L’evoluzione della vita in pianeti extrasolari

L'evoluzione della vita in pianeti extrasolari
L'evoluzione della vita in pianeti extrasolari
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/levoluzione-della-vita-in-pianeti-extrasolari/

Gli alieni secondo Darwin. Un gruppo di zoologi dell’università di Oxford ha cominciato a tratteggiare caratteristiche di organismi alieni secondo la teoria evoluzionistica, per arrivare a fare predizioni indipendenti dai dettagli della vita come la conosciamo sulla Terra. «Now we just need to find them», auspicano gli autori a chiusura dell’articolo pubblicato su International Journal of Astrobiology.

Queste illustrazioni rappresentano i diversi livelli di complessità adattiva che potremmo immaginare quando si parla di alieni. (a) Una semplice molecola autoreplicante, con nessuna progettualità evidente, che può subire la selezione naturale o meno. (b) Un’entità semplice, come una cellula, è già un congegno complesso che deve subire la selezione naturale. (c) Un essere alieno con molte parti specializzate che lavorano insieme ha probabilmente subito importanti transizioni. Crediti: illustrazione di Helen S. Cooper
Queste illustrazioni rappresentano i diversi livelli di complessità adattiva che potremmo immaginare quando si parla di alieni. (a) Una semplice molecola autoreplicante, con nessuna progettualità evidente, che può subire la selezione naturale o meno. (b) Un’entità semplice, come una cellula, è già un congegno complesso che deve subire la selezione naturale. (c) Un essere alieno con molte parti specializzate che lavorano insieme ha probabilmente subito importanti transizioni. Crediti: illustrazione di Helen S. Cooper

Gli astrobiologi cercano di immaginare il possibile aspetto di forme viventi aliene, in genere basandosi sul materiale a disposizione, ovvero la vita così come la conosciamo sulla Terra. Un nuovo studio, pubblicato su International Journal of Astrobiology e realizzato da tre ricercatori del Dipartimento di zoologia dell’Università di Oxford in collaborazione con la nota illustratriceHelen Coopermostra per la prima volta come si può utilizzare la teoria evoluzionistica per ipotizzare la forma e la struttura della vita extraterrestre. Non vi è alcun motivo, in effetti, per ritenere che gli alieni su altri pianeti non debbano sottostare allo stesso meccanismo di selezione naturale operante sulla Terra.

«Il vantaggio di questo approccio», spiega Sam Levin, primo firmatario del nuovo studio, «è che le previsioni possono essere applicate a forme di vita molto diverse dalle nostre, per esempio che non abbiano il Dna, che siano basate sul silicio invece che sul carbonio, o che respirino azoto».

La domanda fondamentale che si pongono gli autori è su come la complessità biologica possa svilupparsi nello spazio, posto che sulla Terra la complessità delle specie è aumentata in seguito a un numero limitato di eventi, noti come transizioni principali. Queste transizioni si verificano quando un gruppo di organismi separati si evolve in un organismo di livello superiore: per esempio, quando le cellule diventano organismi multicellulari.

“The Octomite”: un alieno complesso costituito da una gerarchia di entità, dove ogni gruppo di entità di livello inferiore ha adeguato i propri interessi evolutivi in modo tale da eliminare efficacemente il conflitto. Le varie parti sono specializzate in vari compiti e sono reciprocamente dipendenti. Crediti: illustrazione di Helen S. Cooper
“The Octomite”: un alieno complesso costituito da una gerarchia di entità, dove ogni gruppo di entità di livello inferiore ha adeguato i propri interessi evolutivi in modo tale da eliminare efficacemente il conflitto. Le varie parti sono specializzate in vari compiti e sono reciprocamente dipendenti. Crediti: illustrazione di Helen S. Cooper

Se consideriamo un organismo alieno composto da una gerarchia di entità, allora esisteranno meccanismi in atto per eliminare il conflitto e far cooperare le varie entità, mantenendo il funzionamento dell’organismo. Peraltro, sia studi teorici che dati empirici suggeriscono che sono necessarie condizioni estreme perché si verifichino transizioni principali.

«Non possiamo ancora dire se gli alieni camminano su due gambe o hanno grandi occhi verdi» chiosa Levin. «Tuttavia, presupponendo che forme di vita aliena abbiano subito transizioni principali ci porta ad affermare che esiste un livello di prevedibilità nell’evoluzione che potrebbe portarli ad avere un aspetto simile al nostro».

Proprio sulle condizioni ambientali di un pianeta, a cui si adattano le forme di vita lì presenti, è basato il laboratorio per ragazze e ragazzi “Identikit dell’Alieno” proposto dall’Inaf di Bologna.

«Sappiamo che l’aspetto fisico di eventuali esseri che abitano altri pianeti è plasmato tramite adattamento alle caratteristiche del pianeta stesso», spiega Sandro Bardelli, dell’Osservatorio astronomico Inaf di Bologna, ideatore del laboratorio. «Può essere molto diverso esteticamente, ma ci sono degli aspetti che pensiamo debbano essere comuni. Per esempio, se la gravità del pianeta è alta mi aspetto alieni bassi, tozzi e con ossa corte e robuste. Inoltre un essere con un’intelligenza simile a quella umana  avrà bisogno di mani per modificare l’ambiente: nel laboratorio ci chiediamo se è più conveniente avere delle mani a forma di chele (adatte per afferrare e tagliare), mani come le nostre (con pollice opponibile e ossa dentro le dita) o a forma di tentacoli (senza falangi)».

Guarda il servizio video di MediaInaf TV sul laboratorio “Identikit dell’Alieno”:

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/levoluzione-della-vita-in-pianeti-extrasolari/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*