Occasione persa ai negoziati per salvare il Mondo dal riscaldamento

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Occasione persa ai negoziati per salvare il Mondo dal riscaldamento
Occasione persa ai negoziati per salvare il Mondo dal riscaldamento
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM
Cop25, rimandato il nodo delle emissioni: fallita la conferenza di Madrid. L’Onu: “Un’occasione persa”. Senza intesa i negoziati sul clima. Gli ambientalisti indignati, Greta Thunberg per prima: “La scienza è chiara, ma viene ignorata”. Greenpeace: “Hanno prevalso gli interessi delle compagnie dei combustibili fossili”.

Una drammatica sessione plenaria, dopo 48 ore consecutive di trattative supplementari, ha sancito la fine ingloriosa della Conferenza sul clima di Madrid. Nonostante i mesi di preparazione e le due settimane di negoziati nella capitale spagnola, la Cop25 si chiude con un sostanziale rinvio all’anno prossimo. E un piccolissimo segnale positivo.

Il rinvio riguarda l’articolo 6 degli Accordi di Parigi, quello che cerca di mettere ordine nel mercato del carbonio in modo da evitare il double counting (così com’è formulato ora si rischia che sia il paese venditore che quello acquirente conteggino la quantità di emissioni scambiata). “Non siamo riusciti a trovare un consenso” ha confessato la ministra cilena dell’Ambiente Cristina Schmidt che ha presieduto la Cop25. “Ma abbiamo fatto progressi e imparato molto gli uni dagli altri. Ci sarà utile per raggiungere un accordo sull’articolo 6 entro l’anno prossimo”.

Il segretario generale dell’Onu, Antonio Guterres, si è detto “deluso” dall’esito:. “Un’occasione persa”, l’ha definita il capo delle Nazioni unite.

António Guterres
@antonioguterres
I am disappointed with the results of .
The international community lost an important opportunity to show increased ambition on mitigation, adaptation & finance to tackle the climate crisis.
But we must not give up, and I will not give up.

Sul banco degli imputati il Brasile e l’Australia che vogliono poter gestire in “autonomia” il loro immenso patrimonio (in termini di assorbimento di CO2) forestale. “Accettare le loro proposte avrebbe minato alla base gli sforzi di ridurre le emissioni”, ha fatto notare Mohamed Adow, attivista e direttore di Power Shift Africa. D’altra parte anche l’Europa ha preferito il rinvio piuttosto che un articolo 6 azzoppato. Lo aveva detto chiaramente nella sua visita a Madrid a metà settimana Bas Eickout, il capo delegazione del Parlamento europeo alla Cop25: “Su questo punto meglio nessun accordo che un cattivo accordo”.

Pochi progressi anche sul loss and damage, quei meccanismi finanziari che dovrebbero aiutare i paesi più vulnerabili dal punto di vista climatico, che rischiano di finire sommersi per l’innalzamento dei mari o devastati dalla siccità. Durissimo l’intervento del rappresentate di Tuvalu: “C’è una nazione che si è schierata contro queste misure pur avendo deciso di uscire dagli Accordi di Parigi”. Chiarissimo il riferimento agli Stati Uniti di Donald Trump. “Negare che ci siano Paesi che stanno già soffrendo per l’emergenza climatica può essere considerato un crimine contro l’umanità”, ha continuato il diplomatico dell’isola del Pacifico.

L’ultima lite, andata in scena in mondovisione, si è avuta proprio per la mancata sottolineatura nel testo finale della “importanza della finanza climatica”, contro la quali si sono appunto schierati gli Usa, il Giappone, l’Arabia Saudita. “Quel passaggio era stato concordato ed ora è scomparso”, ha fatto notare il delegato egiziano a nome di tutti i paesi africani.

Infine il piccolissimo segnale positivo: la decisione finale prevede un innalzamento dei target di taglio alle emissioni di ogni singola nazione rispetto agli obiettivi attuali. Ma pochi hanno preso impegno concreti nel corso di questa Cop25.

Anche in questo caso, tutto rinviato al 2020, ultimo anno utile per rendere operativi gli Accordi di Parigi e prendere impegni vincolanti sui tagli alle emissioni in modo che il riscaldamento della Terra non superi gli 1,5 gradi in più rispetto all’era pre-industriale. Ma se anche alla Cop26 di Glasgow del prossimo si arriverà in ordine sparso, senza una solida leadership politica capace di indicare la strada, allora davvero non ci sarà più tempo.

Un fallimento, quello di Madrid, ancora più clamoroso perché arriva al termine dell’anno in cui più forte si è alzata la voce di chi, a cominciare dai ragazzi di Fridays for Future, azioni immediate per non compromettere irrimediabilmente il futuro delle prossime generazioni.

“Sono stato presente ai negoziati sul clima sin dalla loro istituzione nel 1991, ma non ho mai visto come qui a Madrid un totale scollamento tra le richieste degli scienziati e delle persone di tutto il mondo e quello che i negoziatori stanno cercando di ottenere”, ha dichiarato Alden Meyer, attivista della Union of Concerned Scientists.Greta Thunberg

Giudizio durissimo anche da un’altra veterana del Cop, Jennifer Morgan, attuale direttrice esecutiva di Greenpeace International e anche lei alla sua 25esima Conferenza Onu sul clima: “Ancora una volta la politica si è lasciata condizionare dagli interessi legati ai combustibili fossili e ha sbattuto la porta in faccia ai valori della società civile e alle conoscenze degli scienziati”. Le ha fatto eco Jamie Henn, della ong 350.org: “Una manciata di Paesi rumorosi ha dirottato il processo prendendo in ostaggio il resto del pianeta”. “I Paesi più inquinanti – Stati Uniti, Cina, India, Giappone, Brasile, Arabia Saudita e altri – i sono sottratti alla loro responsabilità di ridurre le emissioni di gas serra, bloccando progressi significativi a Madrid”, rincara la dose il Wwf.

Reazioni negative anche dagli attivisti italiani: “A Madrid non c’è stata alcuna risposta concreta dei governi alla grande mobilitazione dei cittadini per fronteggiare  l’emergenza climatica. I prossimi anni saranno cruciali. L’Europa può e deve ridurre le sue emissioni di almeno il 65% entro il 2030”, commenta Edoardo Zanchini vicepresidente di Legambiente.

E in queste ore ha fatto sentire la sua voce anche Greta Thunberg, sulla via di Stoccolma dopo il lungo viaggio in barca a vela, treno e auto elettrica che l’ha portata a toccare New York, Lisbona, Madrid e Torino.

Greta Thunberg
@GretaThunberg
It seems like in Madrid is falling apart right now. The science is clear, but the science is being ignored.
Whatever happens we will never give up. We have only just begun. https://twitter.com/dwallacewells/status/1205888079543717888 
David Wallace-Wells@dwallacewells
The entire purpose of COP25 was for nations to scale up their own ambitions and raise the decarbonization targets established under Paris. After an extra day of contentious negotiation, all language referring to that goal has been stripped from the resolution. https://twitter.com/simonllewis/status/1205804154284720130 

“Sembra che la Cop25 di Madrid stia fallendo. La scienza ha parlato chiaramente, ma è stata ignorata. Qualunque cosa accada non ci arrenderemo mai, abbiamo appena iniziato”. Parlano alla Conferenza aveva chiesto azioni immediate e una iniezione di ottimismo. E’ stata delusa su entrambi i fronti.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.