Software @ Management - Assistenza Tecnica e Corsi
Informatica ed Internet. Grafica per la stampa ed il web.
Creazione ed Aggiornamento siti web. Campagne MMM SEM SEO!

Quanto ci costano, in ambiente, i forni a microonde!

Quanto ci costano, in ambiente, i forni a microonde!
Quanto ci costano, in ambiente, i forni a microonde!
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/quanto-ci-costano-in-ambiente-i-forni-a-microonde/
“I forni a microonde dannosi per l’ambiente”. In Europa inquinano come 7 milioni di auto. La ricerca: l’impatto anche quando sono in stand-by. La stima sui rifiuti: entro il 2025 si stima che la cifra salirà a 195.000 tonnellate. Ma alcuni scienziati criticano: “Sbagliato paragonarli alle auto per le emissioni di CO2“.

UNA VOLTA scaldata la vostra pietanza ricordatevi di staccare la spina. Perché il vostro microonde, nonostante resti in stand-by per il 90% del tempo, inquina eccome: è stato calcolato che in Europa i microonde (131 milioni) generano 7,7 milioni di tonnellate di CO2  all’anno, l’equivalente delle emissioni annuali di circa 7 milioni di auto.

Con i prezzi degli elettrodomestici che scendono e i nostri apparecchi che vengono cambiati sempre più spesso, secondo gli analisti del mercato intorno al 2020 ogni anno saranno venduti 135 milioni di microonde. Un numero talmente elevato che pone una successiva domanda: quanto inquinano?

Se lo è chiesto un team di scienziati dell’Università di Manchester che ha realizzato uno studio sul ciclo di vita e l’impatto ambientale di questi elettrodomestici nell’Unione Europea. Studio criticato poi da altri scienziati.

Per i ricercatori inglesi il consumo energetico dei forni a microonde è di circa 9,4 terawattora (TWh) ogni anno, pari a quello generato “da tre grandi centrali a gas”. E questo accade nonostante per la maggior parte del tempo questi oggetti che in media vengono cambiati ogni 8 anni, siano “dormienti”, ovvero non in uso: restano in stand-by con la spina attaccata a far funzionare l’orologio, ma inquinano lo stesso.

Per valutare l’impatto del microonde lo studio tiene conto di diversi aspetti: il ciclo di vita (LCA), la produzione, l’uso e la gestione. Complessivamente il team ha studiato 12 diversi fattori ambientali, tra cui il cambiamento climatico, l’esaurimento delle risorse naturali e la tossicità ecologica. Ad inquinare sono i materiale usati per produrre microonde e il processo di produzione ma è il consumo di elettricità ad avere il maggiore impatto sull’ambiente.

·I CONSUMI
In media, un singolo forno a microonde consuma 573 kilowattora (kWh) di elettricità nei suoi otto anni di vita: equivale all’elettricità consumata da una lampadina a LED da 7 Watt lasciata ininterrottamente accesa per quasi nove anni.

·CATTIVE ABITUDINI
Secondo gli autori dello studio, dovremmo essere tutti più consapevoli dell’uso o l’abuso dei microonde: staccare la spina quando non si usa l’elettrodomestico, adattare i tempi di cottura ai tipi di cibo, non cambiare microonde soltanto per “moda” potrebbero essere già gesti positivi significativi.

·TONNELLATE DI RIFIUTI
C’è poi da considerare la vita successiva del microonde, ovvero quella di quando diventa un rifiuto: nel 2005 in Europa sono state generate 184.000 tonnellate di rifiuti di micoonde gettati ed entro il 2025 si stima che la cifra salirà a 195.000 tonnellate.

Alejandro Gallego-Schmid, della School of Chemical Engineering & Analytical Science, racconta che “i rapidi sviluppi tecnologici e la caduta dei prezzi ci stanno portando a maggiori acquisti di elettrodomestici nuovi ancor prima che quelli esistenti raggiungano la fine della loro vita. Spesso è una questione di moda o di status. Di conseguenza le apparecchiature elettriche dismesse, come i microonde, rappresentano uno dei flussi di rifiuti in più rapida crescita in tutto il mondo”.

Per il ricercatore è necessaria una “nuova regolamentazione per ridurre l’impatto ambientale dei microonde”. Solo con “norme specifiche” e una maggiore “consapevolezza dei consumatori nell”uso” potremmo ridurre l’impatto ambientale. Ma non tutti sono d’accordo.

·IL PARAGONE CONTROVERSO
Paragonare il fatto che 19 forni a microonde producano la stessa COdi un’automobile, secondo David Reay, professore dell’Università di Edimburgo, è come paragonare “le mele alle arance”. Questo perché, ricorda il docente, se si guarda ad esempio alla sola Gran Bretagna “ci sono 30 milioni di auto che emettono più di tutte le emissioni dei microonde in Europa”. E’ vero che “ci sono molti microonde che usano molta elettricità ma non possiamo fare il paragone con le auto che sono inquinanti di gran lunga maggiori: nel Regno Unito le vetture emettono 69 milioni di tonnellate di CO2 (dati 2015, ndr). Questa cifra è pari a 10 dieci volte la quantità che il nuovo studio sui microonde stima per le emissioni annuali di tutti i forni a microonde in tutta l’Europa…”.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/quanto-ci-costano-in-ambiente-i-forni-a-microonde/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Shop @ Magiko - Vendita online di Articoli Esoterici e Magici. Ritualistica e Festival Anno Magico!