3,19 miliardi di euro per l’idrogeno verde nella mobilità

Vinci tutto supernealotto e giochi Sisal

3,19 miliardi di euro per l'idrogeno verde nella mobilità
3,19 miliardi di euro per l'idrogeno verde nella mobilità
Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Idrogeno verde per una mobilità green. Ideale per mezzi pesanti, acciaierie pulite e usi domestici: l’Italia ha tutto il know-how necessario, ma servono investimenti in infrastrutture.

C’è bisogno anche dell’idrogeno per muovere treni, autobus, taxi, navi, per alimentare acciaierie e mezzi di movimentazione. La transizione ecologica e la decarbonizzazione dell’economia non possono farne a meno e il governo italiano ne prevede, per il prossimo decennio, un utilizzo sempre più diffuso nel settore dei trasporti, soprattutto pesanti: su gomma, nelle ferrovie e nell’industria. Un vettore di energia assolutamente pulito perché, impiegato nella mobilità, non produce alcun gas serra, dagli impianti di scarico fuoriesce solo vapore acqueo.

Ad oggi l’idrogeno è prodotto per il 98% dal metano: 70 milioni di tonnellate l’anno. Si tratta del cosiddetto “idrogeno grigio”, che ha una produzione maggiore di CO2 e non serve per la decarbonizzazione, e dell’idrogeno blu, con cattura di CO2. L’obiettivo finale della transizione è invece avere tutto idrogeno verde, prodotto dall’acqua con le fonti rinnovabili: centrali solari ed eoliche grandi e piccole, al servizio di centri di produzione, e una rete di condotte dedicate che portino il gas nei centri di distribuzione. Ma per raggiungere questo obiettivo è necessario aumentare anche la produzione di energia da fonti rinnovabili.

Nel mondo circolano circa 13mila auto a idrogeno, penalizzate soprattutto per il peso delle bombole necessarie per contenerlo e il prezzo di acquisto elevato. Ma per i mezzi pesanti è invece molto più conveniente rispetto all’alimentazione elettrica. In Francia la Alstom ha già lanciato il primo treno alimentato a idrogeno, mentre nelle isole Orcadi nel Nord della Scozia è impiegato per muovere i traghetti. Idrogeno verde per una mobilità green

Per camion, treni, mezzi di movimentazione e navi, le batterie elettriche sarebbero troppo pesanti, e l’idrogeno è la scelta migliore per azzerare le emissioni. Basta un centro di produzione vicino al porto, all’autoporto o alla fabbrica. Quello che manca oggi sono le infrastrutture. In Italia ci sono pochi centri di produzione, pochissimi di idrogeno green, e un solo distributore al pubblico (a Bolzano), ma Modena è inserita in un progetto dell’Ue che porterà il primo distributore di idrogeno in A22, all’uscita del casello Nord.

La rete di distribuzione è quasi tutta da realizzare, ma l’Italia ha competenze industriali su tutta la filiera, dalla produzione al trasporto all’utilizzo. “L’idrogeno è un vettore energetico chiave, imprescindibile per la transizione ecologica – spiega Cristina Maggi, direttrice di H2IT, l’associazione che raggruppa le principali imprese del settore – Può contribuire a decarbonizzare vari settori: mobilità, industria, produzione di energia, riscaldamento”.

Nel Piano nazionale di ripresa e resilienza del governo Draghi, alla voce “produzione, distribuzione e usi finali dell’idrogeno” sono stati destinati 3,19 miliardi di euro: 500 milioni per la produzione in aree industriali dismesse; 2 miliardi per l’utilizzo dell’idrogeno in settori hard to abate; 230 milioni per creare lungo il Paese stazioni di ricarica di idrogeno per il trasporto stradale; 300 milioni per trasporto ferroviario; 160 milioni per la ricerca.

Condividi l'Articolo
RSS
Twitter
Visit Us
Follow Me
INSTAGRAM

Ricerca in Scienza @ Magia

Generic selectors
Exact matches only
Search in title
Search in content
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.