Chiuso il Maesa Elephant Camp, il parco elefanti Thailandesi

Amicizia ed Incontri in Web Cam

Chiuso il Maesa Elephant Camp, il parco elefanti Thailandesi
Chiuso il Maesa Elephant Camp, il parco elefanti Thailandesi
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me

Coronavirus, chiusi i parchi in Thailandia. Dopo 44 anni stop agli show con elefanti. Non saranno più usati per divertire. Una volta finita l’emergenza ai pachidermi sarà permesso vagare liberamente nei terreni del Maesa Elephant Camp di Chiang Mai e i turisti potranno osservarli nel loro habitat naturale. Ma se il governo non offrirà un sostegno finanziario per nutrire gli animali, molti potrebbero essere abbandonati o venduti illegalmente.

Nel nord della Thailandia, il Maesa Elephant Camp di Chiang Mai, è chiuso a causa della pandemia di coronavirus. Nessuno viene a vedere il parco degli elefanti, attrazione turistica dove 78 pachidermi servivano a fare spettacoli e a portare in giro le persone per divertimento.

Maesa Elephant CampI proprietari hanno deciso di rimuovere gli enormi sedili in legno e metallo che venivano legati sulle spalle degli animali per tutto il giorno. Non li rimetteranno: una volta finita l’emergenza agli elefanti sarà permesso vagare liberamente nei terreni della riserva, e i visitatori potranno osservarli nel loro habitat naturale. È la prima volta in 44 anni che succede. ha detto in un’intervista all’Independent il direttore del parco Anchalee Kalampichit. “Da quando siamo entrati nel business nel 1976, cavalcare gli elefanti è sempre stata l’attività preferita dei turisti”, ha detto.

Maesa Elephant Camp“Ma poiché il coronavirus si è diffuso, ci sono stati meno turisti e alla fine il governo ci ha ordinato di chiudere, quindi abbiamo rimosso le carrozze e liberato gli elefanti. Non abbiamo in programma di rimetterle, anche se potremmo. Vogliamo cambiare lo stile del luogo e trovare altri modi per far il pubblico degli elefanti: daremo il benvenuto ai turisti per divertirsi imparando a conoscere gli stili di vita degli elefanti in modo naturale invece di usarli”.

Maesa Elephant CampCon tutte le attività sospese e per ora nessuna entrata, i proprietari del parco devono sostenere le spese mensili di cura degli elefanti e continuare a pagare i 300 addetti del personale. Il costo, ha affermato la Kalampichit, ammonta a cinque milioni di baht (circa 156mila euro). “Ora stiamo piantando verdure per far mangiare il personale e ridurre le spese”, ha spiegato Kalampichit.

Maesa Elephant CampIl calo dei turisti stranieri sta costringendo alla chiusura dozzine di parchi di elefanti in tutta la Thailandia. Solo a Chiang Mai, città tra le montagne della parte settentrionale, ne esistono 93. A meno che il governo non offra un sostegno finanziario per aiutare questi parchi a nutrire e prendersi cura dei loro elefanti, molti potrebbero essere abbandonati o venduti illegalmente. “Non vogliamo che sia messo in pericolo il benessere degli elefanti, che tornino a vagare per le strade chiedendo banane o canna da zucchero”, ha detto al New York Times , secondo Theerapat Trungprakan, presidente della Thai Elephant Alliance Association.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.