Software @ Management - Assistenza Tecnica e Corsi
Informatica ed Internet. Grafica per la stampa ed il web.
Creazione ed Aggiornamento siti web. Campagne MMM SEM SEO!

Come Avatar e Aliens: ecco i primi passi del robot-umano

Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/come-avatar-e-aliens-ecco-i-primi-passi-del-robot-umano/
Al posto della testa una cabina per il pilota. Alto quattro metri e pesante una tonnellata e mezza, è stato realizzato da un’azienda sudcoreana: ”Per operare in zone inaccessibili”. E’ alto quattro metri, pesa una tonnellata e mezza, è frutto di una ricerca durata due anni. Lo hanno chiamato Method e intendono lanciarlo sul mercato entro il 2017 ad un prezzo di 7,9 milioni di euro. Per la prima volta un robot di queste dimensioni è capace di camminare. E lo si pilota come in una pellicola di James Cameron. Ricorda tanto l’esoscheletro che indossava Sigourney Weaver in Aliens, quanto i robot guidati dai militari terrestri nell’invasione del pianeta Pandora di Avatar. Nato nei pressi di Seoul, Method appare quasi dal nulla come la perfetta eredità di Hollywood e dei manga giapponesi, scegliete voi fra Ufo Robot, Gundam o Neon Genesis Evangelion.

“Volevo portare in vita quel che sembrava possibile solo nei film e nei cartoni animati, ha dichiarato il presidente della Hankook Mirae Technology, Yang Jin-Ho, stando alla France-Presse. La stessa azienda che avrebbe speso 191 milioni di euro dal 2014 ad oggi per sviluppare questo robot. Pardon: questo “meka”, come si usa definire tale tipologia di veicoli in certi ambienti. Termine giapponese, abbreviazione traslitterata del latino “mechanica”, poi passato al mondo anglosassone come “mecha”. “Potrà essere usato in zone dove per l’uomo è pericoloso andare”, ha continuato Yang, frenando però chi già si immaginava il Method a pattugliare la zona demilitarizzata fra Corea del Sud e del Nord. “Il nostro robot ha appena un anno, sta muovendo i suoi primi passi. Ci vorrà tempo prima che riesca a spostarsi liberamente”.

Corea del Sud: primi passi del robot gigante ispirato ai manga

 Non è la prima volta che qualcuno tenta un’impresa simile. In Giappone la Suidobashi Heavy Industry nel 2013 ha realizzato un prototipo chiamato Kuratas ma che si sposta su ruote. Il Method sarebbe il primo a poter camminare. Nell’attesa di vederlo dal vivo, c’è chi ha avanzato dubbi sull’intera operazione. I filmati che lo ritraggono sono stati tutti pubblicati dal designer Vitaly Bulgarov, la penna che ha creato il suo aspetto. Ancor più strano che online non ci siano tracce della Hankook Mirae Technology conosciuta in precedenza come Korea Future Technology. Lui, Bulgarov, ha lavorato in passato con Dreamworks, Blizzard, Paramount, Mgm, oltre che per Panasonic, Intel, Boston Dynamics, Oakley. O almeno così scrive sul suo sito. Di certo è accreditato come consulente per i film di Robocop, quello del 2104, e per Transformers 4 dello stesso anno.
Condividi l'Articolo
Facebook
Facebook
Google+
Google+
http://scienzamagia.eu/come-avatar-e-aliens-ecco-i-primi-passi-del-robot-umano/
Inviami gli Articoli in Email:

Be the first to comment

Leave a Reply

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


Shop @ Magiko - Vendita online di Articoli Esoterici e Magici. Ritualistica e Festival Anno Magico!