. 1.

    Ingstad, H. & Ingstad, AS The Viking Discovery of America: The Excavations of a Norse Settlement at L’Anse aux Meadows, Newfoundland (Breakwater Books, 2000).

  2. 2.

    Wallace, BL in Contact, Continuity, and Collapse: the Norse Colonization of the North Atlantic (ed. Barrett, J.) 207-238 (Brepols, 2003).

  3. 3.

    Nydal, R. Una revisione critica della datazione al radiocarbonio di un insediamento norvegese a L’Anse aux Meadows, Terranova in Canada. Radiocarbonio 31 , 976–985 (1989).
    Articolo  Google Scholar

  4. 4.

    Ledger, PM, Girdland-Flink, L. & Forbes, V. Nuovi orizzonti a L’Anse aux Meadows. Proc. Natl Acad. Sci. USA 116 , 15341-15343 (2019).
    CAS  Articolo  Google Scholar

  5. 5.

    Dee, MW & Kuitems, M. Durata dell’attività inestimabile a causa dell’imprecisione dei dati. Proc. Natl Acad. Sci. USA 116 , 22907 (2019).
    CAS  Articolo  Google Scholar

  6. 6.

    Miyake, F., Masuda, K. & Nakamura, T. Un altro evento rapido nel contenuto di carbonio-14 degli anelli degli alberi. Naz. Comune 4 , 1748 (2013).

    ANNUNCI  Articolo  Google Scholar

  7. 7.

    Muhlemann, B. et al. Diversi ceppi di virus variola (vaiolo) erano diffusi nell’Europa settentrionale nell’era vichinga. Scienza 369 , 6502 (2020).
    Articolo  Google Scholar

  8. 8.

    Margaryan, A. et al. Genomica delle popolazioni del mondo vichingo. Natura 585 , 390–396 (2020).
    ANNUNCI  CAS  Articolo  Google Scholar

  9. 9.

    Wallace, BL Il norvegese a Terranova: L’Anse aux Meadows e Vinland. Terranova. Stallone Labrador. 19 , 50-43 (2003).
    Google Scholar

  10. 10.

    Ingstad, H. The Discovery House-Sites Norse in Nord America (Harper & Row, 1966).

  11. 11.

    Lindsay, CS L’Anse aux Meadows era un avamposto norreno? Può. Geogr. J. 94 , 36-43 (1977).
    Google Scholar

  12. 12.

    Ingstad, AS & Ingstad, H. The Norse Discovery of America Vols I e II (Univ. Oslo Press, 1986).

  13. 13.

    Davis, AM, McAndrews, JH & Wallace, BL Paleoenvironment e la documentazione archeologica presso il sito di L’Anse aux Meadows, Terranova. Geoarcheologia 3 , 53-64 (1988).
    Articolo  Google Scholar

  14. 14.

    Ogilvie, AE, Barlow, LK & Jennings, AE clima del Nord Atlantico c . 1000 dC : riflessioni millenarie sulle scoperte vichinghe di Islanda, Groenlandia e Nord America. Tempo 55 , 34–45 (2000).
    ANNUNCI  Articolo  Google Scholar

  15. 15.

    Wallace, BL L’Anse aux Meadows, casa di Leif Eriksson a Vinland. J. Nord Atl. Speciale Vol. 2, 114-125 (2009).
    Articolo  Google Scholar

  16. 16.

    Smiley, J. Le saghe degli islandesi (Penguin, 2005).

  17. 17.

    Martindale, A. et al. Canadian Archaeological Radiocarbon Database (CARD 2.1) (consultato il 13 aprile 2021) (2016).

  18. 18.

    Kristensen, TJ & Curtis, JE Cacciatori-raccoglitori del tardo Olocene a L’Anse aux Meadows e le dinamiche della caccia a uccelli e mammiferi a Terranova. Antropologia artica. 49 , 68-87 (2012).
    Articolo  Google Scholar

  19. 19.

    Wallace, BL in Archeologia in America: un’enciclopedia (a cura di Cordell, LS et al.) 78-83 (ABC-CLIO, 2009).

  20. 20.

    Wacker, L. et al. Datazione al radiocarbonio a un anno mediante rapide variazioni atmosferiche di 14 C. Radiocarbonio 56 , 573-579 (2016).
    Articolo  Google Scholar

  21. 21.

    Oppenheimer, C. et al. Multi-proxy che data “l’eruzione del millennio” di Changbaishan alla fine del 946 d.C. quat. Sci. Apocalisse 158 , 164-171 (2017).
    ANNUNCI  Articolo  Google Scholar

  22. 22.

    Kuitems, M. et al. Un approccio basato sul radiocarbonio capace di precisione subannuale risolve le origini del sito di Por-Bajin. Proc. Natl Acad. Sci. USA 117 , 14038–14041 (2020).
    CAS  Articolo  Google Scholar

  23. 23.

    Reimer, P. et al. La curva di calibrazione dell’età del radiocarbonio dell’emisfero settentrionale IntCal20 (0-55 kBP cal). Radiocarbonio 62 , 725-757 (2020).

    CAS  Articolo  Google Scholar

  24. 24.

    Miyake, F., Nagaya, K., Masuda, K. & Nakamura, T. Una firma dell’aumento dei raggi cosmici nel 774–775 d.C. dagli anelli degli alberi in Giappone. Natura 486 , 240-242 (2012).
    ANNUNCI  CAS  Articolo  Google Scholar

  25. 25.

    Usoskin, IG et al. L’evento cosmico AD775 rivisitato: la colpa è del Sole. Astron. astrofisica. 552 , L3 (2013).
    ANNUNCI  Articolo  Google Scholar

  26. 26.

    Jull, AT et al. Escursioni nella 14 record di C a 774-775 dC negli anelli degli alberi da Russia e America. Geofisi. Ris. Lett. 41 , 3004-3010 (2014).
    ANNUNCI  CAS  Articolo  Google Scholar

  27. 27.

    Güttler, D. et al. Il rapido aumento del 14 C cosmogenico nel 775 d.C. misurato negli alberi kauri della Nuova Zelanda indica un aumento di breve durata della produzione di 14 C in entrambi gli emisferi. Pianeta Terra. Sci. Lett. 411 , 290-297 (2015).
    ANNUNCI  Articolo  Google Scholar

  28. 28.

    Buntgen, U. et al. Gli anelli degli alberi rivelano la firma globalmente coerente degli eventi cosmogenici del radiocarbonio nel 774 e nel 993 d.C. Naz. Comune 9 , 3605 (2018).
    ANNUNCI  Articolo  Google Scholar

  29. 29.

    Scifo, A. et al. Eventi di produzione del radiocarbonio e loro potenziale relazione con il ciclo di Schwabe. Sci. Rep. 9 , 17056 (2019).
    ANNUNCI  CAS  Articolo  Google Scholar

  30. 30.

    Wallace, BL Westward to Vinland: the Saga of L’Anse aux Meadows (Associazione dei siti storici di Terranova e Labrador, 2012).

  31. 31.

    Bronk Ramsey, C. Analisi bayesiana delle date al radiocarbonio. Radiocarbonio 51 , 337-360 (2009).
    Articolo  Google Scholar

  32. 32.

    Bronk Ramsey, C., van der Plicht, J. & Weninger, B. Date al radiocarbonio “Wiggle matching”. Radiocarbonio 43 , 381-389 (2001).
    Articolo  Google Scholar

  33. 33.

    Mooney, DEA “firma dell’isola del Nord Atlantico” dello sfruttamento del legname: prove da assemblaggi di manufatti in legno dell’età vichinga e dell’Islanda medievale. J. Archeol. Sci. Rep. 7 , 280-289 (2016).
    Google Scholar

  34. 34.

    Odess, D., Loring, S. & Fitzhugh WW in Vikings: the North Atlantic Saga (a cura di Fitzhugh, WW & Ward, EI) (Smithsonian Institution Press, 2000).

  35. 35.

    Wacker, L. et al. Risultati di un approfondito confronto annuale del radiocarbonio tra gli anelli degli alberi. Radiocarbonio 62 , 873-882 (2020).
    CAS  Articolo  Google Scholar

  36. 36.

    Loader, NJ, Robertson, I. & McCarroll, D. Confronto dei rapporti di isotopi di carbonio stabili nell’intero legno, cellulosa e lignina degli anelli di quercia. Paleogeogr. Paleoclimatolo. Paleoecol. 196 , 395-407 (2003).
    Articolo  Google Scholar

  37. 37.

    Dee, MW et al. Datazione al radiocarbonio a Groningen: procedure di pretrattamento chimico nuove e aggiornate. Radiocarbonio 62 , 63-74 (2020).
    CAS  Articolo  Google Scholar

  38. 38.

    Brock, F. et al. Testare l’efficacia dei protocolli per la rimozione dei comuni trattamenti di conservazione per la datazione al radiocarbonio su datazione. Radiocarbonio 60 , 35-50 (2018).
    CAS  Articolo  Google Scholar

  39. 39.

    Bruhn, F., Duhr, A., Grootes, PM, Mintrop, A., Nadeau, M.-J. Rimozione chimica delle sostanze di conservazione mediante estrazione di tipo ‘Soxhlet’. Radiocarbonio 43 , 229-237 (2001).
    Articolo  Google Scholar

  40. 40.

    Ensing, B. et al. Sull’origine delle solubilità estremamente diverse dei polieteri. Naz. Comune 10 , 2893 (2019).
    ANNUNCI  Articolo  Google Scholar

  41. 41.

    Friedrich, R. et al. Dati annuali sugli anelli degli alberi del 14 C intorno al 400 d.C.: record di medie e alte latitudini. Radiocarbonio 61 , 1305–1316 (2019).
    CAS  Articolo  Google Scholar

  42. 42.

    Stuiver, M. & Polach, HA Segnalazione di discussione di dati 14 C. Radiocarbonio 19 , 355-363 (1977).
    Articolo  Google Scholar

  43. 43.

    Schweingruber FH Anatomy of European Woods (Berna e Stoccarda, 1990).

  44. 44.

    Wheeler, EA InsideWood – una risorsa web per l’anatomia del legno duro. Rivista dell’Associazione internazionale degli anatomisti del legno 32 , 199-211 (2011).

  45. 45.

    Comitato IAWA. Elenco IAWA delle caratteristiche microscopiche per l’identificazione del legno tenero. IAWA J. 25 , 1-70 (2004).
    Articolo  Google Scholar

Scarica i riferimenti

Ringraziamenti

Questo lavoro è stato finanziato dal Consiglio europeo della ricerca (sovvenzione 714679, ECHOES). MK, AS, PE e MWD sono stati supportati da questa sovvenzione. Ringraziamo Parks Canada per aver fornito campioni; lo staff del CIO, in particolare SWL Palstra, D. van Zonneveld, R. Linker, S. de Bruin, RA Schellekens, P. Wietzes-Land, D. Paul, HAJ Meijer, JJ Spriensma, HG Jansen, A. Th. Aerts-Bijma e AC Neocleous; e R. Doeve, E. van Hees, AJ Huizinga, BJS Pope e J. Higdon per il loro aiuto e supporto.

Informazioni sull’autore

affiliazioni

Contributi

MWD ha concepito l’idea, ha diretto la ricerca e ha co-scritto il documento; MK ha aiutato a progettare la ricerca, ne ha condotto la maggior parte e ha co-scritto il documento; BLW è stato il principale consulente di archeologia e saghe; CL consigliava di archeologia; AS ha eseguito principalmente le analisi χ 2 ; PD ha consigliato l’anatomia degli anelli degli alberi; KJ ha preso dei campioni; SL ha condotto pretrattamenti (Mannheim); Pretrattamenti condotti con PE (Groningen); PML e VF si sono occupati di archeologia e paleoecologia; tassonomia del legno analizzata dal CV; RF ha supervisionato le analisi AMS (Mannheim). Tutti i coautori hanno contribuito alla stesura finale del manoscritto.

Autori corrispondenti

Corrispondenza con Margot Kuitems o Michael W. Dee .

Dichiarazioni etiche

Interessi conflittuali

Gli autori non dichiarano interessi concorrenti.

Informazioni aggiuntive

Informazioni sulla revisione tra pari Nature ringrazia James Barrett, Dagfinn Skre, Lukas Wacker e gli altri revisori anonimi per il loro contributo alla revisione tra pari di questo lavoro. Sono disponibili i rapporti dei revisori tra pari.

Nota dell’editore Springer Nature rimane neutrale rispetto alle rivendicazioni giurisdizionali nelle mappe pubblicate e nelle affiliazioni istituzionali.

Dati estesi figure e tabelle

Dati estesi Fig. 1 Regioni del Nord Atlantico esplorate dai norvegesi.

LAM si trova nella penisola settentrionale di Terranova. La mappa mostra i principali insediamenti in Groenlandia da dove si imbarcarono i norvegesi e le regioni che chiamarono Helluland, Markland e Vinland. Mappa: R. Klaarenbeek.

Dati estesi Fig. 2 Panoramica schematica del sito (dopo Wallace 2003)2 e provenienza dei nostri campioni.

Sono indicati i contorni delle diverse strutture norrene (A–J) e le posizioni (marrone) in cui sono stati trovati gli oggetti in legno utilizzati nel presente studio.

Dati estesi Fig. 3 Le 55 legacy 14 C risalgono ai contesti norreni al LAM.

Campioni suscettibili all’età innata: azzurro, osso di balena ( n  = 1, non corretto per Marine Reservoir Effect); rosso, legno ( n  = 17); marrone, legno bruciato ( n  = 7); nero, antracite ( n  = 22). Campioni di breve durata: campioni di colore verde chiaro, torba o zolla dalle pareti degli edifici norreni ( n  = 4); olivo, anelli più esterni e ramoscelli di legno modificato dal norreno ( n  = 4). Vedi Dati Supplementari 1.

Dati estesi Fig. 4 Panoramica del numero e dell’ordine dei diversi viaggi dei norvegesi nelle Americhe in base alle informazioni delle Saghe.

Per ogni viaggio sono indicati il ​​capo spedizione (EL), la durata (D), il numero dell’equipaggio presente e il numero delle navi. In alto, riassunto delle informazioni tratte dalla Saga dei Groenlandesi , che indicano che il numero di inverni trascorsi a Vinland è sette. Considerate le brevi stagioni di navigazione e l’impossibilità di effettuare viaggi di andata e ritorno tra Groenlandia e Vinland in un anno, il tempo che intercorre tra il primo arrivo dei norvegesi a Vinland e il loro ultimo ritorno è stimato in circa tredici anni; in basso, riassunto delle informazioni tratte dalla Saga di Erik il Rosso , con il tempo minimo stimato tra il primo arrivo dei norvegesi a Vinland e il loro ultimo ritorno, pari a circa tre anni.

Dati estesi Fig. 5 Immagini degli elementi in legno studiati.

La X bianca indica la posizione da cui sono stati prelevati i campioni. Le barre nere rappresentano 5 cm. In alto a sinistra, 4A 59 E3-1; in alto a destra, 4A 68 E2-2; in basso a sinistra, 4A 68 J4-6; in basso a destra, 4A 70 B5-14. Foto: M. Kuitems.

Dati estesi Fig. 6 Immagini al microscopio delle fette sottili dei campioni di legno studiati.

Le barre bianche rappresentano 0,05 mm, le barre nere 0,1 mm. Da sinistra a destra: sezioni radiali, tangenziali e trasversali rispettivamente di: alto, 4A 68 J4-6; centrale, 4A 68 E2-2; in basso, 4A 59 E3-1. Foto: M. van Waijjen, BIAX Consult.

Dati estesi Fig. 7 Rappresentazione microscopica della stagione di abbattimento del bordo del waney.

Le barre nere rappresentano 1 mm. ew = legno precoce, che si forma durante la prima fase dell’anno di crescita; lw = legno tardivo, che si forma alla fine della stagione di crescita. a , Articolo in legno 4A 68 E2-2; b , Legno articolo 4A 68 J4-6. Foto: P. Doeve.

Informazione supplementare

Informazione supplementare

Questo file contiene le note supplementari 1–5 e i riferimenti. (1) L’Anse aux Meadows; (2) Datazione del sito; (3) Durata dell’occupazione; (4) Materiali campione; (5) Codici.

Riepilogo rapporti
File di revisione tra pari

Dati di origine

Diritti e permessi

Accesso aperto Questo articolo è concesso in licenza con una licenza internazionale Creative Commons Attribuzione 4.0, che consente l’uso, la condivisione, l’adattamento, la distribuzione e la riproduzione in qualsiasi mezzo o formato, a condizione che si dia il giusto credito all’autore o agli autori originali e alla fonte, fornire un collegamento alla licenza Creative Commons e indicare se sono state apportate modifiche. Le immagini o altro materiale di terze parti in questo articolo sono inclusi nella licenza Creative Commons dell’articolo, se non diversamente indicato in una linea di credito al materiale. Se il materiale non è incluso nella licenza Creative Commons dell’articolo e l’uso previsto non è consentito dalla normativa o eccede l’uso consentito, sarà necessario ottenere l’autorizzazione direttamente dal detentore del copyright. Per visualizzare una copia di questa licenza, visitarehttp://creativecommons.org/licenses/by/4.0/ .

Ristampe e permessi

Autori:

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.