E’ liberatorio lo starnuto che si ha guardando la luce intensa?

E' liberatorio lo starnuto che si ha guardando la luce intensa?
E' liberatorio lo starnuto che si ha guardando la luce intensa?
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/e-liberatorio-lo-starnuto-che-si-ha-guardando-la-luce-intensa/

Perché ad alcuni la luce intensa fa starnutire? Le ragioni di un riflesso che interessa il 15-30% delle persone: ancora più comune degli occhi verdi.

Di solito gli starnuti servono a liberare il naso da germi e piccole impurità. Eppure alcune persone rispondono con un fragoroso “etciù” anche alla luce improvvisa del sole, dei flash dei fotografi o altre fonti luminose intense. Gli inglesi la chiamano sindrome ACHOO (Autosomal dominant Compelling Helio-Ophtalmic Outburst – e si legge proprio come l’onomatopea), per noi è lo starnuto riflesso fotico o fotoptarmosi.

A meno che non guidiate spesso in galleria (e siate quindi esposti a improvvisi ritorni alla luce), non si tratta di una grave condizione medica: è comunque piuttosto diffusa – interessa il 15-30% della popolazione – e ancora senza una spiegazione univoca. Le teorie principali sulla cause sono quattro.

1. UN’ATTIVAZIONE DEL SISTEMA NERVOSO PARASIMPATICO.L’esposizione alla luce farebbe attivare una parte di questa componente del nostro sistema nervoso, responsabile delle azioni involontarie. Davanti a un flash luminoso aggrottiamo le sopracciglia e dilatiamo le pupille, azioni che potrebbero spontaneamente suscitare un altro riflesso quale, appunto, lo starnuto. Non si spiegherebbe però perché allora solo alcune persone starnutiscano alla luce: una reazione che alcuni studi ipotizzano sia genetica.

2. UN’INTERFERENZA TRA NERVO OTTICO E TRIGEMINO. L’intensa attivazione del nervo ottico che risponde alla luce potrebbe sollecitare anche il vicino nervo trigemino, che controlla alcuni movimenti facciali. Il cervello potrebbe scambiare quindi lo stimolo luminoso come un irritante del naso, e rispondere di conseguenza. Alcune varianti genetiche potrebbero facilitare la prossimità tra queste terminazioni e quindi anche l’equivoco.

3. UNA REAZIONE PROFONDAMENTE RADICATA NEL CERVELLO.Secondo uno studio svizzero del 2010, la corteccia visiva di chi starnutisce alla luce è più facilmente eccitabile e quindi più sensibile di quella di chi non ha questa reazione. Lo starnuto riflesso fotico sarebbe quindi una risposta più profonda ancora del riflesso che ci spinge, per esempio, a togliere la mano dalla piastra del gas ancora calda.

4. UN RESIDUO EVOLUTIVO. Per qualche ragione che ancora ci sfugge, a un certo punto della nostra storia evolutiva, starnutire con facilità e in presenza di luce improvvisa doveva essere vantaggioso, e la reazione è in qualche modo arrivata fino ad oggi.

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/e-liberatorio-lo-starnuto-che-si-ha-guardando-la-luce-intensa/
Inviami gli Articoli in Email:

1 Commento

  1. Effettivamente capita anche a me, ma ricordo che ho cominciato per liberarmi sia le vie respiratorie e sia alle volte mentalmente.

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*