Aumento delle radiazioni a causa dell’incidente nucleare sul Mar Bianco

Accetta pagamenti in oltre 45 criptovalute
Aumento delle radiazioni a causa dell'incidente nucleare sul Mar Bianco
Aumento delle radiazioni a causa dell'incidente nucleare sul Mar Bianco
Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Incidente nucleare Russia, ora è “allarme contaminazione”. Il centro di ricerca francese CRIIRAD denuncia: “Un aumento del fondo di venti volte potrebbe indicare una contaminazione molto elevata”. E’ essenziale conoscere il tipo di materiale nucleare usato. Greenpeace Russia denuncia: per tre giorni aumentate anche le radiazioni beta.

Cosa c’era dentro il missile da crociera Burevestnik esploso l’8 agosto su una chiatta davanti al poligono missilistico di Nionoska, sul Mar Bianco, facendo 7 morti e 15 feriti e causando un picco di radioattivià misurata fino alla città di Severdvinsk, 25 chilometri in linea d’aria? Quanto materiale radioattivo conteneva? Di che tipo? La tecnologia usata per mantenere la fase di crociera del missile era un reattore nucleare o una fonte isotopica, un RTG?

Va dritta al cuore del problema l’analisi del CRIIRAD, un rispettato centro di ricerca francese che tra l’altro negli ultimi anni si è distinto per eccellenti analisi del disastro di Fukushima. Il CRIIRAD ha pubblicato un interessante rapporto preliminare sull’incidente di Nyonoska nel quale si chiede con urgenza di fare chiarezza. “In queste condizioni una moltiplicazione per 20 del rumore di fondo radioattivo ambientale – scrive il CRIIRAD – può corrispondere, se confermata, a una contaminazione dell’aria estremamente elevata. Le autorità devono specificare la natura della sorgente radioattiva usata nel missile esploso. E’ impossibile fare dichiarazioni rassicuranti sull’assenza di rischi senza informazioni sulla natura e l’intensità della contaminazione. A oggi, ad esempio, non non sono stati pubblicati i risultati sull’attività del volume d’aria nel sito di prova o nei comuni limitrofi”.

“Secondo il capo del dipartimento della protezione civile dell’amministrazione Severodvinsk, Valentin Magomedov – osserva il CRIIRAD – il livello di radiazione è salito a 2 microsievert all’ora per 30 minuti, un aumento di 20 volte rispetto al livello ambientale abituale; secondo Greenpeace Russia, questo aumento è confermato dai dati del Ministero delle situazioni di emergenza. Per le autorità, questi livelli di esposizione non hanno conseguenze per la salute. Se ci limitiamo all’esposizione esterna, l’impatto sulla salute è davvero molto limitato (almeno alcune decine di chilometri dal luogo dell’esplosione), ma che dire della contaminazione interna?”.

“Per determinare i rischi per la salute e per l’ambiente – spiega infatti il centro di ricerca francese – non è sufficiente prendere semplicemente le letture della dose; è essenziale conoscere la natura dei radionuclidi utilizzati, l’attività totale presente nel missile e le concentrazioni nell’aria che le persone nelle varie zone colpite hanno respirato. Occorre inoltre garantire che nessuno sia stato in grado di consumare alimenti contaminati da depositi radioattivi sul suolo e sull’acqua. I radionuclidi selezionati come fonti di energia sono emettitori di radiazioni molto potenti. Ciò vale in particolare per il plutonio 238 e il polonio 2107, che sono emettitori alfa altamente radiotossici quando ingeriti, soprattutto se inalati. Si noti inoltre che i radionuclidi più frequentemente utilizzati hanno emissioni gamma a bassa intensità: bassa emissione gamma per l’americio 241; molto bassa per il plutonio 238, gli isotopi di cerio 142 e 144; zero per il polonio 210 e lo stronzio 908. Se uno di questi radionuclidi viene disperso da un’esplosione, l’impatto sul livello di radiazione gamma ambientale misurata dai sensori rimarrà limitato o addirittura inesistente e l’aria respirata dalla popolazione potrebbe essere altamente contaminata senza provocare un allarme perché le misurazioni delle centraline di solito si limitano a misurare i raggi gamma“.

Come si è detto non sappiamo che tipo di fonte radioattiva – se un mini reattore o un RTG – sia stata installata a bordo del missile caduto. Ma se anche non fosse una versione “mini” di un reattore classico non ci sarebbe da stare allegri. Il plutonio-238 utilizzato in molti RTG – per esempio installati su navicelle spaziali –  ha un tempo di dimezzamento di 87,74 anni, rispetto ai 24.110 anni di dimezzamento del plutonio-239 utilizzato nelle armi nucleari e nei reattori ed è un emettitore alfa e ha basse emissioni gamma. Quindi, a meno di concentrazioni fortissime, passerebbe quasi indenne ad una centralina gamma.

Una conseguenza del tempo di dimezzamento più breve è che il plutonio-238 è circa 275 volte più radioattivo del plutonio-239 (cioè 17,3 curies (640 GBq)/g rispetto a 0,063 curies (2,3 GBq)/g): 3,6 kg di plutonio-238 subisce lo stesso numero di decadimenti radioattivi al secondo di 1 tonnellata di plutonio-239. Poiché la morbilità dei due isotopi in termini di radioattività assorbita è quasi esattamente la stessa, il plutonio-238 è circa 275 volte più tossico in peso del plutonio-239. Ma noi non sappiamo cosa ci fosse nel missile, se plutonio 238, uranio 235, stronzio 90 o cosa.

“E’ essenziale conoscere la natura dei radionuclidi interessati e devono essere fornite informazioni sull’ubicazione della piattaforma di prova – prosegue il CRIIRAD – e sulle condizioni in cui il materiale radioattivo è disperso dall’esplosione. I detriti più pesanti sono caduti vicino al sito dell’esplosione, ma una parte di essa potrebbe essere stata vaporizzata e trasportata su lunghe distanze. Devono essere effettuati controlli per determinare le aree di impatto e, se necessario, effettuare le seguenti operazioni decontaminazione. La natura e i risultati dei controlli devono essere resi pubblici. Nel frattempo, sono state adottate misure per la precauzione deve essere applicata alla produzione alimentare locale. La Western Arctic Ports Authority ha indicato che la navigazione sarà vietata per un mese nella baia di Dvina Bay, ma si tratta di più probabile che questa decisione sia motivata dal segreto commerciale, non dalla protezione delle persone”.

In altre parole serve la trasparenza. Una parola assai sgradita, nella Russia di Putin come già nell’Unione Sovietica.

Particolare interessante, Greenpeace Russia informa che  anche i valori dei raggi beta sono aumentati.  “I mass media e il pubblico in generale _ dice l’NGO _ non sono stati prontamente informati che Roshydromet ha registrato un aumento del livello di radiazioni non solo gamma ma anche beta, e non solo a Severodvinsk (8 agosto), ma anche ad Arcangelsk sotto forma di ricadute (il livello è aumentato il 9 agosto, i valori sono rimasti elevati il 10 e 11 agosto). Qui la nota di Greenpeace Russia con i grafici dei livelli di raggi beta.

“I valori registrati _ commenta Rashid Alimov, esperto di Greenpeace Russia _non sono elevati, ma distano decine di chilometri dal luogo dell’esplosione, ed è anche importante capire quali radionuclidi sono stati rilasciati nell’ambiente. L’accumulo nell’ambiente e l’impatto sulla natura e sull’uomo ne dipendono. Più vicino al luogo della tragedia, il livello di contaminazione radioattiva può essere più elevato, e anche lì vivono persone. È inoltre importante determinare se la superficie dell’acqua è stata inquinata. È semplicemente impensabile nascondere informazioni sulla contaminazione radioattiva alle persone”.

Condividi l'Articolo
RSS
Facebook
Facebook
Twitter
Visit Us

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Search in posts
Search in pages
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.