Caldo e incendi causano la fusione record dei ghiacci in Groenlandia

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Caldo e incendi causano la fusione record dei ghiacci in Groenlandia
Caldo e incendi causano la fusione record dei ghiacci in Groenlandia
Condividi l'Articolo

Incendi in Siberia, il fumo raggiunge gli Usa. Groenlandia, maxi fusione dei ghiacci. Le ceneri hanno attraversato lo stretto di Bering. “Se le correnti le porteranno verso la superficie, potrebbero esserci rischi per uomini e animali”. E le alte temperature stanno sciogliendo i ghiacci artici a tempo di record

Il fumo delle foreste siberiane che stanno bruciando da diversi mesi ha raggiunto gli Stati Uniti e il Canada. Le regioni russe di Irkutsk, Buryatia, Sakha e Krasnoyarsk hanno dichiarato lo stato d’emergenza, visto che la nuvola di cenere che incombe sull’intera area sta letteralmente soffocando le città che si trovano nella zona del rogo. Ora il fumo, particolarmente pericoloso per giovani e anziani, ha attraversato lo stretto di Bering e ha invaso il Nord America. Gli scienziati della Nasa però non sono troppo preoccupati: “Le ceneri stanno viaggiando a un’altitudine tale da non pregiudicare la qualità dell’aria degli Stati Uniti, a meno che – fa notare il meteorologo dell’agenzia spaziale Colin Seftor – le correnti non raggiungano la superficie”.

Brucia un’area della Siberia grande quanto il Belgio

Secondo l’agenzia forestale russa, oltre 2,7 milioni di ettari di alberi – l’equivalente per estensione di Piemonte e Val d’Aosta – stanno bruciando in Russia. Il fumo ha circondato almeno 800 città. La speranza è che nel weekend una forte perturbazione possa spegnere molti dei roghi. Al momento il Cremlino non sta tentando di soffocare gli incendi, perché “i danni a cui andremmo incontro in queste regioni praticamente disabitate sarebbero più dei benefici”.

immagine dall'lato incendio in siberia 2019Una scelta che non convince tutti gli analisti. “I fuochi – fa notare la Nasa – stanno liberando grandi quantità di anidride carbonica. In giugno sono stati emessi 50 megatoni di questo gas, tra i responsabili dell’effetto serra e del riscaldamento globale”. Come se non bastasse, i roghi producono anche enormi quantità di nerofumo, altamente pericoloso per uomini e animali. “Qualche incendio non rappresenta un problema, non ha praticamente rilevanza. Ma quando le fiamme sono così estese e non vengono fermate – commenta Santiago Gassó della Nasa – il fumo rimane nell’atmosfera così a lungo che può modificare le temperature per diversi giorni e avere un impatto meteorologico e climatico”.

La Groenlandia fonde

La fusione dei ghiacci in Groenlandia nelle immagini di Caspar Haarlov (Ansa)

Le brutte notizie non finiscono qui. L’ondata di caldo eccezionale che ha investito Asia settentrionale, Nord America ed Europa negli scorsi due mesi (e che ha contribuito ai roghi) non ha risparmiato nemmeno la Groenlandia, accelerando lo scioglimento del ghiaccio nella più grande isola del mondo, in piena zona artica: ben dieci miliardi di tonnellate si sono disperse nell’oceano in un solo giorno. In tutto luglio si parla di 197 miliardi di tonnellate: un miliardo di tonnellate, per avere un termine di paragone, corrisponde al contenuto d’acqua di 400mila piscine olimpioniche.

Ondata di caldo scioglie ghiaccio in Groenlandia a velocita’ record

Condividi l'Articolo

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.