Wi-fi domestici diventano ‘spie’ delle emozioni

Wi-fi domestici diventano 'spie' delle emozioni
Wi-fi domestici diventano 'spie' delle emozioni
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/wi-fi-domestici-diventano-spie-delle-emozioni/

Leggere le emozioni delle persone usando un semplice router wi-fi domestico: lo fa Eq-Radio, un dispositivo messo a punto dal Laboratorio di informatica e intelligenza artificiale dell’Istituto di Tecnologia del Massachusetts (Mit), che analizza pulsazioni e respiro attraverso le onde emesse dal wi-fi.

Tante applicazioni
Eq-Radio sarà presentato al MobiCom, la conferenza dedicata alle tecnologie in programma a New York dal 3 ottobre, e potrebbe avere moltissime applicazioni dal mondo della pubblicità e dell’intrattenimento fino a quello medico. Analizzando il riflesso dei segnali prodotti dai comuni router wi-fi, il dispositivo riconosce le piccolissime variazioni del corpo misurando così i battiti del cuore e il respiro.

Informazioni ‘invisibili’
I segnali wi-fi possono riconoscere uno stato d’animo, come eccitazione, felicità, rabbia o tristezza, con una precisione dell’87%, in tempo reale e senza dover applicare fastidiosi sensori sul corpo. “E’ una dimostrazione che i segnali wireless possono catturare informazioni sui comportamenti umani che non sono visibili ad occhio nudo”, ha spiegato Dina Katabi, una delle autrici del lavoro.

In futuro
“Crediamo che i nostri risultati possano aprire la strada per tecnologie future per monitorare e diagnosticare condizioni come la depressione o l’ansia”. Eq-Radio può anche monitorare costantemente le condizioni di salute di un paziente permettendogli di rimanere a casa oppure riconoscere malori o cadute di un anziano. Grande attenzione anche dal mondo della pubblicità e dell’intrattenimento, per mettere a punto spot o film tarati sullo stato d’animo dello spettatore.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/wi-fi-domestici-diventano-spie-delle-emozioni/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*