Produzione di cannabinoidi dal lievito di birra

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Produzione di cannabinoidi dal lievito di birra
Produzione di cannabinoidi dal lievito di birra
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Dal lievito di birra modificato i cannabinoidi low cost. Ottenuti nei laboratori dell’università di Berkeley con i geni della Cannabis. “I composti ottenuti, come il CBD e il THC, sono di alta qualità e hanno un costo basso”.

Ottenuti i primi cannabinoidi low-cost: le cellule del lievito di birra sono state trasformate in fabbriche in grado di produrre i componenti fondamentali della marijuana, accanto ad altri che non sono presenti nelle piante. Il risultato, basato sulle tecniche dell biologia sintetica, è stato possibile inserendo nel Dna del lievito i geni della Cannabis e di batteri. Pubblicata sulla rivista Nature, la ricerca si deve al gruppo di Jay Keasling, dell’università della California a Berkeley.

“I composti ottenuti, come il CBD e il THC, sono di alta qualità e hanno un costo basso”, ha rilevato Keasling. “È un modo più sicuro e più rispettoso dell’ambiente – ha aggiunto – per produrre cannabinoidi”. Questi ultimi sono ormai utilizzati a livello terapeutico in molti Paesi, compresa l’Italia, ma ottenerli in modo naturale è complesso e costoso perché questi composti vengono prodotti dalla pianta in piccole quantità e difficili da estrarre. La coltivazione in campo aperto richiede inoltre grandi quantità di acqua e fertilizzanti e quella in serra è molto costosa perché richiede molta energia per luce e ventilazione.Produzione di cannabinoidi dal lievito di birra

Dopo una lunga ricerca, il gruppo di Keasling è riuscito a utilizzare i lieviti per ottenere cannabinoidi a basso costo inserendo 12 geni nel Dna del lievito di birra, il Saccharomyces cerevisiae. Dei geni introdotti, alcuni provengono da quattro batteri e altri sono quelli che permettono alla pianta Cannabis di produrre i cannabinoidi. Tutti i geni producono enzimi che costringono il lievito a ‘cambiare le sue abitudini’, inducendolo a utilizzare lo zucchero per ottenere i cannabinoidi, anziché l’alcol come questo microrganismo fa normalmente durante la fermentazione.

“In pratica si induce il lievito a trasformare lo zucchero nel precursore dei cannabinoidi, dal quale si ricavano i composti THC e CBD”, ha spiegato il chimico Stefano Materazzi, dell’università La Sapienza di Roma. I ricercatori hanno ottenuto anche nuovi cannabinoidi non presenti nella pianta stessa. Dal precursore infatti, ha aggiunto l’esperto, “si possono ottenere anche altre sostanze. Adesso sarà interessate capire se quelle nuove ottenute dai ricercatori hanno effetti nuovi e produrle per via sintetica offre la possibilità di studiarle”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.