L’obiettivo della UE di eliminare l’uso dei fitofarmaci in agricoltura

Amicizia ed Incontri in Web Cam

L'obiettivo della UE di eliminare l'uso dei fitofarmaci in agricoltura
L'obiettivo della UE di eliminare l'uso dei fitofarmaci in agricoltura
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Meno pesticidi, più bio: gli obiettivi della Ue per un’agricoltura sostenibile entro il 2030. Le nuove linee guida della Commissione europea intendono ridurre del 50% l’utilizzo dei fitofarmaci e aumentare del 25% i terreni coltivati a biologico.

Riduzione del 50% dell’uso dei fitofarmaci e del 20% dei fertilizzanti entro il 2030. Taglio del 50% dei consumi di antibiotici per gli allevamenti e l’acquacoltura. E un incremento del 25% delle superfici coltivate a biologico. Sono alcuni dei principali obiettivi della strategia sulla sostenibilità presentata oggi dalla Commissione europea, con le due comunicazioni – una sulla biodiversità e l’altra dedicata alla strategia “Farm to Fork” – che definiscono il ruolo dell’agroalimentare nell’ambito del Green Deal europeo.

Bruxelles punta a raggiungere una quota di almeno il 30% delle aree rurali e marine europee protette, e a trasformare il 10% delle superfici agricole in aree ad alta biodiversità. La strategia prevede un finanziamento di 20 miliardi all’anno tra fondi Ue, nazionali e privati. Le comunicazioni non sono vincolanti ma indicano le linee guida per futuri atti legislativi da concordare con Consiglio e Parlamento europeo.

«La crisi del coronavirus ha dimostrato quanto siamo tutti vulnerabili e quanto sia importante ristabilire l’equilibrio tra attività umana e natura – ha dichiarato il vicepresidente esecutivo della Commissione europea, Frans Timmermans – al centro del Green Deal le strategie di biodiversità e Farm to Fork puntano a un nuovo e migliore equilibrio tra natura e sistemi alimentari , a proteggere la salute e il benessere dei nostri cittadini e allo stesso tempo ad aumentare la competitività ».

«Siamo all’inizio di un percorso che deve portare alla creazione di un patto fiduciario tra produttori e consumatori basato su qualità, trasparenza e sicurezza dei processi produttivi e dei cibi che sono sulle nostre tavole – ha dettoMeno pesticidi, più bio: i piani della Ue per un’agricoltura sostenibile l’europarlamentare Paolo De Castro – siamo pronti a raccogliere la sfida ambiziosa che ci lancia oggi la Commissione europea con le sue strategie Farm to Fork e Biodiversità, ma non a qualunque prezzo. Siamo anche preoccupati che gli obiettivi di ridurre l’uso di input produttivi, possano pregiudicare la capacità produttiva dei nostri agricoltori: ogni vincolo dovrà essere accompagnato da strumenti alternativi»

Le principlai associazioni italiane dell’agricoltura tradizonale, però, si dicono preoccupate per le ricadute che queste scelte della Ue finiranno con l’avere sulle tasche dei singoli agricoltori, che dovranno adeguarsi alle norme: «Sono molto ambiziosi gli obiettivi delle due comunicazioni sulla sostenibilità presentate dalla Commissione Europea, ma è indispensabile che ci siano adeguate dotazioni finanziarie – sostiene il presidente dell’Alleanza delle Cooperative, Giorgio Mercuri – prima di ogni intervento legislativo europeo occorrerà fare una valutazione attenta sulle ricadute che un piano strategico così importante potrà avere su agricoltori e cooperative, che hanno bisogno di alternative per essere messi in grado di raggiungere obiettivi così ambiziosi senza compromettere la loro stessa sussistenza». Anche la Cia-Agricoltori italiani chiede un maggiore sostegno economico per i contadini chiamati a centrare i nuovi obiettivi europei entro il 2030: «L’agricoltura vuole essere protagonista e contribuire allattuazione del Green New Deal – si legge in una nota dell’associaizone – ma gli obiettivi ambiziosi e gli sforzi richiesti dall’Europa devono necessariamente essere accompagnati da alternative produttive innovative e da risorse adeguate al nuovo modello di sviluppo».

«Le proposte della Commissione penalizzano il potenziale produttivo dell’agricoltura e del sistema agroalimentare europeo – taglia corto Massimiliano Giansanti, presidente di Confagricoltura – È una prospettiva che non condividiamo, anche perché aumenterebbero le importazioni da Paesi terzi che applicano regole diverse e meno rigorose».

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.