Gli USA acquistano uranio arricchito dalla Russia

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Gli USA acquistano uranio arricchito dalla Russia
Gli USA acquistano uranio arricchito dalla Russia
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Come la Russia ha reso gli USA dipendenti dal suo combustibile nucleare. Il paese più ricco del mondo si è rivelato inaspettatamente un drogato di energia. Per evitare carenze, gli Stati Uniti si sono trovati costretti ad iniziare ad acquistare uranio arricchito dal loro nemico giurato – la Russia.

Nel 1938, il chimico tedesco Otto Hahn scoprì la fissione dell’isotopo dell’uranio 235 quando veniva bombardato con neutroni. Lo scienziato scoprì che il processo produceva un’enorme quantità di energia. La scoperta diede il via allo sviluppo dell’energia atomica e delle armi atomiche in tutto il mondo.
Gli USA acquistano uranio arricchito dalla Russia

L’isotopo dell’uranio-238 è l’isotopo più comune dell’uranio presente in natura, con un’abbondanza relativa del 99 percento. Il resto rappresenta l’uranio 235, circa lo 0,72%. Per utilizzare la tecnologia nucleare a scopi pacifici, è necessario aumentare la percentuale di uranio 235 nell’uranio naturale al tre o cinque per cento per produrre uranio a basso arricchimento. Per creare armi atomiche, è necessario aumentare il numero al 90-100% per ottenere uranio altamente arricchito.

Al giorno d’oggi sono due i metodi di arricchimento dell’uranio utilizzati – diffusione gassosa e tramite centrifughe. Gli Stati Uniti usano la tecnologia della diffusione gassosa. Per dare al lettore un’immagine del processo, si può immaginare la setacciatura della farina, quando nel setaccio restano frazioni più grandi (particelle) e aumenta l’uniformità e la qualità della farina. Questo processo è simile al metodo della diffusione gassosa, quando solo l’uranio-235, che ha tre neutroni di meno, si separa dall’uranio-238 nell’esafluoruro di uranio gassoso attraverso le membrane delle piccole cellule. L’Unione Sovietica in origine usava la stessa tecnologia.

Nel novembre 1957, l’URSS lanciò il suo primo impianto di arricchimento di uranio-235 tramite centrifughe. L’evento non fu meno importante del lancio del primo satellite artificiale, lo Sputnik, il 4 ottobre 1957.

In una centrifuga con esafluoruro di uranio, il rotore accelera da 1500 giri al secondo, creando gravità artificiale da forze centrifughe, e questa gravità supera di molte volte la forza della gravità terrestre.

Secondo la legge di gravità, l’uranio-235 più leggero rimane nel centro dell’asse, mentre l’uranio-238 si sposta verso le pareti della centrifuga. Questo metodo è 50 volte meno costoso.

Gli Stati Uniti capirono che la produzione non era redditizia. Gli americani la trovavano inefficace perfino per l’energia nucleare, per non parlare delle armi nucleari. Costruirono l’ultima unità a diffusione gassosa nel 1996. Cercarono di sviluppare una tecnologia simile a quella dell’Unione Sovietica, ma non riuscirono mai ad avere successo.

World Nuclear News (WNN) ha pubblicato un articolo nel gennaio 2019, in cui si diceva che gli americani avevano cercato di introdurre una tale tecnologia, ma non erano riusciti a fare progressi. Per ricostituire i costi energetici, hanno dovuto acquistare uranio a basso arricchimento dalla Russia.

Circa il 40% degli stati orientali degli Stati Uniti riceve energia dalle centrali nucleari. Gli Stati Uniti hanno cercato di costruire un impianto a centrifughe a Piketown, ma la costruzione è stata interrotta. Durante gli anni ‘90, gli USA hanno concluso l’accordo HEU-LEU (uranio altamente arricchito – uranio a basso arricchimento) con la Russia nel tentativo di risparmiare denaro. In conformità con l’accordo, la Russia fornisce all’America 500 tonnellate di uranio a basso arricchimento diluito dall’uranio altamente arricchito dei missili nucleari.

Complessivamente, era molto più economico per gli Stati Uniti acquistare l’uranio arricchito dalla Russia piuttosto che produrlo a proprie spese. Nel 2013, la russa Rosatom ha acquisito il 100% del capitale di Uranium One – l’azienda canadese che estrae l’uranio naturale ed esplora i suoi giacimenti. La società possiede miniere di uranio in Australia, Kazakistan, Sud Africa e Stati Uniti. Gli Stati Uniti forniscono così l’uranio naturale alla Russia attraverso la canadese Uranium One, perché il Senato proibisce le forniture dirette. La Russia poi lo arricchisce con le sue centrifughe e poi lo rivende agli Stati Uniti.

Di conseguenza, la Russia riceve denaro e continua a migliorare le sue installazioni (sono state modernizzate fino alla decima generazione), mentre gli Stati Uniti ricevono le loro dosi di carburante.

Ovviamente, gli Stati Uniti possono trovare fornitori di uranio in Europa. Tuttavia, il costo con i paesi europei sarebbe almeno 2,5 volte superiore rispetto a quello con la Russia. Per coronare il tutto, la produzione di uranio arricchito in Russia è paragonabile alla produzione in tutti gli altri paesi messi insieme.

*****

Articolo di Dmitrij Sudakov pubblicato su Pravda Report il 16 luglio 2019.
Traduzione in italiano a cura di Raffaele Ucci per Saker Italia.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.