Software @ Management - Assistenza Tecnica e Corsi
Informatica ed Internet. Grafica per la stampa ed il web.
Creazione ed Aggiornamento siti web. Campagne MMM SEM SEO!

Prendiamo meglio le decisioni dimenticando il vecchio

Prendiamo meglio le decisioni dimenticando il vecchio
Prendiamo meglio le decisioni dimenticando il vecchio
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/prendiamo-meglio-le-decisioni-dimenticando-il-vecchio/
Il cervello lavora anche per dimenticare: ci aiuta a prendere decisioni intelligenti. Lo sostiene uno studio dell’università di Toronto, in Canada, pubblicato sulla rivista scientifica Neuron.

SIAMO fatti, anche, per dimenticare. Quindi non preoccupatevi se non ricordate dove avete parcheggiato, il posto in cui avete lasciato le chiavi e persino il nome dei ragazzi/e con cui uscite. Una smemoratezza che, a volte, vi ha fatto sentire stupidi. A lungo avete cercato consolazione nella biografia di Albert Einstein, premio Nobel per la fisica nonché sbadato patologico, tanto che un amico di famiglia predisse: “Codesto giovanotto non combinerà mai grandi cose perché non riesce a ricordare nulla”. Sapere invece che – contrariamente al pronostico – ha segnato la storia, non vi è bastato. Ebbene c’è una buona notizia: a quanto pare non siete poco intelligenti, affatto. E la dimostrazione arriva dalla scienza.

Lo studio. Perché, secondo un nuovo studio pubblicato sulla rivista scientifica Neuron, il nostro cervello sembra proprio lavorare apposta (pure) per questo. Attraverso una serie di meccanismi che servirebbero a guidare e ottimizzare i processi decisionali, permettendoci di valutare solo le informazioni preziose. “È importante che il cervello dimentichi i dettagli irrilevanti e si concentri su ciò che serve a prendere decisioni nel mondo reale”, spiega in una nota stampa Blake Richards, ricercatore dell’Università di Toronto e uno degli autori del report insieme al collega Paul Frankland.

La memoria. La ricerca è partita da un presupposto: gli studi neurobiologici condotti sulla memoria fino a oggi si sono concentrati soprattutto sui meccanismi di memorizzazione. Ma un numero crescente di analisi recenti ha fatto luce sull’esistenza di differenti processi cerebrali che, viceversa, spingono all’oblio. Ed è su di loro che il duo ha deciso di concentrarsi. Uno di questi processi è l’indebolimento o l’eliminazione di connessioni sinaptiche tra i neuroni in cui vengono codificati i ricordi. Un altro, dimostrato dal laboratorio dello stesso Frankland, è la generazione di nuovi neuroni da parte delle cellule staminali. Quando questi neuroni si integrano nell’ippocampo, le nuove connessioni create rimodellano i suoi circuiti scrivendo sopra le memorie che qui sono conservate e rendendo più difficile accedervi. Un sistema che potrebbe spiegare perché i bambini, il cui ippocampo produce molti più neuroni, dimenticano così tante informazioni.

Le scelte più intelligenti. L’équipe di studiosi si è, poi, spinta più in là. Con l’obiettivo di capire come mai il cervello dedichi così tanta energia a dimenticare, visto che sembra controintuitivo. Per dare una risposta al loro quesito, hanno fatto un’analogia tra i meccanismi cerebrali degli esseri umani e i principi d’apprendimento che sono alla base dell’intelligenza artificiale. Così sono giunti alla conclusione che l’oblio è importante al pari della memorizzazione nei sistemi mnemonici. Perché l’obiettivo ultimo della nostra memoria non è ricordare di per sé, ma ottimizzare i processi decisionali. E l’interazione tra i due meccanismi ci consente di fare scelte più intelligenti.

Ci adattiamo. Lo fa in due modi, sostengono i ricercatori. Il primo: aiutandoci ad adattarci a nuove situazioni, facendo scivolar via dalla nostra mente vecchie informazioni potenzialmente ingannevoli che non ci aiuterebbero ad affrontare i cambiamenti. Il secondo è permettendoci di generalizzare. In pratica: nel momento in cui rammentiamo un incontro nel complesso, e non i suoi dettagli, creiamo delle memorie semplici e più efficaci a predire nuove esperienze. C’è anche da specificare che questi meccanismi sono modellati dalla nostra routine. Per esempio, un commerciante che ogni giorno viene a contatto con decine di persone, ricorderà i nomi dei clienti per un breve periodo di tempo. A differenza di chi ha a che fare sempre con gli stessi volti. Quest’ultima non è del tutto una novità, dato che altri studi hanno evidenziato che scordiamo avvenimenti episodici della nostra vita più facilmente della conoscenza generale a cui attingiamo quotidianamente. Un po’ frustrante, vero. Ma sapere che in un certo senso ci rende più intelligenti – come suggerisce questo studio – ci fa sentire meglio.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/prendiamo-meglio-le-decisioni-dimenticando-il-vecchio/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Shop @ Magiko - Vendita online di Articoli Esoterici e Magici. Ritualistica e Festival Anno Magico!