Batteri ibridi con materiali sintetici per la cura del cancro

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

Batteri ibridi con materiali sintetici per la cura del cancro
Batteri ibridi con materiali sintetici per la cura del cancro
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

I batteri cyborg che sopravvivono in un ambiente ostile. Potrebbero combattere tumori e risolvere problemi ambientali. Ottenute in laboratorio le prime cellule ‘cyborg’: sono batteri ibridi, a metà tra naturale e artificiale, cioè cellule in cui sono stati introdotti materiali sintetici.

La trasformazione mantiene intatte tutte le funzioni principali e le caratteristiche di una cellula vivente, ma permette ai batteri di acquisire nuove capacità e di resistere a condizioni altrimenti mortali.

Il risultato, pubblicato sulla rivista Advanced Science, è stato ottenuto da un gruppo di ricercatori guidati dall’Università della California a Davis e apre la strada ad applicazioni in moltissimi campi: da nuove cure anti-cancro ai problemi ambientali, da trattamenti per il microbioma intestinale ai biosensori.

Ottenuti i batteri cybord capaci di sopravvivere in condizioni ostili (fonte: Pixabay) © ANSA/Ansa
Ottenuti i batteri cybord capaci di sopravvivere in condizioni ostili (fonte: Pixabay) © ANSA/Ansa

Per realizzare le cellule-cyborg, i ricercatori guidati da Luis Contreras-Llano hanno assemblato una rete di idrogel all’interno delle cellule batteriche, rendendole incapaci di dividersi e moltiplicarsi ed eliminando quindi ogni rischio. Le cellule ibride hanno dimostrato di avere ancora molte funzioni di base attive, come quelle metaboliche, la capacità di produrre proteine e di mantenere fluida la propria membrana esterna, ma allo stesso tempo hanno acquisito molte nuove abilità: in particolare, sono state in grado di sopravvivere ad alti livelli di pH, ad alte concentrazioni di perossido di idrogeno (noto anche come acqua ossigenata) e all’attacco da parte di antibiotici, tutte condizioni che avrebbero ucciso un batterio normale.

A sinistra le cellule batteriche naturali, al centro e a destra quelle 'cyborg' (fonte: Contreras-Llano et al, 'Engineering Cyborg Bacteria Through Intracellular Hydrogelation', Advanced Science)
A sinistra le cellule batteriche naturali, al centro e a destra quelle ‘cyborg’ (fonte: Contreras-Llano et al, ‘Engineering Cyborg Bacteria Through Intracellular Hydrogelation’, Advanced Science)

Secondo gli autori dello studio, le cellule-cyborg potrebbero diventare una nuova classe di terapie, a metà tra quelle basate su cellule e quelle basate su sostanze artificiali. I ricercatori, infatti, hanno dimostrato che le loro cellule ibride sono in grado, grazie a particolari proteine chiamate invasine, di attaccare e invadere cellule tumorali del neuroblastoma (un tumore del sistema nervoso) e dell’adenocarcinoma, un tumore maligno che si sviluppa dalle ghiandole e può interessare diversi organi.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Post Type Selectors
Inviami gli Articoli in Email:

Lascia il primo commento

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.