Meditare è prestare attenzione consapevole a ciò che avviene qui e ora dentro di noi.

Meditare è prestare attenzione consapevole a ciò che avviene qui e ora dentro di noi.
Meditare è prestare attenzione consapevole a ciò che avviene qui e ora dentro di noi.
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/meditare-e-prestare-attenzione-consapevole-a-cio-che-avviene-qui-e-ora-dentro-di-noi/

Meditare fa bene, è scientifico. Dopo tanto scetticismo la ricerca scientifica conferma: l’uso delle tecniche orientali di meditazione può prevenire e curare molte malattie.

Fino agli Anni ’50 la meditazione è stata prerogativa dei monaci. Poi con i Beatles diventò pratica dei figli dei fiori, seguiti negli anni successivi da calciatori e attori: meditano Roberto Baggio e Richard Gere. In tempi più recenti è stata la volta degli amministratori delegati delle grandi multinazionali: Rao Dalio (Bridgewater associates) e Marc Benioff (Oracle e Salesforce.com). E oggi si è dato alla meditazione persino Dmitry A. Medvedev, primo ministro della Federazione Russa.

Da qualche anno però la meditazione non si occupa più solo di “benessere psicologico” ed è entrata negli ospedali con molte applicazioni: dal controllo del dolore all’immunologia, dalla cura dell’ipertensione al rallentamento del declino cerebrale.

In che cosa consiste? Che risultati dà e con quali meccanismi agisce?

IN PRINCIPIO. Tutto è iniziato una trentina di anni fa quando Jon Kabat Zinn fondò il Center for Mindfulness all’University of Worcester (Uk) e cominciò a usare la meditazione come strumento terapeutico. Strumento tutt’altro che facile da proporre: nella frenetica vita contemporanea la meditazione di tradizione orientale è pratica difficile. Ma i suoi vantaggi non sono più in discussione: migliora l’attenzione, le abilità cognitive e la memoria, riduce l’ansia e i sintomi depressivi. Non solo.

Alla Brown University di Providence (Usa), Catherine Kerr sfrutta la meditazione per il suo effetto analgesico: sostiene che funziona come una specie di manopola che regola la percezione delle sensazioni sgradevoli. Nel 2010, quando era al Mit di Harvard, ha dimostrato che, se si focalizza l’attenzione sulle sensazioni della mano sinistra, la “mappa” cerebrale corrispondente a quella mano registra una significativa caduta dell’ampiezza delle onde che filtrano le sensazioni lasciando passare solo quelle che superano una certa soglia.

 

Un’arteria colpita da aterosclerosi. L’ipertensione è un problema di tubature: se il “tubo” è stretto la pressione sale, se si allarga la pressione scende: il rilassamento ottenuto con la meditazione fa dilatare i vasi sanguini e scendere la pressione.
Un’arteria colpita da aterosclerosi. L’ipertensione è un problema di tubature: se il “tubo” è stretto la pressione sale, se si allarga la pressione scende: il rilassamento ottenuto con la meditazione fa dilatare i vasi sanguini e scendere la pressione.
Se invece l’attenzione si focalizza su un’altra parte del corpo, le onde tornano normali. L’anno successivo, usando la magneto-encefalografia, una tecnica di imaging cerebrale, ha dimostrato che i ritmi di queste onde nel cervello sono correlati con l’attenzione sensoriale e che l’abilità di regolare queste onde nella corteccia cerebrale è maggiore nei soggetti capaci di meditazione.

In altre parole, meditare consente un maggior controllo sul sistema sensoriale e permette di scegliere su cosa focalizzare l’attenzione. Risultato? La meditazione fa andare sullo sfondo quello che non si vuole sentire, per esempio – e non è poco – i dolori cronici.

Fadel Zeidan, neurobiologo della Wake Forest Baptist University (Usa), ha persino quantificato l’effetto della meditazione rispetto al potere analgesico della morfina: «Potrebbe ridurre del 40% l’intensità del dolore e del 57% la sua spiacevolezza, contro una riduzione del solo 25% ottenuta con la morfina» sostiene Zeidan.

ANTINFIAMMATORIO. Molte malattie cardiovascolari e neurodegenerative sono legate a uno stato di infiammazione di cui non si conosce esattamente né l’origine né la cura: se si riuscisse a ridurre lo stato infiammatorio forse le si potrebbe prevenire. È la strada percorsa quasi per caso da Steven Cole, dell’University of California Los Angeles (Ucla): voleva studiare se la meditazione fosse in grado di ridurre la sensazione di solitudine degli anziani, condizione che aumenta il rischio di malattie cardiache, Alzheimer, depressione e persino morte prematura.

Un’arteria colpita da aterosclerosi. L’ipertensione è un problema di tubature: se il “tubo” è stretto la pressione sale, se si allarga la pressione scende: il rilassamento ottenuto con la meditazione fa dilatare i vasi sanguini e scendere la pressione.
Un’arteria colpita da aterosclerosi. L’ipertensione è un problema di tubature: se il “tubo” è stretto la pressione sale, se si allarga la pressione scende: il rilassamento ottenuto con la meditazione fa dilatare i vasi sanguini e scendere la pressione.
Ai due estremi di ogni cromosoma ci sono i telomeri, cappucci che a ogni divisione cellulare (e dunque con l’età) si accorciano. Uno studio su 60 anziani ha scoperto che l’enzima che blocca l’accorciamento aumenta in chi medita.

Così ha messo una quarantina di soggetti in meditazione mezz’ora al giorno per 8 settimane. Ma presto ha scoperto che questa “terapia” non si limitava a influire sul benessere psicologico: la meditazione riduceva anche l’attivazione dei geni correlati all’infiammazione e quindi riduceva l’infiammazione stessa.

Il passo è breve anche per valutare gli effetti sul sistema immunitario. La meditazione sembra essere efficace anche su un particolare tipo di globuli bianchi, i linfociti CD4 T. Sono considerati il cervello del sistema immunitario  perché coordinano l’attività dell’esercito di difesa quando il corpo subisce un attacco infettivo. Ma sono anche le cellule che devasta il virus Hiv, responsabile dell’Aids, indebolendo la risposta immunitaria dei pazienti.

Nel 2008 David Creswell, del Counsins center for Psychoneuroimmunologydella Ucla, ha messo in meditazione per 8 settimane un gruppo di 24 soggetti sieropositivi (cioè infetti, ma non malati di Aids), confrontandoli con un equivalente gruppo di controllo. Nei soggetti in meditazione la riduzione dei linfociti CD4 T era inferiore rispetto al gruppo di controllo: l’effetto era della stessa portata in tutti i 12 meditanti, sia quelli in terapia antiretrovirale, sia in quelli che non lo erano.

Recitare l’Ave Maria in latino, non solo sincronizza con Dio, ma, secondo la scienza, fa bene alla salute. La prescrizione è niente meno che in un articolo del British Medical Journal. I ricercatori di Pavia, Oxford e Firenze hanno studiato battito cardiaco, respirazione, irrorazione cerebrale, attivazione del sistema nervoso autonomo e hanno concluso che il rosario è una pratica di salute con risultati analoghi alla meditazione.
Recitare l’Ave Maria in latino, non solo sincronizza con Dio, ma, secondo la scienza, fa bene alla salute. La prescrizione è niente meno che in un articolo del British Medical Journal. I ricercatori di Pavia, Oxford e Firenze hanno studiato battito cardiaco, respirazione, irrorazione cerebrale, attivazione del sistema nervoso autonomo e hanno concluso che il rosario è una pratica di salute con risultati analoghi alla meditazione.
La meditazione si rivela un toccasana in molti campi. Sembra essere efficace persino contro il raffreddore: Bruce Barrett, dell’University of Wisconsin (Usa), ha studiato la meditazione su 51 individui e ha calcolato che chi fa meditazione ha una riduzione del 40-50% delle giornate lavorative perse per infezioni respiratorie acute, influenza compresa, rispetto a chi non medita. La durata della malattia è minore e i sintomi sono più lievi.

CARATTERE. Che meditare possa placare gli animi più agitati sembra banale, ma si è accertato che gli effetti sono ben più rilevanti e profondi. Prendete quelle che per la psicosomatica sono personalità di tipo A: competitive in tutti gli aspetti della vita, tendono alla lotta, manifestano aggressività (anche se repressa), impazienza, insofferenza per i ritmi altrui.

La meditazione riduce l’attivazione dei geni responsabili dell’infiammazione alla base di malattie cardiovascolari, tumori e malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Di questa infiammazione ancora non si conoscono la causa e una specifica terapia.
La meditazione riduce l’attivazione dei geni responsabili dell’infiammazione alla base di malattie cardiovascolari, tumori e malattie neurodegenerative come l’Alzheimer. Di questa infiammazione ancora non si conoscono la causa e una specifica terapia.
Di solito si tratta di individui di successo, ma con un rischio maggiore di patologie cardiovascolari. Circa 30 anni fa Herbert Benson, cardiologo del Massachusetts general hospital di Boston (Usa) e fondatore del Mind/Bondy Medical Institute, aveva cominciato a usare il rilassamento e la meditazione in questo tipo di pazienti.

Altri cardiologi come Randy Zusman, direttore del programma ipertensione del Massachusetts general hospital, non credevano affatto all’efficacia di questi metodi e continuavano a prescrivere farmaci anti-ipertensivi. Dal 2008, anche Zusman ha cambiato rotta e ora punta sulla meditazione e sul corretto stile di vita.

L’ha convinto una sperimentazione su 60 pazienti ipertesi: in 40 la meditazione aveva ridotto l’ipertensione tanto da consentire un drastico calo dell’assunzione di farmaci. Zusman ha anche trovato una spiegazione biologica: «L’ipertensione è tutto un problema di tubature: se il calibro dei tubi è stretto la pressione sale, se il calibro si allarga la pressione scende: il rilassamento produce monossido di azoto che fa dilatare i vasi sanguigni e quindi fa scendere la pressione». Non è sempre facile far stare ferme e in silenzio personalità di tipo A per mezz’ora. Ma funziona.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/meditare-e-prestare-attenzione-consapevole-a-cio-che-avviene-qui-e-ora-dentro-di-noi/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*