Sistemi di raffreddamento CPU

Sistemi di raffreddamento CPU
La CPU durante il suo regolare svolgimento delle operazioni, tende a surriscaldarsi durante il suo lavoro; per questo si adottando sistemi per il suo raffreddamento, e quindi per il suo regolare svolgimento del lavoro.
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/sistemi-di-raffreddamento-cpu/

Un sistema di raffreddamento per CPU completamente integrato che grazie al ridotto ingombro può venir facilmente abbinato a schede madri in formato Mini ITX.


La costruzione prevede un waterblock con base in rame dotato di pompa di circolazione integrata, collegato ad un radiatore dallo sviluppo orizzontale che integra al proprio interno una ventola. L’ingombro complessivo in altezza è pari a 84 millimetri, mentre la capacità di dissipazione termica arriva sino a 150 Watt assicurandone la compatibilità con tutte le CPU Intel e AMD attualmente presenti sul mercato.

La ventola integrata aspira aria dall’interno del sistema soffiandola all’esterno: questo assicura un’azione di raffreddamento che influenza non solo il processore ma in generale tutti i componenti montati sulla scheda madre come la circuiteria di alimentazione della CPU.

Queste le specifiche tecniche del prodotto :

Sistema di raffreddamento a liquido a basso profilo: fornisce una soluzione di raffreddamento ad alta efficienza per i case di più piccole dimensioni; -Ventola di tipo blower ad alta pressione e ridotta rumorosità, da 120 millimetri di diametro;

Piena compatibilità con i sistemi di più piccole dimensioni; può venir installata su qualsiasi scheda madre Mini-ITX anche senza collegamento per ventola di alimentazione; -Tubi di circolazione del liquido ad elevata flessibilità, che assicurano semplice installazione anche con i case di più ridotte dimensioni;

Base di contatto con la CPU in rame, con pasta termoconduttiva preapplicata

PASTA TERMICA

Esistono due categorie comuni di paste termiche: quelle con metallo e quelle senza, viste in viscosità liquida, cremosa o quasi solida. Prodotti speciali come la nano-paste o i liquidi metallici sono pensati per professionisti con esperienza, preparazione e occasionalmente anche nervi d’acciaio.

Le migliori paste termiche per un neofita sono quelle semi-liquide. Non importa se la pasta termica è basata sull’argento o carica di nano-ceramiche. Le prestazioni di raffreddamento raggiunte sono abbastanza simili. Per testare una pasta di fascia alta della famiglia liquido-metalliche, abbiamo rimpiazzato lo Xigmatek Aegir, poiché questa pasta non si può usare insieme a dissipatori con heatipipe piatte esposte, a causa dell’alluminio. Sei paste termiche sotto test Ancora una volta usiamo la piattaforma di test della prima parte di questo articolo, e un vecchio processore AMD Athlon 64 FX-62, che può operare su tre distinti livelli di consumo. Questo processore permette di valutare facilmente le prestazioni della pasta termica con differenti livelli di TDP. Per i test abbiamo usato un case chiuso, l’alimentatore è in basso e la disposizione delle ventole nel case porta ad avere una pressione dell’aria negativa (le ventole sono in alto e davanti). Senza sorprese vediamo che la pasta di fascia alta raggiunge temperature più basse rispetto alle soluzioni ideali per i neofiti. Il valore aggiunto di una pasta termica di alta qualità tuttavia scompare velocemente se la si usa nel modo sbagliato. D’altra parte se usate correttamente un prodotto di fascia media avrete dei buoni risultati. La Xilence X5 e l’Arctic MX2 sono entrambe paste termiche liquide non conduttive, applicabili facilmente. Sotto i 100 watt, l’X5 batte leggermente l’MX2, mentre quest’ultima passa in vantaggio a temperature maggiori.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/sistemi-di-raffreddamento-cpu/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*